Curcuma: i benefici e le potenzialità di una spezia come integratore

La curcuma è una spezia conosciuta da secoli per le sue mille virtù. Impariamo a conoscerla e ad approfittare dei suoi benefici per la nostra salute.
Di Karen Angelucci 11 giugno 2021
Integratori Curcuma

(Questo articolo è stato aggiornato l’11 giugno 2021)

La curcuma è una spezia di colore giallo-arancio con un sapore piccante, simile alla senape. Essa si usa prevalentemente in cucina, soprattutto quando si vogliono replicare dei piatti di derivazione orientale o si desidera giocare con i sapori, creando mix colorati e insoliti. Grazie ai suoi metaboliti tale sostanza, però, è in grado anche di migliorare la salute, agendo in distretti specifici. Per questo motivo la curcuma si annovera spesso tra gli ingredienti di integratori, tisane e prodotti per il corpo o cosmetici in generale. La sua azione, infatti, si esplica sia con applicazioni topiche che con assunzioni per bocca.

Approfondiamo insieme la curcuma e tutti i prodotti che l’annoverano come ingrediente.

– Integratori alimentari con curcuma pura

– Integratori alimentari con curcuma in associazione

– Prodotti cosmetici

– Tisane

Che caratteristiche ha la curcuma?

La curcuma longa è una pianta erbacea perenne originaria dell’Oriente, viene anche chiamata zafferano delle Indie a causa della sua colorazione intensa. La sua capacità di tingere viene usata non solo in cucina per rallegrare i piatti, ma pure per cambiare colore ai tessuti in maniera naturale.

Gli attivi sono contenuti nella radice della pianta che è simile a quella dello zenzero, questa può essere consumata fresca, grattugiata o affettata, oppure sottoposta a un processo di essiccamento e poi polverizzata. Questa spezia è l’ingrediente principale del curry nel quale è presente insieme al pepe, tale combinazione, come si vedrà in seguito, ne migliora l’assorbimento.

Proprietà della curcuma

La curcuma si usa in cosmetici e integratori alimentari in quanto contiene moltissime molecole bioattive. La maggior parte di queste sono costituite da curcuminoidi, tra cui spicca l’azione della curcumina, ma nella frazione volatile si possono trovare anche composti terpenici, come zingiberene e il curcumolo.

La medicina ayurvedica, fin dall’antichità, si serve di questa spezia per le sue numerose proprietà salutistiche, essa infatti permette di:

curcuma come utilizzarla

Prodotti a base di curcuma

Per sfruttare le proprietà benefiche della curcuma, essa dovrebbe essere somministrata in una concentrazione che va da 1,3 g fino a massimo 3 g al giorno. Per favorirne l’assorbimento, esclusivamente nei preparati da somministrare per bocca, spesso si trova in associazione con il pepe, un esempio è Arkopharma Arkocapsule Bio Curcuma Piperina 40 capsule. La piperina, infatti, rende più solubile in acqua la curcumina ed evita che questa possa essere eliminata prima che esplichi la sua azione. Se si consuma la curcuma come spezia per condire i propri piatti spesso si potrebbe avere una riduzione degli attivi, qualora si sottoponga a un calore prolungato. A tal proposito, se si vogliono sfruttare tutti i benefici di tale spezia senza questo rischio si possono usare gli integratori, i cosmetici e le tisane che l’annoverano tra gli ingredienti.

Integratori alimentari con curcuma pura

Gli integratori alimentari sono dei preparati con un’elevata concentrazione di nutrienti che hanno il fine di apportare al fisico sostanze di cui è carente o non si riescono ad assumere con la dieta. Ci sono quelli costituiti da un solo attivo, come ad esempio LongLife Curcuma Forte o Erba Vita Curcuma 60 capsule, in tal caso si è sicuri di assumere esclusivamente la sostanza di interesse che si trova in polvere o associata all’olio essenziale, che ne migliora l’assorbimento. Tra gli integratori a base di curcuma pura si annoverano formulati che non presentano indicazioni specifiche, quindi possono essere usati per contrastare il colesterolo elevato, la cattiva circolazione, l’infiammazione, una scorretta digestione e molto altro, ma ci sono anche integratori con un fine specifico, come Esi NoDol Curcuma 30 liquid naturcaps. Quest’ultimo è formulato in capsule riempite di soluzione micellare che garantiscono un assorbimento migliore, tale aspetto rende il prodotto è più efficace per combattere i dolori articolari.

Integratori alimentari con curcuma in associazione

Tra gli integratori alimentari si annoverano, oltre a quelli puri, anche quelli che presentano un mix di sostanze le quali contribuiscono, tutte insieme, alla risoluzione di uno specifico problema. Alcuni esempi sono:

Prodotti cosmetici

La curcuma si annovera anche in prodotti cosmetici, formulati da applicare sulla pelle per migliorarne l’aspetto. Tale proprietà è dovuta principalmente all’azione antiossidante della radice: i suoi attivi contrastano i radicali liberi i quali tendono a distruggere i tessuti e favorire l’invecchiamento precoce di tutto il corpo. Oltre che combattere le rughe sottili la spezia si oppone alla formazione di macchie scure, grazie a un’azione illuminante e depigmentante.

Estratti della radice si possono trovare pure all’interno di saponette che detergono in profondità e migliorano la pelle alterata da acne o altre infiammazioni, grazie alle proprietà antibatteriche.

Tisane

La tisana alla curcuma è una bevanda che dovrebbe essere bevuta quotidianamente al fine di ottenerne dei benefici. Come già accennato, infatti, la cucrumina si assorbe difficilmente a causa della sua spiccata lipofilia, a tal proposito, oltre che associarla con il pepe, anche un consumo costante ne favorisce l’efficacia. Le tisane a base di questa radice si consumano soprattutto per migliorare la digestione e per contrastare infiammazioni a carico della gola; nel caso si desideri, invece, avere un miglioramento della circolazione sanguigna, dei dolori o del colesterolo LDL alto, meglio selezionare un integratore alimentare perché presenta una maggiore biodisponibilità degli attivi.

Una tisana si può preparare in casa utilizzando la radice o la polvere di curcuma o, in alternativa, si possono acquistare quelle già pronte, come Specchiasol Infuso Gusto Curcuma Limone e Miele 20 Bustine e Neavita Tisana Curcuma, predosate in pratiche bustine, che devono essere semplicemente infuse in acqua per il tempo indicato sulla confezione.

Chi non dovrebbe usare la curcuma?

La curcuma, solitamente, non presenta controindicazioni, l’importante è non superare le dosi consigliate che corrispondono a 10 g al giorno per la spezia e i 950 mg di curcumina, altrimenti si potrebbe avere nausea e diarrea.

Alcune persone, invece, dovrebbero evitare totalmente di assumerla, si parla di coloro che soffrono di alterazioni delle funzioni epatiche e calcoli biliari; questi soggetti non la potrebbero usare nemmeno la spezia per condire gli alimenti. Anche coloro che presentano problemi di coagulazione del sangue dovrebbero evitare la curcuma, in quanto potrebbe esacerbare il problema. In generale qualora si faccia una terapia continuativa o momentanea con farmaci meglio chiedere un parere medico prima di assumere integratori alimentari che contengono tale spezia.

Fonti:

https://www.paginemediche.it/benessere/bellezza-e-salute/curcuma-proprieta-benefici-e-controindicazioni

https://it.wikipedia.org/wiki/Curcuma_longa

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31590362/

https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/lesperto-risponde/curcuma-da-panacea-ad-agente-tossico-per-il-fegato

 

Karen Angelucci
Karen Angelucci

Sono una farmacista e una creatrice di contenuti nell’ambito salute e benessere. Fin da bambina ho sempre amato la scrittura, riempiendo fogli su fogli con le mie storie, in seguito ho ottenuto un diploma Classico, che è stata una scelta naturale, vista la mia passione di raccontare e descrivere ciò che avevo intorno.

Quando si è trattato di scegliere un percorso...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti