Lifestyle 4 maggio 2019

Come funziona un ventilatore e quale scegliere

come scegliere il ventilatore

Con l’avvicinarsi della bella stagione, le giornate cominciano a farsi più calde: passare otto ore in ufficio, fare le pulizie in casa, persino addormentarsi o guardare la televisione può diventare difficile, specialmente se non abbiamo a disposizione un climatizzatore che raffreschi la stanza quando la temperatura si alza troppo. Il caldo ci rende meno attivi, meno concentrati, più nervosi e stanchi e per questo è importante correre ai ripari: se a casa o in ufficio non è installato alcun impianto di climatizzazione, c’è comunque una soluzione pratica ed economica che potete adottare per non soffrire troppo quando le temperature si fanno insopportabili. Stiamo parlando dei ventilatori: da molti considerati (a torto!) obsoleti e poco efficienti, sono invece un sistema efficace per raffrescare ambienti non troppo grandi in modo immediato. Oggi ne esistono modelli di ogni genere e per ogni budget, ventilatori da tavolo o ventilatori da terra, con più o meno funzioni: ecco dunque una breve guida alla scelta del miglior ventilatore a seconda delle esigenze e dello spazio disponibile.

Come funziona un ventilatore e quali funzioni ha

Al contrario dei climatizzatori, i ventilatori funzionano secondo un meccanismo molto semplice: l’aria, quando viene mossa, provoca un movimento dei flussi caldi e dei flussi freddi; questa variazione di flusso regala una sensazione di fresco e provoca un generale abbassamento della temperatura nell’ambiente circostante. Ovviamente, ad un maggiore volume d’aria spostato corrisponde un maggiore fresco: il volume d’aria che viene messo in movimento varia a seconda della dimensione e della potenza dell’apparecchio, anche se la temperatura nella stanza non potrà mai abbassarsi allo stesso modo che se nella stanza fosse presente un condizionatore.

Oggi esistono in commercio tantissimi modelli di ventilatori e, oltre a spostare l’aria, molti di questi hanno altre funzionalità che hanno come obiettivo quello di modificare l’aria nell’ambiente in cui si trovano e dando così una sensazione di freschezza maggiore. Ecco quali sono le principali funzioni aggiuntive dei ventilatori di ultima generazione:

Le tipologie di ventilatore

I ventilatori si distinguono essenzialmente in tre tipologie: c’è il  ventilatore da tavolo, il ventilatore da terra e il ventilatore da soffitto. Quest’ultima tipologia, pur rientrando nella categoria dei ventilatori per il meccanismo secondo cui funziona, richiede interventi più impegnativi per essere installata; sarà necessario un muratore e un elettricista per collegare i ventilatori da soffitto e dunque anche il costo sarà decisamente più alto. Per quanto riguarda le altre due tipologie, non ce n’è una migliore o una peggiore e la scelta che farete dipenderà essenzialmente dallo spazio a disposizione e dalla grandezza della stanza che dovete raffrescare. Per esempio, se avete necessità di un ventilatore per l’ufficio, per darvi un po’ di refrigerio mentre state alla scrivania, può essere sufficiente un modello da tavolo non troppo ingombrante: Rowenta VU2640 è particolarmente adatto agli ambienti di lavoro perché, oltre ad essere poco ingombrante, è incredibilmente silenzioso quindi non vi darà fastidio mentre vi concentrate.
ventilatore Rowenta VU2640

Per una stanza un po’ più grande, sarà preferibile optare per un modello da terra. Argo Genius è un ottimo compromesso tra prezzo, efficienza e tecnologia: dotato di funzione smart-eco per risparmiare energia, ha 3 velocità di ventilazione e 4 modalità di funzionamento (normale, natural, sleeping, smart-eco) per rispondere a ogni esigenza; i controlli sono semplici e intuitivi grazie al pannello soft touch e al display a led.
ventilatore Argo Genius

Se invece volete qualcosa di più dal vostro ventilatore, potete orientarvi verso un modello Dyson come il  Dyson Pure Cool Link Desk  che, oltre a raffrescare, purifica l’aria grazie ai filtri a carboni attivi e rileva gli agenti inquinanti; 10 velocità e un design inconfondibile, rigenera l’aria della stanza,
Dyson Pure Cool Link Desk

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, si è laureata in Scienze Politiche per diventare giornalista ma le esperienze e il caso l'hanno portata in tutt'altra direzione. Oggi scrive per vivere o vive di scrittura, in ogni caso fa quello che le piace di più e che le riesce meglio: lavora con alcune agenzie di comunicazione e con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

climatizzatori
Trend 5 marzo 2019

Trovaprezzi: i 5 climatizzatori più cercati del 2018

Mancano pochi mesi all'arrivo dell'estate e stai pensando che un climatizzatore è proprio quello che ti serve per affrontare l'afa e il caldo torrido di luglio e agosto? In commercio ci sono

ecommerce trend trovaprezzi
Trend 23 gennaio 2019

E-commerce trend: com’è stato lo shopping online nel 2018?

Vendite in crescita nel 2018 per un giro d’affari di 15 miliardi di euro, segnando così un +25% rispetto al 2017 per lo shopping online in Italia. Si confermano come top categorie: