Lifestyle 17 marzo 2020

Buona Giornata Mondiale delle Torte, la festa più golosa di sempre!

giornata mondiale delle torte

La giornata più dolce dell’anno si celebra il 17 marzo: stiamo parlando della Giornata Mondiale delle Torte, che dal 2015 è dedicata al piacere di impastare, mescolare e, ovviamente, gustare torte di ogni genere! Per tutti coloro che non fanno torte molto spesso e che non hanno grande esperienza nell’arte della pasticceria, è un’ottima occasione per mettersi alla prova con farina, zucchero e uova: anche chi non è abituato a cucinare può cogliere l’occasione, in questo periodo in cui tutti dobbiamo passare del tempo a casa, per cimentarsi nella preparazione di una deliziosa torta e scoprire quale soddisfazione ci sia nel gustare quello che è stato appena realizzato. L’hashtag #iorestoacasa è un ottimo pretesto per mettere le mani in pasta, da soli o con i bambini.

La giornata delle torte non è un’occasione storica, la data non è nemmeno certa se vogliamo essere precisi, ma resta il fatto che sia un ottimo modo per celebrare un’occasione di convivialità e divertimento in famiglia, in coppia o con gli amici.

Se accettate la sfida e decidete di mettere le mani in pasta in questa golosa giornata, ecco tre ricette da cui farvi ispirare! Vi serviranno solo gli ingredienti giusti, tanta fantasia e possibilmente elettrodomestici da cucina all’avanguardia per rendere il lavoro più semplice: planetaria, frullatore e fruste elettriche saranno degli alleati formidabili, soprattutto se non avete grande manualità e abilità pasticcere.

Come festeggiare la Giornata delle Torte

La Giornata Mondiale delle Torte non ha in realtà una data certa, negli anni la celebrazione ha cambiato più volte giorno di celebrazione e ha trovato spazio a gennaio, maggio o novembre. Negli Stati Uniti, per esempio, il 13 maggio si festeggia la torta più famosa di tutte durante il National Apple Pie Day: la prima ricetta ufficiale della torta di mele risale al 1381 ma è molto probabile che già in precedenza venissero preparate delle deliziose torte a base di mele. In Francia la tradizione delle torte va di pari passo con quella della pasticceria, grande cavallo di battaglia al di là delle Alpi: era il XIV secolo quando il cuoco francese Taillevent cucinava prelibate torte di mele o alla frutta per i sovrani di Francia; il motivo per cui si provò a far cuocere la frutta era inizialmente quello di farla durare più a lungo, vista l’assenza di frigoriferi e congelatori all’epoca.

In Italia, quando si parla di torta si intende generalmente una preparazione dolce di forma rotonda, utilizzata per festeggiare compleanni, occasioni speciali o come fine pasto. Non solo ogni regione e ogni città d’Italia ma anche ogni famiglia ha la sua tradizione e le sue ricette quando si parla di torte: di solito sono preparazioni semplici, fatte con pochi ingredienti proprio perché nascono come preparazione casalinga, ma troviamo anche torte di alta pasticceria, complesse ed elaborate.

Per chi ha deciso di cogliere l’occasione e festeggiare la Giornata Mondiale delle Torte mettendo le mani in pasta, ecco tre ricette da cui farsi ispirare.

Torta di mele

Ne esistono milioni di varianti, ognuno di noi ha la propria ricetta del cuore, quella che fa ormai ad occhi chiusi, senza nemmeno rileggere gli ingredienti e i passaggi. Sulle sue origini, in molti sono concordi che siano anglosassoni: divenuta famosa quando gli inglesi colonizzarono i territori americani, fu talmente apprezzata che in qualche decina d’anno divenne un’icona nazionale tanto da meritarsi il nome di “American Pie”. L’originale torta di mele americana nasce come metodo per conservare la frutta: le mele venivano inizialmente messe sopra l’impasto e, col tempo, un ulteriore strato di impasto veniva posizionato anche sopra.

american apple pie

American apple pie

Nel nostro paese la torta di mele segue una diversa preparazione. Solitamente si mescolano alcuni ingredienti di base come uova, farina, zucchero e latte a mano oppure in un’impastatrice: la Kenwood Cooking Chef è il meglio che potete acquistare, più che un’impastatrice è un sous chef, ma esistono anche tanti modelli più economici come la Bosch MUM4407 o la Klarstein 10031898 Bella Pico. All’impasto vengono aggiunte le mele tagliate a pezzi e qualche aroma come cannella, scorza di limone o vaniglia. Una delizia per tutta la famiglia!

Torta Paradiso

Morbida, soffice, semplicissima nel gusto e delicata, la torta Paradiso piace proprio a tutti. Anche la sua storia è molto affascinante: un frate erborista della Certosa, vicino a Pavia, spesso usciva per andare alla ricerca di erbe per i propri decotti e medicinali, nonostante ai frati fosse vietato. Durante una delle sue escursioni, incontrò una giovane sposina e proprio lei gli fece assaggiare una fetta della famosa torta, che lui trovò assolutamente deliziosa e si fece subito dare la ricetta. Il priore però si accorse delle uscite clandestine del frate e lo rinchiuse nel monastero: il frate dedicò il tempo di clausura alla preparazione della torta, di cui aveva ottenuto la ricetta, e i confratelli rimasero così colpiti dalla bontà del dolce da battezzarla torta Paradiso.

torta-paradiso

Torta Paradiso

Che questa storia si vera oppure no, quel che è certo è che la torta Paradiso è uno dei dolci più amati e si narra che fosse il preferito da Maria Callas. Premiata con la medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale di Milano del 1906, ancora oggi viene preparata con semplici e genuini ingredienti: burro, zucchero, farina, fecola e uova vengono miscelate per creare un impasto pesante e denso che, una volta cotto in forno, diventa soffice, morbido e arioso.

Torta Caprese

Non c’è amante del cioccolato che non apprezzi e non conosca la mitica torta Caprese, che prende il nome dall’isola campana di cui è originaria. Come spesso succede in pasticceria, la storia di questa torta è legata ad un errore: nel 1920, in un laboratorio artigianale sull’isola di Capri, un giovane pasticciere di nome Carmine di Fiore ricevette l’incarico di preparare una torta al cioccolato per tre malavitosi al servizio di Al Capone. Forse per distrazione o forse per l’ansia provocata dalla tipologia dei clienti, il cuoco dimenticò di mettere la farina nell’impasto: è proprio questo dettaglio che gli regala la sua consistenza unica, morbida al centro e croccante all’esterno.

torta caprese

Torta Caprese

Il segreto è montare a lungo gli albumi, per dargli una consistenza corposa, e lavorare bene burro, uova e zucchero per ottenere un composto spumoso e soffice: per farlo, a meno che non abbiate una manualità professionale, la cosa migliore è affidarsi alle fruste elettriche oppure ad un apparecchio specifico come Clatronic HMS 2739 che permette di montare gli ingredienti in modo impeccabile in breve tempo.

Immagine torta Caprese: Paneangeli; torta Paradiso: Buonissimo

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

come uscire dalla quarantena
Lifestyle 16 maggio 2020

Ripartire dopo la quarantena senza traumi? Ecco come!

L’emergenza sanitaria legata al Coronavirus ha stravolto le abitudini di tutti noi. Ogni paese, in misure e modalità molto simili, ha infatti dato il via ad un periodo di lockdown in cui

cuffie cancellazione del rumore
Tech 26 aprile 2020

Le migliori cuffie con cancellazione del rumore per un isolamento perfetto

Ascoltare musica o podcast in tranquillità, sentire al meglio i dialoghi durante una video conferenza di lavoro o una lezione online, ascoltare in maniera più nitida i dialoghi dei film: questo e

brunch sul terrazzo
Lifestyle 26 aprile 2020

Come organizzare un brunch sul balcone: ricette e mise en place

La primavera ha portato con sé la voglia di stare all’aperto e nonostante le limitazioni del decreto #iorestoacasa è possibile svolgere attività outdoor come trasformare il proprio balcone in una postazione di