Come scegliere la tavola da snowboard perfetta

Di Irene Bicchielli 2 gennaio 2019
Snowboard trovaprezzi

Tanti amici te lo consigliano e finalmente ti sei deciso ad entrare anche tu nel mondo dello snowboard. Il primo scoglio che incontrerai, prima ancora di vedere la neve, è scegliere la tavola da snowboard giusta: forse non sai che ci sono tantissime variabili, dalla lunghezza della tavola al tuo peso, senza contare i diversi stili, per ognuno esiste una tavola adatta. Devi assolutamente tenere in considerazione tutti questi fattori per evitare di sbagliare acquisto e ritrovarti con un oggetto non adatto a te. Ecco tutti i nostri consigli su come scegliere la tavola da snowboard perfetta per te.

L’uso che ne farai

Cominciamo dalla differenza tra gli stili. Visto che sei alle prime armi, ne prenderemo in considerazione soltanto due: il Freestyle, se vuoi imparare a cimentarti in salti, evoluzioni e rotazioni, richiede una tavola maneggevole e simmetrica; se invece preferisci sfrecciare sulle piste e avere una migliore presa, stai pensando all’All Mountain e ti servirà una tavola direzionale, non simmetrica, dotata di maggiore stabilità a grande velocità.

Le misure e peso

Il tuo peso è fondamentale per scegliere il giusto prodotto. Ogni tavola da snowboard, nelle specifiche tecniche, ha un range di peso supportato quindi la prima cosa da fare è controllare se rientri nel range. A questo punto devi capire quale dev’essere la lunghezza della tavola e anche in questo caso si ragiona in base ai diversi stili: una tavola da snowboard All Mountain dovrebbe arrivarti più o meno all’altezza del mento/bocca; una tavola da Freestyle invece è più corta e dovrà arrivarti indicativamente tra spalla e mento.

Gli attacchi degli scarponi

Infine, è importante considerare anche la posizione degli attacchi per gli scarponi perché dovrai stare in perfetto equilibrio una volta in pista: se la tavola è troppo larga rispetto agli attacchi avrai poca sensibilità, se invece è troppo stretta ti ritroverai a sfregare sul terreno durante le curve e aumenterai il rischio di cadute. Le tavole da snowboard conosciute come Wide sono costruite per chi ha un numero di scarpe superiore al 44/45 mentre i modelli Narrow sono indicati per ha un numero inferiore al 44.

Ora che hai tutte le informazioni che ti servono, ecco qualche prodotto particolarmente interessante che puoi prendere in considerazione per cominciare a fare snowboard.

La top 3 delle tavole da snowboard

Tavola Nitro Prime

La tavola da snowboard Nitro Prime è l’ideale per chi come te si sta avvicinando al mondo dello snowboard per la prima volta; facile e maneggevole, è una tavola per tutti e consente di migliorare velocemente la propria tecnica grazie al semplicissimo controllo. Non ti farà prendere velocità troppo in fretta e ti farà fare delle belle figure con gli amici anche se sei alle prime armi; è disponibile in diverse misure e in due colori, giallo e blu.
nitro prime

Tavola Burton Ripcord

Questo modello è leggermente più costoso ma è comunque indicato per chi comincia a muovere i primi passi con lo snowboard e desidera una tavola che semplifichi l’apprendimento e il miglioramento. La tavola Burton Ripcord è disponibile sia in versione Wide che Narrow, resiste ottimamente alle abrasioni grazie alla soletta speciale e grazie alle fibre di vetro biassiali assicura una morbida torsionalità e semplicità di utilizzo.
burton-ripcord

Tavola Nitro T1

Infine, la tavola Nitro T1 è perfetta sia per i principianti che per chi già da qualche tempo si cimenta nello snowboard. Ogni anno la tavola viene migliorata tecnicamente dal team Nitro in modo da essere semplice da guidare e da garantire ottime performance. È adatta allo stile Freestyle ed è progettata per surfare con naturalezza, con un flex morbido nella parte centrale e un pop deciso su punta e coda. Se il tuo obiettivo è diventare uno snowboarder freestyler provetto, questa è la tavola che fa per te.
nitro t1

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti