Sport 14 aprile 2019

Le migliori scarpe da trekking per le tue prossime escursioni

scarpe da trekking

Le escursioni, le passeggiate all’aria aperta, i sentieri tra boschi e ruscelli di montagna: il trekking è uno degli sport più piacevoli da fare con la bella stagione perché si sta a contatto con la natura, si ammirano paesaggi mozzafiato e si va alla scoperta dei luoghi più belli e incontaminati del nostro paese. La prima cosa da fare prima di mettersi in cammino, però, è scegliere le migliori scarpe da trekking: ci sono diversi fattori che incidono sulla scelta e avere ai piedi il modello di scarpe da montagna giusto può fare la differenza tra un’esperienza piacevole e divertente e una camminata dolorosa senza fine!

Tanto per cominciare, non badate all’aspetto estetico: quando si fa trekking, è importante avere l’attrezzatura migliore in termini di comodità e funzionalità, non di bellezza. Uno zaino capiente ma leggero, una borraccia con una bella scorta d’acqua, l’abbigliamento adeguato e, ovviamente, paio di scarpe da trekking confortevoli e resistenti: queste sono le cose più importanti da portarsi dietro quando si esce per un’escursione. In questo articolo scopriamo proprio come scegliere le migliori scarpe da trekking in base alle variabili più significative.

Tre variabili per scegliere le scarpe da trekking

La scelta del modello migliore di scarpe da trekking andrebbe fatta partendo da alcune considerazioni che prendono in esame 3 variabili principali. Ecco quali sono.

Sulla base di queste caratteristiche, le migliori scarpe da trekking vengono suddivise in diverse categorie.

Le tipologie di scarpe da trekking

Le scarpe da trekking si distinguono in tre categorie che offrono un sostegno più o meno importante alle caviglie e una libertà minore o maggiore di movimento. Ecco quali sono.

Salomon Speedcross 4 Gtx

 

CMP Rigel Mid

The North Face Ultra FP III MID GTX

Come scegliere le migliori scarpe da trekking?

In definitiva, per scegliere il miglior modello adatto alle vostre escursioni, dovete soltanto incrociare le variabili con le tipologie di scarpa. In generale, ci sono però delle caratteristiche che non dovrebbero mancare e non si dovrebbe mai scendere sotto un certo livello di qualità: ogni buona scarpa deve assicurare comfort, traspirabilità e impermeabilità (una o l’altra o entrambe), leggerezza, durabilità e performance. Oggi i materiali con cui vengono prodotte le scarpe da trekking sono estremamente leggeri e, grazie alle evoluzioni tecnologiche in questo campo, la leggerezza va di pari passo con le ottime prestazioni. Un altro elemento da valutare con attenzione è la suola: se è di buona qualità, deve garantire torsioni minime, ottima tenuta laterale anche in situazioni di appoggio difficoltose, capacità di ammortizzamento in caso di sollecitazioni e urti, grip ottimale anche in caso di suolo scivoloso e umido.

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

progetto WMNS Together Nike
Sport 9 agosto 2019

AW Lab e Nike insieme per un progetto dedicato alle donne

"Ognuna di noi ha un potere. O meglio: un super potere." Comincia così il manifesto redatto da AW Lab e Nike, dedicato a tutte le donne che vogliono costruire un futuro migliore.

Lacoste storia del brand
Sport 26 giugno 2019

Lacoste, storia del brand icona che ha inventato la polo

Oggi, dire polo è un po' come dire Lacoste. Ma come è nato il brand francese famoso in tutto il mondo per l'eleganza e la semplicità dei suoi capi di abbigliamento sportivo?

Softair
Sport 28 maggio 2019

Softair: cos’è e quale attrezzatura serve per iniziare

Il softair è un’attività che negli ultimi anni sta riscuotendo sempre più successo, anche in Italia. Il termine arriva dalla lingua inglese e significa letteralmente “aria soffice” o “aria compressa” perché, per