Come sincronizzare le foto su Google da smartphone Huawei

Col passare degli anni le fotocamere integrate nei nostri smartphone sono diventate sempre più avanzate, sia nella fascia alta, come nel caso del top di gamma Huawei P20 Pro, che nella fascia medio-bassa, ad esempio con Huawei P20 Lite.

La tripla fotocamera, l’intelligenza artificiale e sensori sempre più performanti e ad alta risoluzione, permettono di poter fare a meno di una compatta o comunque di una macchina fotografica dedicata, decisamente più ingombrante e difficile da usare rispetto ad un cellulare. Ciò consente di poter scattare una foto in qualsiasi momento, con un semplice punta e scatta: da un lato è una cosa positiva, in quanto possiamo catturare momenti e ricordi con estrema facilità, dall’altro un numero sempre maggiore di foto si scontra con uno spazio di archiviazione comunque limitato.

La soluzione è effettuare un backup su Cloud, ovvero uno spazio virtuale in cui le nostre foto possano essere salvate senza limiti e con la massima sicurezza. Le soluzioni sono diverse, sia gratis che a pagamento, ma tra le più vantaggiose c’è Google Foto. Il servizio di backup dell’azienda statunitense infatti, non solo permette di avere uno spazio illimitato gratuito per l’archiviazione delle proprie foto, ma è dotato anche di funzionalità intelligenti che permettono di creare album, filmati, collage con pochi semplici click. Tramite questa guida vi spieghiamo come configurare l’applicazione in modo da eseguire il backup di tutte le vostre foto in maniera completamente automatica.

Il primo passo da fare per poter usare Google Foto, è avere un account Google. Chi possiede un cellulare Android potrà utilizzare quello inserito in fase di configurazione del proprio terminale, mentre chi possiede dispositivi Apple, dovrà crearne uno nuovo, semplicemente cliccando qui.

Subito dopo sarà necessario assicurarsi di avere installato l’applicazione Google Foto sul proprio dispositivo. Nel caso di un cellulare Android, l’applicazione dovrebbe già essere presente, ma nel caso non fosse così si può scaricare direttamente dal PlayStore, disponibile tramite questo link.

Successivamente all’installazione dell’applicazione, sarà sufficiente aprirla e inserire le credenziali del proprio account Google, oltre che permettere l’accesso alle proprie foto quando viene richiesto. Tale passaggio è necessario per poter consentire all’applicazione di gestire la galleria multimediale presente sul nostro smartphone. Verrà anche chiesto se si voglia o meno ricevere delle notifiche, in tal caso la scelta è personale e non inficia le funzionalità dell’applicazione.

Eseguiti questi passaggi l’applicazione è già configurata per effettuare il backup in maniera automatica: tuttavia, cliccando sull’icona in alto a sinistra, potremmo accedere alle impostazioni, in maniera da personalizzare la modalità di backup che preferiamo.

 

Le voci presenti sono le seguenti:

Cartelle del dispositivo sottoposte a backup: tramite questa voce possiamo selezionare ogni cartella in cui sono presenti contenuti multimediali (foto e video), presente sia sulla memoria del dispositivo, sia su una eventuale scheda micro-SD se il vostro dispositivo lo prevede. È dunque possibile scegliere quali contenuti sincronizzare e quali invece lasciare sul dispositivo.

Dimensioni di caricamento: Google Foto offre spazio illimitato per l’archiviazione delle foto solamente se queste vengono caricate in “Alta qualità”. Ciò significa che se una foto supera i 16 Megapixel, verrà compressa dagli algoritmi di Google per soddisfare tale dimensione. Nel caso venga scelta l’opzione “Qualità originale”, le foto non verranno compresse, ma il backup verrà eseguito usando i 15GB di archiviazione del nostro account Google, espandibili a pagamento, a 100GB, 1TB o 10TB a seconda delle nostre esigenze. Maggiori informazioni a questo link.

Backup tramite rete dati: disponibile sia per le foto, che per i video, attivando tale opzione il backup sarà eseguito in qualsiasi momento, sia tramite rete Wi-Fi, sia tramite il piano dati del nostro operatore. Nel caso in cui non vogliate consumare i Giga compresi nel vostro piano dati, consigliamo di lasciare disattivata questa opzione: in tal caso il backup verrà eseguito esclusivamente quando il nostro dispositivo sarà collegato tramite rete Wi-Fi.

Roaming: Se attivata, tale opzione permetterà di effettuare il backup delle nostre foto, anche durante il roaming, ovvero quando siamo all’estero con connessione dati. Nel caso non si volesse incidere sul consumo del proprio piano dati, sarà sufficiente lasciare tale opzione disattivata.

Se avete seguito la nostra guida, il vostro smartphone Huawei, è adesso pronto per effettuare il backup delle foto in maniera completamente automatica ogni volta che verrà connesso a una rete Wi-Fi. Ciò vi permetterà inoltre di avere accesso alla vostra libreria fotografica da qualsiasi dispositivo, semplicemente collegandovi a questo indirizzo, ed eseguendo il login con l’account Google usato per effettuare il backup.

Altri articoli per: , , , ,