Tech 27 febbraio 2019

Microsoft Kinect torna, ma non è per i videogiochi

Il Microsoft Kinect è un sistema di controllo per videogame, che trasforma l’intero corpo del giocatore nel controller. Microsoft lo introdusse con la Xbox 360, presentando poi una seconda versione con la Xbox One. Il prodotto non ha avuto il successo sperato e oggi è amato solo da una ristretta nicchia di giocatori – in particolare giovanissimi che apprezzano giochi come Kinectimals, Kinect Sports Rivals oppure il recentissimo Just Dance 2019.

Microsoft però no ha del tutto abbandonato il progetto – la cui tecnologia tra le altre cose è la stessa del riconoscimento facciale presente sull’iPhone XS. L’azienda di Redmond infatti ha di recente presentato una nuova versione del sensore, che si chiama Azure Kinect, indirizzata al mondo aziendale e professionale.

Microsoft Azure Kinect

Azure Kinect integra sensori di profondità, videocamere ad alta definizione e microfoni. Secondo le informazioni diffuse da Microsoft, la fotocamera di profondità ha un sensore da 1 megapixel, i microfoni una sensibilità a 360 gradi, e la fotocamera principale un sensore da 12 MP. Il tutto in un formato compatto e pratico da installare.

Vede e sente lo spazio intorno a sé, ed è già utilizzato in alcuni contesti specifici: la catena statunitense AVA Retail, per esempio, lo ha scelto per le casse automatiche. In ambito ospedaliero, l’Azure Kinect può prevenire le cadute del paziente.

Le prestazioni sono potenzialmente molto alte, e i possibili campi di applicazione sconfinati. Non tanto per la potenza hardware in sé, che non è molto superiore rispetto al primo Kinect per Xbox 360. Sono i server di Azure, il sistema cloud computing di Microsoft, a fare la differenza.

Valerio Porcu

Giornalista nel settore della tecnologia, fa parte del team di Tom's Hardware italia da oltre 10 anni e si occupa di smartphone, Intelligenza Artificiale, privacy e software. Curioso per natura, è un geek ante litteram che divora libri e film ogni volta che ne ha il tempo (non molto spesso). Collabora al magazine di Trovaprezzi.it con guide e tutorial per aiutare il pubblico a usare la tecnologia moderna.

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Tech 26 marzo 2019

Microsoft: DNA al posto della memoria digitale

Lo sviluppo di nuove tecnologie e nuovi dispositivi ha bisogno, tra le altre cose, di supporti di memoria sempre migliori, più capienti e più veloci. Al momento possiamo contare sulla memoria NAND

Tech 20 marzo 2019

Xbox Live arriva su iOS e Android

Microsoft ha fatto un ulteriore passo nella sua strategia per espandere i servizi ad altre piattaforme e ad un numero maggiore di persone. In particolare, presto Xbox Live arriverà anche su iOS

Tech 12 marzo 2019

Microsoft: i giochi escono da Xbox e arrivano su Android, iPhone e Switch

Microsoft si è creata una posizione solida nel mondo dei videogiochi e, per quanto Sony resti leader, la Xbox One X è sicuramente un prodotto di successo, mentre la più economica Xbox One