Tech 13 marzo 2019

Redmi Note 7 arriva in Italia e sbaraglia la concorrenza

Il nuovo Redmi Note 7 arriva ufficialmente in Italia, e grazie ad un prezzo bassissimo si candida sin da subito ad essere uno tra i migliori acquisti del 2019 in ambito smartphone. Annunciato ieri a Milano, si tratta di uno smartphone che, ancora una volta, unisce caratteristiche di alto livello ad un prezzo competitivo.

Il Redmi Note 7 offre uno schermo IPS LCD da 6,3 con risoluzione FullHD+ e un notch a goccia. È ricoperto di Gorilla Glass 5 sia davanti sia dietro e, come ha specificato il responsabile del marketing Davide Lunardelli, l’azienda ha lavorato per dotare questo smartphone di una spiccata resistenza. In particolare, gli angoli sono rinforzati per resistere meglio a eventuali urti. Una scelta progettuale che consente a Redmi (by Xiaomi) di definirlo uno smartphone “progettato per durare”.

Il design non è particolarmente ricercato, ma troviamo comunque cornici più sottili del 10% rispetto al Redmi Note 5, e l’estetica è impreziosita da una finitura lucida che crea affascinanti giochi di luce. Non sembra troppo scivoloso, ma si sporca facilmente con le impronte digitali – in particolare la versione nera.

redmi-note-7

All’interno il collaudato processore Qualcomm Snapdragon 660, abbinato a 3/32 o 4/64 GB di memoria, secondo la versione. Le prestazioni dovrebbero essere più che adeguate, probabilmente superiori rispetto a modelli dal prezzo simile. La batteria da 4.000 mAh è piuttosto grande, e l’autonomia attesa è sicuramente molto alta. La piena giornata dovrebbe essere assicurata, e probabilmente si può arrivare anche a due giorni.

Notevole la fotocamera con sensore da 48 megapixel (1/2”, pixel da 1,6 nanometri). Si tratta di una scelta che permette in particolare di raccogliere un maggior numero di dettagli. Non è ai livelli di prodotti più lussuosi come l’Honor View 20, il Samsung Galaxy S10 o l’iPhone XS, ma considerato il prezzo è davvero una fotocamera eccezionale.

Presente all’appello anche il jack per le cuffie da 3,5 mm e il sensore a infrarossi, che permette di trasformare il Redmi Note 7 (e in generale tutti gli smartphone Xiaomi) in un telecomando per controllare TV, lettori DVD, condizionatori e molto altro.

Durante la presentazione i rappresentanti di Redmi hanno insistito molto sul confronto con Huawei Mate 20 Lite e Samsung Galaxy A7, due smartphone comparabili con il Note 7 ma che costano un po’ di più. Vale la pena notare, però, che Samsung ha recentemente introdotto il Galaxy M20 proprio per rispondere a prodotti come il Redmi Note 7.

È infatti il prezzo il dettaglio più incredibile del Redmi Note 7 by Xiaomi: la versione 3/32 GB costa infatti, di listino, 179,9 euro ed è già in commercio. La versione più interessante è però quella da 4/64 GB, che sarà disponibile dal 15 marzo a 199,9 euro. Un prezzo grazie a cui il Redmi Note 7 si lascia alle spalle tutti i concorrenti.

Valerio Porcu

Giornalista nel settore della tecnologia, fa parte del team di Tom's Hardware italia da oltre 10 anni e si occupa di smartphone, Intelligenza Artificiale, privacy e software. Curioso per natura, è un geek ante litteram che divora libri e film ogni volta che ne ha il tempo (non molto spesso). Collabora al magazine di Trovaprezzi.it con guide e tutorial per aiutare il pubblico a usare la tecnologia moderna.

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Tech 26 marzo 2019

Microsoft: DNA al posto della memoria digitale

Lo sviluppo di nuove tecnologie e nuovi dispositivi ha bisogno, tra le altre cose, di supporti di memoria sempre migliori, più capienti e più veloci. Al momento possiamo contare sulla memoria NAND

Tech 26 marzo 2019

Smartphone da 100 megapixel entro il 2019

Secondo Qualcomm, società che produce tra le altre cose anche i processori di molti smartphone, entro la fine del 2019 sarà tecnicamente possibile realizzare smartphone con un sensore fotografico da oltre 100

Tech 26 marzo 2019

Apple Arcade, News+, TV+ e Card: nuovi servizi per tutti

Ieri Apple ha annunciato molti nuovi servizi dedicati ai suoi clienti. Chi possiede o acquisterà un iPhone, un iPad o un Macbook, dunque, nel corso dei prossimi mesi potrà accedere a una quantità