Tech 30 giugno 2019

Recensione Jabra Elite 85h

Jabra Elite 85H

Il settore delle cuffie wireless con riduzione attiva del rumore vede da anni due grandi contendenti: da un lato le Bose QuietComfort 35 II, dall’altro le Sony WH-1000XM3. Ma sono tanti i produttori che propongono di volta in volta le loro alternative. Tra questi sicuramente Jabra è stato un player assente per anni da tale mercato, ma è finalmente arrivato con un prodotto in grado di dire la sua e di poter fare la differenza grazie anche a un prezzo decisamente competitivo.

Si tratta delle Jabra Elite 85h, un paio di cuffie wireless con ANC realizzate con estrema cura, dotate di otto microfoni e soprattutto di un’autonomia di ben 36 ore. Le abbiamo provate per qualche settimana e possiamo dunque raccontarvi i pregi e qualche piccola criticità.

Confezione e materiali

Voto: 9/10

Nella confezione sono presenti una custodia semirigida per il trasporto, un cavo aux per usare le cuffie con dispositivi non dotati di Bluetooth, un cavo per la ricarica con USB-C, un adattatore per poter usare le cuffie anche in aereo e ovviamente le Jabra Elite 85h. Costruite in plastica e rivestite in tessuto, gli assemblaggi sono fatti con cura maniacale e viene trasmessa una forte sensazione di robustezza.

Sulla cuffia sinistra è presente un pulsante che consente di cambiare la modalità di riduzione attiva del rumore tra le tre disponibili, mentre sulla destra un altro pulsante dedicato permette di attivare l’assistente vocale.

Jabra Elite 85H

Presenti anche un jack aux da 3,5mm, la porta USB-C per la ricarica e tre pulsanti per la gestione della riproduzione audio.

L’archetto si può regolare tramite un meccanismo a slitta, in maniera precisa, in modo da consentire il massimo comfort disponibile, mentre padiglioni e archetto presentano un soffice rivestimento in ecopelle e una morbida imbottitura in memory-foam in grado di adattarsi alle forme della nostra testa, garantendo una distribuzione dei pesi ottimale.

Funzioni e applicazione

Voto: 9/10

Oltre alla riduzione attiva del rumore, tramite l’applicazione si ha accesso a tutta una serie di funzioni utili che migliorano l’usabilità delle cuffie. L’applicazione Sound+ infatti consente di gestire in maniera fine l’equalizzazione, lasciando all’utente la possibilità di personalizzare la riproduzione audio, preferendo per esempio di enfatizzare gli alti o i bassi, oppure di scegliere tra una serie di valori predefiniti.

Inoltre, si può abilitare la modalità Smart Sound: tramite essa, i microfoni rimarranno attivi e analizzeranno la tipologia di ambiente che ci circonda andando così a impostare di default i parametri più adatti. Una modalità però ancora un po’ acerba che in alcuni casi potrebbe non funzionare alla perfezione.

Jabra Elite 85H

Infine, si può scegliere l’assistente vocale tra Alexa, Google Assistant e Siri, sempre dalle impostazioni.

Per quanto riguarda invece la riduzione attiva del rumore, l’utente può scegliere tra tre impostazioni: spenta, consigliata quando si usano le cuffie in luoghi chiusi, hear-through, che apre i microfoni lasciando passare l’audio ambientale e di eventuali persone che ci stanno parlando e accesa, che attiva la soppressione attiva in modo da isolarci completamente dall’ambiente esterno. Le cuffie Jabra Elite 85h hanno inoltre certificazione IP52: nonostante il tessuto esterno si impregni quando bagnato, i componenti interni sono protetti da un nano rivestimento che di fatto li rende resistenti a gocce di pioggia e acqua in generale.

Ergonomia e autonomia

Voto: 9/10

I padiglioni sono molto grandi e sono di tipo over-ear, ovvero riescono ad avvolgere in maniera ottimale l’orecchio senza creare alcuna pressione su di esso e garantendo un ottimo comfort anche per lunghe sessioni di ascolto. Purtroppo, il peso vicino ai 300 grammi potrebbe causare qualche fastidio nel caso le cuffie vengano indossate per più di qualche ora. Sia le cuffie Sony WH-1000XM3 sia le cuffie Bose QC35 II infatti pesano solo poco più di 250 grammi, differenza che si fa sentire nel caso di lunghi viaggi intercontinentali la cui durata può anche superare le 20 ore.

Jabra Elite 85H

L’autonomia è invece eccezionale: l’azienda dichiara ben 36 ore di autonomia ed effettivamente, con un uso piuttosto intenso non siamo ancora riusciti a scaricarle del tutto. Possiamo dunque tranquillamente affermare che la durata dichiarata sia molto vicina a quella effettiva e di fatto superiore a tutte le principali concorrenti.

Qualità audio

Voto: 8/10

I driver da 40 millimetri riescono a garantire una riproduzione audio molto buona su tutte le frequenze, con una buona ampiezza dei bassi che non risultano mai oppressivi e soprattutto con alti e medi sempre cristallini e che non vanno mai a distorsione anche ai volumi più alti.

Jabra ha scelto un approccio conservativo, che rende l’acustica di queste cuffie piacevole con diversi stili musicali e adatta anche a lunghi ascolti. Suonano meglio rispetto alle Bose QC 35II, ma rimangono ancora un leggero passo indietro rispetto alle Sony WH-1000XM3.

Jabra Elite 85H

La riduzione dei rumori è invece alla pari: l’azienda è riuscita a mettere a punto un sistema efficace non solo con i rumori costanti tipici della carlinga di un aereo o del vagone di un treno, ma anche con i rumori che hanno picchi come lo stridere dei freni di un tram o il baccano di un martello pneumatico. In generale le prestazioni sono decisamente soddisfacenti.

Buono anche il microfono per le chiamate, anche se il volume della voce dell’interlocutore risulta piuttosto basso e in situazioni di forte trambusto costringe a togliere le cuffie e a usare il cellulare per poter effettuare correttamente una chiamata.

Conclusioni

Voto: 8,5/10

Le Jabra Elite 85h sono un’ottima alternativa alle cuffie wireless che da anni dominano il mercato. Il prezzo di listino di 300 euro, ma già intorno ai 220 euro online, le rende un’alternativa molto appetibile sia rispetto alle più vicine concorrenti, come le Sony WH-1000XM3 e le Bose QC35 II, sia rispetto alle proposte di fascia più bassa, come le Fresh ‘n Rebel Clam ANC o le Sennheiser HD 4.50.

Peccato per il peso sopra la media che potrebbe scoraggiare qualcuno, ma per quanto riguarda comfort, qualità audio e soppressione del rumore, si tratta di una delle migliori cuffie attualmente disponibili.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Apple AirPods 2
Tech 30 luglio 2019

Recensione Apple AirPods 2: auricolari top e ricarica wireless

Dopo che le prime Apple AirPods furono annunciate insieme all’iPhone 7, il primo a rinunciare al jack aux da 3,5 millimetri. Fecero sicuramente scalpore ma introdussero un nuovo segmento di mercato lo

10 migliori cuffie wireless
Tech 18 maggio 2019

Le migliori 10 cuffie wireless

Le cuffie e gli auricolari wireless sono letteralmente il tormentone degli ultimi mesi. La progressiva rinuncia del jack aux da 3,5 millimetri nella maggior parte degli smartphone e la sempre maggiore qualità

Master&Dynamic MW65 ANC
Tech 10 maggio 2019

Master&Dynamic MW65: cuffie con riduzione attiva del rumore

Master&Dynamic è un’azienda che produce prodotti audio di lusso, estremamente curati nel design e nei materiali e con una qualità audio di altissimo livello. Prodotti insomma molto di nicchia ma facili da