Tech 18 marzo 2019

Android Q, ecco le novità nella versione beta per sviluppatori

Android-Q

Da qualche giorno Android Q è disponibile in versione beta per gli sviluppatori. La prossima versione del sistema non arriverà sui nostri smartphone ancora per alcuni mesi, ma questa prima anticipazione offre l’occasione di dare un’occhiata alle novità in arrivo.

Come da tradizione, la nuova versione di Android sarà disponibile prima di tutto sul prossimo smartphone Google Pixel 4, cioè sull’erede del Google Pixel 3 e del Google Pixel 2. Successivamente gli altri modelli riceveranno l’aggiornamento, almeno quelli più recenti. I modelli che saranno aggiornati più in fretta, probabilmente, sono quelli con Android One: ne sono validi esempi il Nokia 7 Plus, il Nokia 8 Sirocco o lo Xiaomi Mi A2.

La versione definitiva di Android Q sarà annunciata a maggio, con una distribuzione finale in autunno, e porterà con sé alcune novità interessanti tanto per gli sviluppatori quanto per l’utente finale. In particolare, Google ha sottolineato una rinnovata attenzione alla privacy, mirata a ostacolare applicazioni potenzialmente pericolose.

Android Q

Sarà poi introdotto il supporto nel kernel agli smartphone pieghevoli, i cui primi modelli sono stati annunciati proprio nelle ultime settimane da parte di Samsung (Galaxy Fold) e Huawei (Mate X), con altre aziende pronte a mostrare la propria interpretazione di questo concetto.

Android Q introduce poi nuove API, grazie alle quali le applicazioni potranno sfruttare al meglio i sensori multipli della fotocamera. Si potranno sfruttare effetti creativi, dunque, anche con app diverse da quella preimpostata per la fotocamera, e giocare con i vari effetti resi possibili da tre o più sensori (cinque nel caso nel Nokia 9 PureView).

C’è poi una serie di novità più piccole, ma importanti come quelle che riguardano la sicurezza del Wi-Fi. Nell’insieme Android Q, per ora, non sembra comunque una rivoluzione per il mondo degli smartphone. Si potrebbe parlare, invece, di un miglioramento incrementale sotto ogni aspetto – un approccio che forse è persino preferibile rispetto a cambiamenti più spettacolari ma non sempre utili (o stabili).

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

android
Tech 1 novembre 2019

Android 11: arriva l’ADB wireless

Android 11 vanterà un notevole avanzamento tecnico, vale a dire la funzione ADB Wireless. L'acronimo sta per Android Debug Bridge, e indica una funzione usata per manipolare e modificare lo smartphone tramite

Registrare chiamate smartphone
Tech 4 ottobre 2019

Come registrare le chiamate sullo smartphone

A volte può tornare utile dover registrare una chiamata per la necessità di doverla riascoltare. Che si tratti di motivi personali, relazionali o di lavoro, si tratta di una funzione utile in

Xiaomi-Android-9
Tech 15 marzo 2019

Smartphone Xiaomi con Android 9, ecco i modelli

Xiaomi ha comunicato i modelli che riceveranno Android 9 Pie, cioè l'aggiornamento all'ultima versione del sistema operativo. Come sempre accade in questi casi, la novità riguarda solo i modelli migliori e più