Tech 3 dicembre 2018

Come configurare il kit di videosorveglianza D-Link DCS-2802-KT

Kit videosorveglianza D-link DCS 2802 trovaprezzi

Con l’avvento di Internet e dei dispositivi connessi, le nostre case si sono riempite di tecnologia. Anni fa creare un sistema di videosorveglianza completo richiedeva soldi e parecchie conoscenze, mentre al giorno d’oggi si riesce a fare tutto in maniera semplice e immediata.

Tra i numerosi sistemi attualmente disponibili, uno tra i più recenti e avanzati è proprio il kit di D-Link DCS-2802-KT, composto da una stazione di sincronizzazione e da due telecamere wireless. Proprio il fatto che le due videocamere sono wireless rappresenta uno dei grossi punti di forza, in quanto potremo installarle in qualsiasi punto dell’abitazione, a patto che questo sia raggiunto dalla rete Wi-Fi tramite un router. Bisognerà però ricordarsi di caricarle quando necessario, cosa che ci verrà ricordata direttamente dall’applicazione. La batteria ha una lunga durata, oltre due mesi, quindi non sarà un problema nella maggior parte dei casi.

kit di videosorveglianza D-Link DCS-2802-KT

Configurazione

La prima cosa da fare è scaricare l’applicazione My D-Link (Android o iOS) e creare un account, necessario per poter passare alla vera configurazione, attraverso la quale verremo guidati dalle istruzioni a schermo. Sui dispositivi Android, sarà necessario dare le dovute autorizzazioni, in modo da far funzionare le notifiche correttamente.

Istruzioni kit di videosorveglianza D-Link DCS-2802-KT

Dovremo dunque installare la stazione di sincronizzazione. Tutto il necessario è già fornito nella confezione, tra cui l’alimentatore, con adattatori per presa inglese e italiana e il cavo ethernet che servirà a collegare la stazione al nostro router. Nella parte posteriore è presente anche una porta USB mentre lateralmente uno slot per schede microSD. Entrambi permettono di archiviare le immagini registrate in locale, permettendo dunque di poter installare un hard disk esterno o una microSD.

Una volta collegata la stazione e avviata l’applicazione, per procedere all’abbinamento ci verrà chiesto di inquadrare il codice QR presente nella parte inferiore. Attendiamo poi che la spia del collegamento a Internet sulla stazione di sincronizzazione diventi verde fisso. Si procede a questo punto a collegare le due videocamere. Per farlo è necessario tenere premuto per qualche secondo il piccolo tasto posto lateralmente su ciascuna videocamera di sorveglianza. Questa operazione andrà ripetuta nel caso volessimo aggiungere videocamere al nostro sistema di videosorveglianza. Ogni stazione è infatti in grado di gestire fino a quattro videocamere connesse contemporaneamente.

Istruzioni kit di videosorveglianza D-Link DCS-2802-KT

L’abbinamento delle fotocamere richiederà qualche minuto, dopodiché potremo assegnare ogni dispositivo collegato a una data zona di casa nostra. Importante sottolineare che le videocamere sono impermeabili e resistenti alle intemperie. SI possono quindi installare anche all’esterno, in ogni condizione. Il consiglio è comunque quello di posizionarle in modo che siano abbastanza protette da eventuali folate di vento o dalla pioggia diretta.

 

Impostazioni

Ogni videocamera del kit di videosorveglianza D-Link DCS-2802-KT si può impostare singolarmente, per scegliere le modalità di funzionamento migliori a seconda di dove vengono utilizzate.

È possibile attivare o disattivare il microfono: il consiglio è di tenerlo sempre attivo, così da poter avere nella registrazione anche la traccia audio di ciò che avviene.

Ogni videocamera è anche dotata di un altoparlante che consente di comunicare in maniera facile e veloce direttamente dallo smartphone. Può rivelarsi utile con gli animali domestici, o anche come baby monitor interattivo.

Sensibilità al movimento. In questo caso non c’è un valore che va bene per tutto; bisognerà fare delle prove e trovare quello migliore. Zone con forti variazioni di luminosità durante la giornata potrebbero infatti portare a un allarme indesiderato, ma se abbassiamo troppo la sensibilità un movimento sospetto potrebbe non essere rilevato. C’è in seguito la possibilità di attivare la visione notturna in maniera del tutto automatica, opzione che consigliamo. La funzione anti sfarfallio va regolata a 50 o 60 Hz, dipende dalle lampade installate.

Infine, c’è la possibilità di attivare la modalità “Privacy”, ovvero di mettere in stand-by la registrazione, Utile quando siamo a casa e non è necessaria una registrazione sempre attiva. La modalità “Soffitto” permette di ruotare l’immagine di 180 gradi, ed è anche possibile spegnere i LED. Quest’ultima è un’operazione che consigliamo, in quanto i LED di stato al buio sono piuttosto visibili. Spegnerli rende più difficile vedere le videocamere, o anche solo accorgersi della loro presenza.

Qualora dovessero esser individuati dei movimenti, l’applicazione ci invierà una notifica, sempre puntuale e precisa, oltre a effettuare il backup del video sia su hard disk locale, se collegato, che su Cloud. Chi acquista adesso il kit, avrà incluso un anno di abbonamento cloud gratuito; lo spazio online conserva le registrazioni degli ultimi 14 giorni, più che sufficienti per rivedere e scaricare le immagini più importanti. Dopo il primo anno, il costo sarà di 24,99 euro l’anno, se dovete collegare fino a 3 telecamere e con 7 giorni di memorizzazione, fino ad arrivare ai 99,99 euro per collegare 10 telecamere e con 30 giorni di registrazione.

Questi sono solo alcuni consigli pratici su come configurare il sistema di videosorveglianza, ma ognuno tra di voi può gestire le varie funzioni a seconda dell’uso dedicato. Un grande vantaggio delle videocamere IP è il poter essere utilizzate come videocamere per sorvegliare i propri amici animali, o magari per dare un’occhiata al proprio bimbo. Situazioni queste in cui i parametri sopra citati potrebbero essere impostati in maniera diversa.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 6 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Altri articoli che potrebbero interessarti

come salvare i contatti su gmail
Tech 16 ottobre 2020

Come salvare la rubrica del proprio smartphone su Gmail

Conservare i propri contatti sulla memoria dello smartphone, su una scheda SD o sulla SIM può sembrare la scelta più veloce e pratica per gestire la propria rubrica. E senza dubbio lo è,

youtube_to_audio
Tech 27 settembre 2020

Come convertire i video di YouTube in file audio

Quante volte è capitato di trovare su YouTube un mix di brani musicali o una traccia che non è disponibile sui negozi online o sui servizi di streaming? In questi casi convertire

Cuffie Bluetooth, come scegliere
Tech 21 settembre 2020

Cuffie Bluetooth: come sceglierle e quali comprare

(Questo articolo, pubblicato nel Magazine di Trovaprezzi.it il 10 marzo 2019, è stato aggiornato in data 21 settembre 2020) Quando si tratta di cuffie e auricolari ci sono tantissimi diversi modelli tra