Tech 6 marzo 2021

Cos’è la certificazione Intel EVO per pc portatili?

intel evo

Negli ultimi mesi, abbiamo visto tanti di annunci di notebook con certificazione Intel EVO da parte di Acer, ASUS, Lenovo, HP, Samsung e altri. Quando i pc portatili posso fregiarsi di aver ottenuto la certificazione EVO da parte di Intel, questo diventa un giusto motivo di vanto. Perché? Cosa vuol dire? E perché è importante per chi acquista?

Le tre risposte possono essere riassunte in una sola frase: è un modo facile per individuare un notebook leggero, potente, veloce e con tanta autonomia senza dover spulciare i minimi particolari della scheda tecnica. Acquistando un laptop certificato EVO avrete la sicurezza di avere tra le mani un prodotto che offre prestazioni ottime in qualsiasi condizione, anche e soprattutto in mobilità.

Cos’è la certificazione EVO?

La piattaforma Intel EVO è l’evoluzione tangibile del Project Athena, sviluppata da Intel in collaborazione con i vari produttori con lo scopo di progettare notebook con caratteristiche premium che rispettino determinati parametri. Nello specifico, è pensata per certificare i migliori notebook per la produttività in grado di offrire ottime prestazioni in mobilità.

Per ottenere la certificazione EVO, i prodotti devono superare una serie di test in condizioni di utilizzo reali e rispettare determinati parametri.

Questi parametri riguardano diversi fattori:

Intel Evo

Dunque, se vedete il badge Intel Evo su un notebook ASUS – per esempio – avrete la certezza che risponde a tutti i requisiti che abbiamo appena elencato. La presenza della certificazione EVO, quindi, è sinonimo di garanzia per un’esperienza utente soddisfacente in qualsiasi condizione di utilizzo.

Guardiamo ora nel dettaglio i singoli parametri.

Avvio del sistema da standby in meno di un secondo

I laptop con certificazione EVO sono pensati per la produttività per cui è indispensabile che siano pronti all’uso in men che non si dica. Se il sistema è in standby, deve passare meno di un secondo da quando solleviamo il display al momento in cui possiamo effettivamente utilizzare il computer. In questo contesto, giocano un ruolo importante anche i sistemi di riconoscimento del volto e delle impronte digitali come la tecnologia Windows Hello.

Autonomia e ricarica rapida

Le ottime prestazioni devono essere assicurate anche in mobilità, motivo per cui l’autonomia rappresenta un fattore importante. I dispositivi con display Full-HD devono assicurare almeno 9 ore di autonomia offrendo sempre il massimo delle prestazioni. Durante i test, la luminosità dello schermo è impostata a 250 nit e vengono simulate attività quotidiane che vanno dalla navigazione su Google Chrome all’utilizzo della G-Suite e di sistema di videoconferenza come Zoom. Inoltre, i dispositivi devono poter offrire 4 ore di autonomia in meno di 30 minuti di ricarica. In questo modo, potrete per esempio ricaricare il computer durante la pausa pranzo e lavorare per tutto il pomeriggio.

Prestazioni e connettività

Capita che le prestazioni dei computer portatili calino quando non sono collegati alla presa elettrica. Questo accade perché i produttori vogliono evitare un calo drastico della batteria e dunque tendono a diminuire le risorse messe a disposizione dell’hardware quando non è alimentato dal caricabatteria.

Il badge EVO invece assicura – da una parte – che il sistema continui a essere reattivo anche in mobilità e – dall’altra – che ci sia un’ottima gestione dei consumi. Per questo è indispensabile che il laptop utilizzi i processori Intel Core di 11a generazione che lavorano proprio sull’ottimizzazione energetica.

Infine, i laptop certificati EVO devono integrare un modem Wi-Fi 6 o AX e avere a disposizione almeno una porta USB Type-C con supporto Thunderbolt 4. Ciò vuol dire che si ha una connessione Internet più stabile e 3 volte più veloce rispetto al Wi-Fi standard e una velocità di trasferimento dei dati via cavo di 40 Gigabit al secondo. La tecnologia Thunderbolt 4 inoltre permette di collegare fino a due display 4K.

Una selezione di prodotti

Se siete alla ricerca di un laptop che abbia tutte le caratteristiche fin qui elencate, vi basterà selezionare un prodotto con certificazione Intel EVO. Sono tanti ormai i dispositivi che possono vantarsi di aver superato i test del colosso di Santa Clara. I primi sistemi certificati sono arrivati nel 2020 e appartengono a brand come Acer, ASUS, DELL, HP, Lenovo, MSI, Razer e Samsung.

In generale, parliamo di dispositivi caratterizzati anche da un design sottile e leggero. Ad esempio, una soluzione con un’estetica particolare è ASUS ZenBook Duo da 14 pollici che ospita uno schermo secondario immediatamente sopra la tastiera. Un’altra ottima proposta è Acer Swift 5 con display da 14 pollici, che pesa meno di 1 kilogrammo.

Acer Swift 5

Lucia Massaro
Lucia Massaro

Classe 1990, formazione umanistica, laureata in Traduzione Specialistica e una passione nascosta per la tecnologia. Sono la prova lampante che nella vita ognuno è l’artefice del proprio destino. Ho iniziato a giocare con il primo computer quando avevo appena imparato a leggere. Man mano abbandonavo la pesante enciclopedia cartacea per passare a Encarta, la più famosa enciclopedia multimediale prodotta da...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Acer-Chromebook-311 ufficiale
Tech 12 maggio 2021

Acer Chromebook 311 ufficiale: la soluzione economica dal peso piuma

Acer ha annunciato il nuovo Chromebook 311, un portatile leggero ed economico pensato per la produttività quotidiana e per coloro che sono sempre in movimento. La soluzione ideale per gli studenti o

Acer ConceptD 7 Ezel
Tech 28 aprile 2021

Recensione Acer ConceptD 7 Ezel, la workstation per i creativi

Ha un prezzo importante questo ConceptD 7 Ezel di Acer, supera abbondantemente i 3.000 euro di listino, ma li vale tutti. Non è un rivale del MacBook Pro 16 né tantomeno del Dell XPS

Chromebook
Tech 18 febbraio 2021

Chrome OS da marzo integrerà il registratore schermo

I laptop basati sul sistema operativo sviluppato da Google, ChromeOS, hanno visto un’accelerata grazie alla domanda causata dalla pandemia che ha costretto tutto il mondo alla didattica a distanza e al lavoro