Il motore di ricerca per i tuoi acquisti
Menu

Razer annuncia la ventola di raffreddamento compatibile con MagSafe

Su iPhone 12 e iPhone 13, la ventola sfrutta il sistema magnetico MagSafe per agganciarsi e il morsetto per gli smartphone Android e altri iPhone.
Di Lucia Massaro @LuciaMassaro1 9 dicembre 2021
Razer ventola MagSafe

Il gaming mobile si è ormai preso una buona fetta di mercato. Sono tanti gli utenti che giocano ai videogame utilizzando i loro smartphone, motivo per cui esistono dispositivi dedicati come il ROG Phone 5s Pro di ASUS o gli smartphone Razer. Proprio quest’ultima ha appena annunciato una particolare ventola di raffreddamento – Razer Phone Cooler Chroma – compatibile anche con la tecnologia MagSafe degli ultimi iPhone 12 e iPhone 13.

A cosa serve una ventola di raffreddamento? Lo dice il termine stesso: serve ad abbassare le temperature dello smartphone che tendono ad alzarsi quando messi particolarmente sotto stress. Tra le attività più stressanti ed energivore, ci sono proprio i videogiochi, soprattutto quando si sta giocando a titoli più impegnativi. Mantenere bassa la temperatura delle componenti interne permette di sfruttare lo smartphone sempre al massimo delle prestazioni. È la stessa logica delle ventole interne dei computer, solo che Razer Phone Cooler Chroma si applica esternamente.

Razer ventola MagSafe

Su iPhone 12 e iPhone 13, la ventola sfrutta il sistema magnetico MagSafe per agganciarsi (ne abbiamo parlato qui). Sugli iPhone di generazione precedente o sugli smartphone Android, invece, si aggancia attraverso un morsetto. Il dispositivo è dotato di una ventola a 7 pale con una velocità massima di 6.400 giri al minuto con un rumore al di sotto dei 30 dB. Ciò vuol dire che dovrebbe essere molto silenzioso anche al massimo dell’operatività.

La ventola si collega allo smartphone tramite Bluetooth permettendo di regolare alcune caratteristiche tra cui le luci RGB di cui è dotato. Ma per funzionare ha bisogno di essere collegato a una presa tramite cavo Type-C, incluso in confezione. Non integra una batteria e quindi non può funzionare in autonomia. Un’assenza che lo rende poco pratico da utilizzare in quanto è necessario avere sempre una presa elettrica nelle vicinanze (e un filo abbastanza lungo da permettere un utilizzo in comodità) oppure una powerbank quando si è in giro. Il prezzo di listino è di 69,99 euro.

Lucia Massaro
Lucia Massaro

Classe 1990, formazione umanistica, laureata in Traduzione Specialistica e una passione nascosta per la tecnologia. Sono la prova lampante che nella vita ognuno è l’artefice del proprio destino. Ho iniziato a giocare con il primo computer quando avevo appena imparato a leggere. Man mano abbandonavo la pesante enciclopedia cartacea per passare a Encarta, la più famosa enciclopedia multimediale prodotta da...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Torna su