Tech 20 ottobre 2019

Recensione Sony Xperia 5: top di gamma con schermo 21:9

Sony Xperia 5

Il Sony Xperia 5 è l’ultima fatica a marchio Sony nel mondo degli smartphone. A differenza di quanto il nome potrebbe far pensare, è la versione successiva del Sony Xperia 1, uno tra i migliori smartphone attualmente in commercio. Rispetto ad esso ha un design più compatto e una migliore ergonomia.

Il prezzo di listino è piuttosto sostenuto, ben 799 euro, il che mette il Sony Xperia 5 in competizione con i migliori smartphone in circolazione, come il Samsung Galaxy S10+ o lo Huawei P30 Pro, rispetto ai quali si distingue, tra le altre cose, per lo schermo in formato 21:9.

Design

Voto: 10/10

Sony Xperia 5

Considerato lo schermo da oltre sei pollici l’Xperia 5 è uno smartphone compatto ed ergonomico, relativamente facile da maneggiare con una mano sola. Un risultato che almeno in parte è dovuto al formato cinematografico 21:9, che non solo permette di guardarsi i film in un formato “da cinema”, ma permette appunto di avere un design più maneggevole.

Un altro vantaggio di questo formato è l’uso di due applicazioni insieme, in due finestre separate: di fatto, si possono visualizzare più informazioni in ogni finestra, il che è sicuramente interessante. Il software contiene anche una funzione per l’uso con una sola mano, ma nel nostro test non si è mostrata molto efficace. Il Sony Xperia 5 è anche molto leggero, solo 164 grammi.

Un altro dettaglio interessante è il sensore di impronte digitale posizionato sul lato del telefono. Una soluzione molto comoda, che evita il compromesso del posizionamento dietro e allo stesso tempo il sensore sotto allo schermo; purtroppo questo sensore non si è rivelato il massimo della precisione, e in più di un’occasione ci ha obbligati a fare più di un tentativo. In alternativa si può usare il riconoscimento del volto.

Il tasto di attivazione non è particolarmente facile da raggiungere, il che potrebbe essere scomodo. Ma se non altro grazie al display always-on non avrete bisogno di usarlo per controllare l’ora.

Il Sony Xperia 5 è realizzato a regola d’arte, con uno chassis in metallo e Gorilla Glass 5, con tanto di certificazione IP68. Ci sono delle cornici intorno allo schermo, ma molto sottili. In generale il design Sony è più che riconoscibile.

Schermo

Voto: 9/10

Sony ci ha abituati a schermi di altissima qualità, e il Sony Xperia 5 non fa eccezione. Si tratta di uno schermo OLED da 6,1”, con risoluzione Full HD+. In un certo senso è un passo indietro rispetto allo schermo 4K da 6,5” dell’Xperia 1, ma forse Sony ha capito che uno schermo del genere è persino eccessivo su uno smartphone e ne alza il prezzo senza dare un vantaggio concreto.

Lo schermo dell’Xperia 5 ha un ottima resa cromatica, è molto luminoso, ben visibile all’esterno e con grandi angoli di visuale.

Prestazioni

Voto: 10/10

Sony Xperia 5

All’interno del Sony Xperia 5 troviamo il processore Qualcomm Snapdragon 855, con 6GB di RAM e 128GB di archiviazione, espandibili tramite scheda micro SD. In altre parole, una piattaforma hardware tra le più potenti del 2019, e come ci si poteva aspettare si è dimostrata in grado di gestire ogni richiesta senza fare una piega. Ogni tanto, ma davvero raramente, questo smartphone diventa un po’ più caldo di quanto vorremmo, ma la dissipazione non si può certo definire un problema.

Alla potenza hardware si aggiungono le prestazioni del software: Android 9 è praticamente in versione originale, con pochissime modifiche da parte di Sony. E sono assicurati gli aggiornamenti fino ad Android 11.

L’audio è stereo, generato da un altoparlante lungo il lato inferiore e la capsula auricolare. Il risultato è molto buono, grazie anche a un sistema che fa vibrare il telefono per rendere l’audio più intenso. Potreste comunque sentire la mancanza del jack da 3,5 mm. Se non altro nella confezione è incluso l’adattatore per la porta USB-C.

Autonomia

Voto: 6/10

La batteria da 3.140 mAh forse è un po’ troppo piccola per un telefono del genere, e infatti provandolo abbiamo scoperto che ogni tanto, se l’utilizzo è molto intenso, potrebbe essere necessario ricaricarlo prima di sera. Tutto dipenderà da quanto usate il telefono, ma se cercate un campione di autonomia questo non è probabilmente lo smartphone che fa per voi.

Fotografia

Voto: 7/10

La fotocamera del Sony Xperia 5 è praticamente identica a quella dell’Xperia 1, e infatti sarebbe difficile distinguere le fotografie fatte con l’uno o l’altro modello. Abbiamo tre sensori da 12MP. L’obiettivo principale è da 26mm f/1.6, e abbiamo poi uno zoom ottico 2x f/2.4 e un grandangolo f 2.4. Ad ogni scatto si può scegliere quale usare.

Manca una modalità specifica per la notte, ma il Sony Xperia 5 se la cava comunque egregiamente in condizioni di scarsa illuminazione. Questo smartphone, però, non riesce a eguagliare i migliori smartphone per quanto riguarda la fotografia: per quanto eccellenti, le immagini non sono all’altezza di un Huawei P30 Pro o un Samsung Galaxy S10 o un Google Pixel 3.

Frontalmente abbiamo un sensore da 8 MP (f/2.0) in grado di ottime prestazioni di giorno, ma non eccelso in notturna.

In generale, il Sony Xperia 5 ha ottime prestazioni fotografiche, ma in relazione al prezzo ci saremmo aspettati qualcosa di meglio.

Conclusioni

Voto: 8/10

Sony Xperia 5

Pro

Contro

Il Sony Xperia 5 offre un’ergonomia fantastica in rapporto alle dimensioni. Se cercate uno smartphone che abbia uno schermo molto grande ma che sia anche più maneggevole dei concorrenti, è la scelta giusta.

Purtroppo però non riesce a contrastare i possibili concorrenti quanto a durata della batteria e qualità fotografica. Mancanze non drammatiche forse, ma considerato cosa offrono gli altri potrebbero essere più che significative.

Se volete il meglio che Sony abbia da offrire, comunque, il modello di riferimento resta l’Xperia 1, che offre qualcosa in più (come la risoluzione dello schermo), ma d’altra parte è anche più caro.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Borderlands 3
Tech 8 novembre 2019

Recensione Borderlands 3

Borderlands 3 è il più recente in una serie di videogiochi nata nel 2009 con il primo Borderlands, a cui hanno fatto seguito, nel tempo, Borderlands 2 (2012) e Borderlands: The Pre-Sequel

NC 700 copertina
Tech 3 novembre 2019

Recensione Bose Noise Cancelling 700: cuffie over-ear top di gamma

Bose ha rinnovato le sue cuffie di punta con riduzione attiva del rumore, ovvero le QuietComfort 35 II, con le nuovissime Bose NC 700, dove NC significa per l’appunto noise cancelling. Un

Tech 27 ottobre 2019

Recensione LG WK7 ThinQ: smart speaker dal design classico

L’altoparlante LG WK7 ThinQ è uno smart speaker di LG dal design classico, vale a dire di forma cilindrica. Pensato per essere posizionato in salotto o in altre ambienti domestici, è realizzato