Tech 26 maggio 2020

Sony ZV-1: la fotocamera compatta con specifiche di fascia alta

Copertina Sony ZV-1

Sony ZV-1 è una nuova fotocamera compatta con sensore da un pollice creata per soddisfare appieno le esigenze dei vlogger, ovvero di tutti coloro che necessitano di uno strumento affidabile, veloce, preciso, facile da usare e compatto. La ZV-1 si aggiunge dunque alla gamma Sony con specifiche di fascia alta solo apparentemente simili a quelle della RX-100, che da sempre è il punto di riferimento nel mondo delle compatte.

Braccio selfie Sony ZV-1

La ZV-1 è perfetta per i vlogger e per chi necessita di immediatezza.

Per la prima volta nella storia dell’azienda arriva inoltre un display LCD completamente regolabile nell’orientamento, in maniera simile a quanto si vede su altri competitor come Panasonic GH-5 e Canon EOS 90D. Display che consente dunque di avere sempre il pieno controllo dell’inquadratura in ogni situazione.

Dopo qualche settimana di utilizzo, scopriamo tutti i dettagli nella nostra recensione. Il prezzo: 850 euro.

Design

Voto: 9/10

Partiamo come di consueto dal design, importantissimo in una fotocamera che per la maggior parte del tempo sarà tenuta in mano. La Sony ZV-1 è grande 105,4 x 60 x 44 millimetri e pesa un po’ meno di 300 grammi. Per riferimento, un iPhone 11 Pro Max ha un peso di 226 grammi. Un corpo dunque molto compatto che in mano restituisce una bella sensazione di solidità.

Nella parte anteriore c’è l’obiettivo telescopico che si ritrae completamente quando la fotocamera è spenta e un grip che consente di avere un’impugnatura migliore e una presa salda. Nella parte posteriore è invece presente il display LCD ruotabile di 180 gradi e dotato di touch-screen, anche se solo per la messa a fuoco.

display ribaltabile Sony ZV-1

Per la prima volta appare un display orientabile di 180 gradi.

L’esperienza d’uso è simile a quanto avviene con altre fotocamere dell’azienda giapponese, come per esempio la Sony A6400 o la A7 III.

La dotazione viene completata da una serie di pulsanti personalizzabili, una ghiera di controllo e i pulsanti per l’avvio e la registrazione del video, facili da raggiungere e intuitivi nell’uso quotidiano. Appare poi il tasto “bokeh”, che consente di ottenere un piacevole effetto sfocato. Quando premuto, il diaframma viene completamente aperto in modo da sfocare lo sfondo per mettere in evidenza il soggetto. Un pulsante che rende l’uso più immediato, ma lo stesso risultato si può raggiungere manualmente andando a regolare l’apertura del diaframma tramite l’apposita ghiera.

Obiettivo telescopico Sony ZV-1

L’obiettivo molto luminoso permette di catturare immagini di ottima qualità anche in condizioni di luce scarsa.

Nella parte superiore una piccola griglia cela i microfoni direzionali mentre a sinistra c’è un attacco hot-shoe, che consente di installare alcuni accessori come microfoni o faretti LED.

Sulla destra uno sportellino protegge una mini-HDMI, una micro-USB e un jack aux da 3,5 millimetri per collegare un microfono esterno. Sotto c’è invece una vite da 1/4’’ per installare la fotocamera su un treppiede e il vano batteria. Batteria che ha una capacità di 1240 mAh e che offre una buona autonomia. Chi prevede un uso intenso dovrà però dotarsi di almeno una seconda batteria in modo da poter lavorare con serenità.

Specifiche tecniche

Voto: 8,5/10

Quando si parla di una fotocamera è importante analizzare la scheda tecnica in quanto direttamente correlata alle prestazioni offerte. In questo caso Sony ha optato per un sensore da un pollice con risoluzione di 20 Megapixel abbinato a un obiettivo con focale variabile da 24 a 70 millimetri e con apertura da f1.8 a f2.8. Numeri molto simili dunque a quelli della RX 100 V.

 Obiettivo Sony ZV-1

L’obiettivo è telescopico con lunghezza focale equivalente 24-70 mm.

Non ci sono dubbi dunque per quanto riguarda la qualità dei filmati e delle foto catturate. Le immagini sono nitide e ricche di dettagli anche in condizioni di luce non ottimale. La fotocamera non scalda e permette di registrare video fino a risoluzione 4k 30 fps ed è compatibile con i formati Hybrid Log-Gamma e HDR oltre che con i profili S-Log2 e S-Log3, che consentono di trarre il massimo della qualità grazie alla post-produzione.

Non manca poi la possibilità di effettuare slow-motion fino a 960 fps, time-lapse, una raffica fotografica fino a 172 scatti e tanto altro ancora.

Asta selfie Sony ZV-1

Con la Sony ZV-1 potrà essere acquistata un’asta di controllo remoto che funziona tramite il Bluetooth.

L’autofocus è senza ombra di dubbio uno dei punti di forza di questa fotocamera. Il Fast Hybrid AF usa infatti 315 punti di messa a fuoco e traccia persone e animali in maniera certosina. Presente anche l’Eye-autofocus, marchio di fabbrica del colosso giapponese presente in tutte le sue fotocamera e anche sugli smartphone come Xperia 1. Un piacere usare la macchina fotografica affidandosi alla messa a fuoco automatica, che rivela le sue debolezze solo in ambienti poco illuminati. In situazioni normali è però affidabile e non sbaglia mai.

Software e uso

Voto: 8,5/10

Il software è lo stesso che abbiamo imparato a conoscere nelle fotocamere Sony. Le impostazioni sono raggruppate in diversi menu divisi per categoria. Avremo dunque accesso alle impostazioni fotografiche, video, a quelle relative alla connessione Wi-Fi e Bluetooth e al controllo remoto tramite smartphone e un tab personalizzabile con le voci preferite.

pulsanti Sony

I pulsanti sono ben disposti e facilmente raggiungibili.

Tra le novità che vale la pena menzionare rientra senza ombra di dubbio la funzione “Product Showcase”. La ZV-1 è in grado di rilevare eventuali oggetti che appaiono nell’immagine, mettendoli in risalto quando inquadrati. Una funzione che torna molto utile quando per esempio si registra un video dove vengono mostrati vari prodotti. Si abilita di default premendo il tasto C2.

Il sistema di stabilizzazione elettronica è molto buono e consente di usare la fotocamera a mano libera potendo fare a meno di uno stabilizzatore esterno. Nell’uso ci ha ricordato l’HyperSmooth presente nelle action cam di GoPro.

porte Sony ZV-1

Nella parte sinistra uno sportellino protegge tutte le porte.

Sempre tramite le impostazioni è possibile gestire il tempo massimo di registrazione che è impostato di fabbrica a soli 5 minuti. Considerando il pubblico di riferimento è sufficiente, in quanto il vlog consta tipicamente di tante brevi clip della durata di qualche secondo o comunque pochi minuti, che vengono poi montate in maniera cronologica per formare il video finale. È però possibile impostare la registrazione massima fino a mezz’ora, nel caso fosse necessario. Tale scelta è dovuta alla volontà di Sony che la fotocamera si surriscaldi potendo creare malfunzionamenti, ma nel nostro utilizzo non abbiamo mai ottenuto avvertenze dovute all’aumento di temperatura.

L’algoritmo di acquisizione dell’immagine è stato migliorato per permettere una riproduzione più fedele dei toni della pelle, adesso più naturali e meno saturi.

Audio

Voto: 8,5/10

I tre microfoni direzionali nascosti nella parte superiore consentono di registrare un buon audio. Quando si registra un video, l’audio ricopre una parte fondamentale. Sarà capitato a chiunque di riuscire a vedere un video con una qualità non eccelsa ma con un buon audio, mentre il contrario è praticamente impossibile. Un video bellissimo con un audio gracchiante e metallico viene chiuso dopo qualche secondo.

Microfono Sony ZV-1

Nella parte superiore ci sono ben tre microfoni direzionali protetti da un’ampia griglia.

Sony ha dunque lavorato per incrementare al massimo la qualità della registrazione offerta dai microfoni integrati a ha aggiunto nella confezione anche un piumino antivento da posizionare sulla griglia in modo da attutire eventuali sibili e rumori non graditi.

Il risultato è ottimo, considerando che in questo modo si riducono gli ingombri e si ottiene comunque una ripresa pienamente utilizzabile. Certamente l’uso di un microfono dedicato di buona qualità come il Rode Videomic Pro o un lavalier porterà risultati ancora migliori, ma per un utilizzo immediato la ZV-1 rappresenta un pacchetto niente male.

Conclusioni

Voto: 8,5/10

La ZV-1 riprende la scheda tecnica della RX-100 V e migliora drasticamente l’esperienza d’uso, introducendo alcune modifiche fondamentali per chi registra video e scatta foto nelle situazioni più disparate. In ordine parliamo di ergonomia, schermo orientabile in tutte le posizioni e jack per il microfono. Una macchina fotografica che consente di avere risultati eccezionali che però ha un ingombro ridotto e che può essere trasportata anche nelle tasche di un pantalone, in un marsupio o in giubbotto. Una cosa impossibile con una mirrorless, che seppur piccola come la Sony A6100 risulta meno immediata nell’utilizzo.

Ergonomia

L’ergonomia è stata studiata per offrire un’ottima presa sia durante l’uso tradizionale che per riprese selfie.

Peccato solamente per la presa di ricarica micro-USB, in quanto nel 2020 e come accade in tutte le più recenti fotocamere di Sony, era lecito aspettarsi una più performante USB-C. In un dispositivo fortemente legato alla portabilità si potevano inoltre integrare maggiori funzioni relative al touch, compresa la navigazione dei menu.

Sony ZV-1 arriva però con un prezzo di 850 euro e offre tutto ciò che uno youtuber, un influencer o comunque un videomaker che necessita di risultati professionali e di estrema compattezza possa desiderare. Nonostante non sia esente da piccoli difetti, offre un’esperienza d’uso di alto livello e si dimostra estremamente intuitiva. Proprio per questo può essere consigliata anche a chi vuole una fotocamera da portare con sé in un viaggio per ottenere delle foto di qualità maggiore rispetto a quelle degli smartphone.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

a7siii
Tech 6 luglio 2020

Sony: a luglio arriva la A7 SIII

La Sony A7 SIII è diventata una chimera: dopo il debutto della A7 R III e della A7 III, fotocamere Sony con sensore full frame di assoluta qualità, era lecito aspettarsi un’erede

G100
Tech 25 giugno 2020

Lumix G100: arriva la vlog camera

Lumix ha presentato tramite un evento online la nuova vlog camera dedicata a YouTubers, Creators e Instagrammers, ovvero la Lumix G100. Piccola, compatta, la G100 è in grado di assicurare riprese e

youtube_tutorial
Tech 24 giugno 2020

Come fare video su YouTube?

Che si tratti di una persona, di una piccola azienda, di un’associazione di volontari o di qualsiasi altra realtà, fare video su YouTube può essere un’operazione che contribuisce a dare maggiore visibilità