Tech 2 aprile 2019

SSD PCIe, quasi sorpasso sui modelli SATA

Fino a pochi anni fa c’erano solo gli hard disk meccanici, che mettevamo nei computer per salvare i nostri dati e soprattutto per installare il sistema operativo. Poi sono arrivati gli SSD (Solid State Drive), che sono probabilmente la più grande rivoluzione degli ultimi 20 anni nel mondo dei PC. Tanto che oggi gli hard disk magnetici sono interessanti solo come unità secondaria oppure come unità esterna e portatile.

Oggi assistiamo a un ulteriore passaggio evolutivo, con gli SSD SATA che stanno lasciando il posto a più veloci modelli PCIe, come per esempio il famoso Samsung 970 EVO o il Crucial MX 500.

Secondo gli ultimi dati in arrivo dall’Asia, dove si producono praticamente tutti i componendi elettronici, infatti gli SSD PCIe sono circa il 50% del totale, a pari merito con modelli SATA. E nel corso del 2019 ci si attende che il mercato cresca ancora, lasciando gli hard disk magnetici solo alle applicazioni dove serve tanto spazio al prezzo più basso possibile.

Samsung-970-EVO

Il perché del successo degli SSD PCIe è presto detto: gli SSD PCIe sono più veloci, e quindi è più veloce tutto il computer. Non è una differenza grande quanto quella tra un hard disk magnetico e un SSD SATA, ma si ottiene comunque un avvio del sistema più veloce, così come l’apertura e l’uso dei vari programmi.

Ed ecco perché chi ha un computer datato, con un vecchio hard disk magnetico, potrebbe (e dovrebbe) investire in un SSD. Una volta installato di nuovo il sistema operativo, infatti, si ha la sensazione di avere tra le mani un computer nuovo e più potente di prima. Provare per credere.

Se volete montare un SSD sul vostro notebook o sul desktop, dovrete scegliere tra SSD SATA e SSD M.2. Tutti i computer hanno almeno una connessione SATA disponibile, quella del disco esistente e che cambierete. Non tutti invece hanno no slot M.2, quindi prima di procedere all’acquisto sarà consigliabile informarsi sul computer che volete aggiornare.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Asus VivoBook X542UA
Tech 6 aprile 2019

Recensione Asus VivoBook X542UA, buone prestazioni al giusto prezzo

Il mondo dei portatili è molto vario ed esistono soluzioni in qualsiasi fascia di prezzo. L’Asus VivoBook X542UA è uno di quei notebook che potrebbe essere consigliato facilmente a chi vuole spendere

Tech 25 marzo 2019

Recensione HP 255 G6, il portatile economico per l’uso quotidiano

La scelta del PC portatile è fortemente soggettiva. Molto dipende non solo dal budget che si ha a disposizione, ma soprattutto da cosa ci si deve fare. Se l’impiego principale prevede infatti

Matebook-X
Tech 27 febbraio 2019

Matebook X Pro 2019 e Matebook 14, Huawei rinnova i suoi migliori notebook

Oltre allo smartphone pieghevole Mate X, Huawei ha presentato anche due nuovi computer portatili di fascia alta, vale a dire il Matebook X Pro 2019 e il Matebook 14. L'X Pro è