Tech 6 ottobre 2019

Xiaomi Mi 9T Pro: top di gamma dal prezzo competitivo

Xiaomi Mi 9T Pro

Lo Xiaomi Mi 9T Pro è il più recente, o uno tra i più recenti smartphone Xiaomi. Si tratta di un top di gamma dal prezzo competitivo, come ci si aspetta dal marchio Xiaomi. E anche di uno smartphone che finisce per fare “concorrenza in casa”, al già eccellente Xiaomi Mi 9. Anche e soprattutto per via di un prezzo davvero molto simile: il Mi 9T Pro da 64 GB parte da 300 euro  circa su Trovaprezzi, mentre il Mi 9, sempre da 64 GB, parte da 250 euro circa. Il top di gamma, dunque, costa qualcosa in meno. Ma forse vorrete spendere di più e prendere uno Xiaomi Mi 9T Pro nuovo fiammante.

Xiaomi Mi 9T Pro

 

Una scelta che sarebbe dovuta quasi esclusivamente al design, visto che la scheda tecnica è praticamente la stessa. Detto questo, lo Xiaomi Mi 9T Pro è uno smartphone fantastico in rapporto al suo prezzo, e ha tutte la carte in regola per replicare l’enorme successo del Redmi Note 7 prima e dello Xiaomi Mi 9T poco dopo. In effetti, se il Mi 9T Pro fosse marchiato Redmi, forse, sarebbe più facile da posizionare.

Design e display

Voto: 8/10

Lo Xiaomi Mi 9T Pro vanta un design a tutto schermo, reso possibile dalla fotocamera pop-up. Vale a dire che la fotocamera frontale non toglie spazio allo schermo, ma spunta (pop-up appunto) dal lato superiore quando è necessario usarla. Una scelta di design già vista sul citato Mi 9T, ma anche sullo OnePlus 7 Pro (che però costa molto di più) o sullo Huawei P Smart Z, che invece cosa (e offre) parecchio di meno.

Xiaomi Mi 9T Pro

Nel caso del Mi 9T Pro la fotocamera non è molto veloce, il che vi impedirà di scattare un selfie “al volo”. O, per essere più precisi, non sarà un’operazione veloce come con un normale smartphone con la fotocamera integrata nel notch. Rispetto a questi modelli, abbiamo un ritardo di poco più di un secondo. Se ci capita spesso di fare un selfie e avete sempre bisogno che la fotocamera sia pronta istantaneamente per non perdere il momento, allora non è lo smartphone che fa per voi.

Diversamente, potrebbe piacervi questa fotocamera che spunta fuori da LED rossi e un motivetto musicale personalizzabile; eventualmente potrete anche spegnere tutto, e avere un risultato più discreto.

Lo schermo AMOLED da 6,39” è quindi completamente sgombro, e l’impatto estetico di certo guadagna dall’assenza del notch. Il pannello è luminoso e di ottima qualità, ben visibile anche all’esterno e con un angolo di visione molto ampio. Considerato quanto costa il telefono, è davvero uno schermo ammirevole.

La funzione always-on, se attivata, permette di avere sempre visibile l’ora, la data, la carica residua e le icone di alcune app, se sono presenti notifiche. Funziona molto bene e non compromette l’autonomia che, come vedremo, è un altro punto a favore di questo smartphone.

Lo schermo integra inoltre anche il sensore di impronte digitali, un altro dettaglio per niente ovvio in questa fascia di prezzo. Come tutti i sensori sotto lo schermo, nemmeno questo è perfetto e a volte non riconosce l’impronta obbligandoci a ritentare. Ma funziona piuttosto bene, meglio che sullo OnePlus per esempio, e in generale è un sistema di sblocco molto valido. Sicuramente preferibile rispetto allo sblocco facciale con la fotocamera frontale; anch’esso funziona bene, ma bisogna “aspettare” che la fotocamera stessa esca e sia pronta, il che rende l’operazione un po’ meno comoda.

Lo Xiaomi Mi 9T è disponibile in nero, blu e rosso. Le ultime due colorazioni sono di grande impatto e sono anche quelle che consigliamo. Ma essendo in vetro probabilmente vorrete usare una custodia, e per fortuna ce n’è una rigida e di buona qualità inclusa nella confezione.

È uno smartphone piuttosto compatto considerando le generose dimensioni dello schermo, ma non è leggero: con un peso di 191 grammi infatti si fa notare tra le mani, e se lo tenete a lungo, ad esempio per giocare, potrebbe anche stancare. D’altra parte è un compromesso accettabile per una batteria di grandi dimensioni.

La fotocamera posteriore, con tre sensori, non sporge di molto. Rispetto a quello che abbiamo visto di recente con iPhone 11 o Huawei Mate 30 Pro sembra un piccolo miracolo di design. Il Mi 9T Pro risulta molto ergonomico anche per questo, e comunque usando la custodia la sporgenza viene totalmente pareggiata.

L’unica cosa che manca, e per qualcuno potrebbe essere una mancanza inaccettabile, è la certificazione di impermeabilità.

Hardware

Voto: 10/10

Il Mi 9T pro è bastato sul potente processore Qualcomm Snapdragon 855, abbinato a 6GB di RAM. Ci sono poi 64 o 128GB di memoria per l’archiviazione, mentre è assente lo slot microSD.

Se lo spazio vi basta (e se prendete il 128GB difficilmente avrete problemi), le prestazioni sono quelle di un top di gamma moderno, senza nulla da invidiare a Samsung Galaxy S10, Huawei P30 Pro o altri modelli di riferimento.

Xiaomi Mi 9T Pro

Oltre alle prestazioni avrete anche un’ottima dissipazione del calore, che sfrutta un sistema di raffreddamente alla grafica. Anche giocando, lo Xiaomi mi 9T Pro diventa appena tiepido, ma mai fastidioso.

Un ottimo risultato, dovuto in parte anche ad Android con l’interfaccia MIUI 10 di Xiaomi. Questo smartphone, tra l’altro, sarà senza dubbio aggiornato ad Android Q, quando la prossima versione di Android sarà disponibile.

Batteria

Voto: 9/10

Lo Xiaomi Mi 9T ha una batteria da 4.000 mAh, piuttosto grande. Nel nostro test si è dimostrato capace di durare una piena giornata senza fare una piega. Anche in condizioni di utilizzo molto intense, arriva a sera con una buona carica residua, superiore o uguale al 20%. Se dovete affrontare sforzi speciali, comunque, basterà comprare un caricatore da 25W e ottenere moltissima autonomia in più in pochissimo tempo.

Fotografia 8/10

La tripla fotocamera principale unisce sensore principale da 48MP (grandangolo da f/1.75), ultragrandangolo da 13MP e teleobiettivo da 8MP, che permette uno zoom ottico 2x. Nell’insieme è una fotocamera molto versatile e capace, che può anche registrare video in 4K/60 FPS oppure in slow motion a 960 FPS. La fotocamera frontale da 20MP non è particolarmente luminosa per gli standard odierni, ma con un’apertura pari a f/2.2 dovrebbe risultare soddisfacente in ogni momento.

Xiaomi Mi 9T Pro Xiaomi Mi 9T Pro
Xiaomi Mi 9T Pro Xiaomi Mi 9T Pro

 

La nostra prova mostra che il Mi 9T Pro è impeccabile quando si scatta di giorno, con molta luce. Di sera e di notte si nota un po’ di rumore digitale; le foto non sono certo brutte, ma non possono competere con un top di gamma fotografico con il Pixel 3 o anche lo Xiaomi Mi 9, che da questo punto di vista ha una marcia in più.

La modalità ritratto funziona molto bene. Lo Xiaomi Mi 9T Pro combina le informazioni dei suoi sensori per separare con efficacia lo sfondo dal soggetto, applicando al primo una quantità di sfocatura personalizzabile.

Conclusioni

Voto: 9/10

Pro

Contro

Come abbiamo accennato all’inizio, il concorrente diretto di questo Xiaomi Mi 9T Pro è proprio lo Xiaomi Mi 9. Il modello nuovo costa un pochino di più, offre un design a tutto schermo con fotocamera pop-up, ma non eguaglia il modello di riferimento per qualità della fotocamera.

Xiaomi Mi 9T Pro

Il Mi 9T Pro, al momento in cui scriviamo, costa circa 40 euro in più a parità di memoria. Gli altri fattori differenzianti sono il design e la fotocamera.

Ha senso spendere di più per una fotocamera meno bella, e per uno schermo più pulito? Non si può dare una risposta assoluta, perché è chiaramente una questione di gusti personali. E probabilmente la stessa Xiaomi non ci tiene a stabilire un vincitore tra questi due smartphone. Se ne scegliete uno sarà comunque uno Xiaomi, e probabilmente per l’azienda è comunque una vittoria.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

AMD 3950X
Tech 26 febbraio 2020

AMD Ryzen 9 3950X: processore per configurazioni di fascia alta

AMD Ryzen 9 3950X è un processore di fascia alta dotato di ben 16 core e 32 thread, numeri che fino a qualche anno fa erano impensabili per una CPU che seppur

fotocamera-Motorola One
Tech 23 febbraio 2020

Motorola One Zoom: smartphone di fascia media con 4 fotocamere integrate

Motorola One Zoom è uno smartphone di fascia media che punta tutto sul comparto fotografico. Nella parte posteriore di questo smartphone Motorola ci sono infatti ben 4 fotocamere integrate in un modulo

Philips 346B1C
Tech 22 febbraio 2020

Philips 346B1C: monitor 21:9 votato alla produttività

I monitor 21:9 sono ormai in commercio da circa 5 anni e sin da subito hanno ricevuto le attenzioni di una gran fetta di pubblico, soprattutto da chi cercava una soluzione meno