Torna su
Il motore di ricerca per i tuoi acquisti
Categorie

Sicurezza e confort per il nostro bimbo: guida all’acquisto dei migliori fasciatoi e bagnetti

Nei primi mesi di vita del bebè, i genitori si trovano ad affrontare l’acquisto di alcuni indispensabili oggetti. Fra questi, ricopre un ruolo centrale il fasciatoio, sul quale poggiamo il bimbo per cambiarlo e lavarlo. Sicurezza per il piccolo e confort sono requisiti chiave di un accessorio che può accompagnarlo fino all’età di 3 anni. Per aiutarti nella scelta abbiamo dedicato a fasciatoio e bagnetto una guida apposita, nella quale abbiamo messo in luce i principali aspetti da valutare. Tante sono le tipologie presenti sul mercato e ognuna di esse si adatta ad un certo tipo di utilizzo. Incontriamo modelli fissi o portatili, di dimensioni e peso variabili, con o senza vaschetta bagnetto. Il prezzo oscilla in base alle caratteristiche ed in relazione al numero di accessori presenti nella confezione. Per questo, abbiamo incluso nella nostra selezione modelli appartenenti a tre fasce di prezzo: economica, media e alta.
Tutte le guide
Indice
Prima dell’acquisto Quanto costa un fasciatoio? La scelta in base all’età Vai alla categoria
Fasciatoi e Bagnetti
vaschetta bagnetto

Prima dell’acquisto: hai le idee chiare?

Parlando di fasciatoio e bagnetto, sicurezza e confort sono gli elementi sui quali ci soffermeremo maggiormente. In più di un’occasione, infatti, andremo ad approfondire i punti salienti della normativa europea che ne regola l’utilizzo. Solidità e qualità dei materiali si legano direttamente ai primi due elementi. Mentre il design del fasciatoio è un aspetto puramente estetico che, però, non manca di influire in fase di scelta. Di seguito abbiamo riassunto tutti i passaggi chiave della guida: 

Prezzo
Le considerazioni iniziali ruotano attorno al prezzo. Da qui si parte per circoscrivere il raggio d’azione entro cui cercare il prodotto giusto per noi e per i nostri bimbi. La selezione che abbiamo preparato tiene conto del budget a disposizione, elemento variabile caso per caso. Fascia economica, media e alta: queste le tre sottosezioni della categoria prezzo.

La scelta in base all’età
Secondo la normativa europea che ne tutela il funzionamento, i fasciatoi si suddividono in due famiglie con caratteristiche differenti a seconda dell’età del bimbo per cui sono pensati. Qui vedremo in cosa si differenziano.

Modelli fissi o portatili a confronto
Questa sezione è dedicata alle molte tipologie presenti sul mercato, delle quali metteremo in luce gli aspetti principali. Fasciatoio portatile o cassettiera fasciatoio, come Foppapedretti Fasciatoio Lucy bianco, ad esempio, sono pensati per scenari d’uso diversi. Così come la borsa fasciatoio.

Dimensioni, peso e posizionamento 
Dimensioni e peso sono elementi del fasciatoio di cui anche la normativa europea si occupa, delimitandone i valori minimi. E si legano strettamente al posizionamento dell’oggetto in bagno o in cameretta. Per chi ha poco spazio in questi ambienti, un modello da vasca, come Ok Baby Fasciatoio Flat grigio, o da lavandino potrebbe essere la giusta soluzione.

Risparmiare con vaschetta e materassino indipendenti
In commercio non mancano varianti più economiche prive della classica struttura portante pieghevole o a cassetti. Parliamo del materassino e della vaschetta indipendenti da poggiare sopra un piano o dentro la vasca da bagno.

Materiali costruttivi e sicurezza 
La sicurezza del fasciatoio è influenzata inevitabilmente dai materiali con cui è costruito. Qui daremo uno sguardo ai più utilizzati per realizzare la struttura, il materassino e gli agganci di sicurezza che bloccano la superficie superiore. Inoltre, vedremo come sfruttare il sistema Rapex per controllare in tempo reale che il modello su cui ci siamo orientati non sia stato ritirato dalla vendita per problemi di sicurezza.

Design e accessori aggiuntivi
In ultimo ma non per importanza, vedremo come le scelte di design influenzino sia l’aspetto che il prezzo del fasciatoio. E anche gli accessori aggiuntivi avranno un impatto estetico oltre che funzionale. 

Quanto costa un fasciatoio?

prezzo cassettiere fasciatoio
La categoria fasciatoio e bagnetto comprende una gamma ampia di modelli, la cui tipologia ne influenza il prezzo in modo diretto. Le tre fasce di prezzo che abbiamo individuato racchiudono al proprio interno altrettante sottocategorie di prodotti facilmente distinguibili per identità e scenario d’utilizzo. La fascia economica, con tetto di spesa massimo di 40 euro, include tutte le forme di fasciatoio portatile. Vi trova posto, quindi, la vaschetta bagnetto indipendente ed il materassino fasciatoio da viaggio. Ma anche la borsa fasciatoio ed il fasciatoio da lettino o lavandino. Salendo di prezzo (fino a 150 euro) ed entrando nella fascia media, fa la propria comparsa il fasciatoio pieghevole. Parliamo, cioè, di modelli con struttura semirigida e vaschetta inclusa. Nel momento del bisogno, però, si richiudono andando ad occupare pochissimo spazio. La fascia alta, poi, è terreno di ricerca per chi desideri un fasciatoio con cassettiera. Oltre i 150 euro di spesa, infatti, incontriamo mobiletti fasciatoio in legno estremamente robusti, curati nel design e funzionali. Ma anche più ingombranti e pesanti di quelli pieghevoli. Da notare, infine, che per chi voglia acquistare in un’unica mossa lettino e fasciatoio, il mercato offre ricchi set che possono includere anche tanti utili accessori aggiuntivi.
(Dati aggiornati a luglio 2019 e soggetti a variazione nel tempo)

Fascia economica (entro 40 euro)

Tutte le soluzioni portatili per il cambio del pannolino ed il bagnetto del bimbo sono incluse nella fascia economica. Senza spendere troppo, quindi, ci porteremo a casa un fasciatoio che in pochi passi può essere chiuso ed infilato in borsa. È questo il caso del fasciatoio portatile Cam da utilizzare sia con una cassettiera che sopra un qualsiasi ripiano d’appoggio. Colorato, morbido e sicuro, è disponibile anche in versione BabyBlock con adattatori da lettino. Per i genitori sempre in movimento, invece, il top della comodità è la borsa fasciatoio Jané, ricca di accessori e disponibile in molteplici varianti cromatiche. Anche spostandoci in ambito bagnetto, non mancano modelli robusti, economici e compatti. Pensiamo, ad esempio, alla vaschetta bagnetto Chicco Crescita, provvista di due posizioni anatomiche, una dedicata ai bimbi fino a 6 mesi, l’altra per i più grandicelli fino ad un anno di età. Molto interessante è anche la soluzione da lavandino Baby Coccola, sempre di Chicco. Dotata di pratici adattatori, si blocca sopra il lavabo e ci permette di lavare con semplicità il nostro bimbo. Il prodotto è consigliato fino a 6 mesi. Infine, con la Baby Seduta Flipper Evolution, potremo fare il bagnetto al bebè all’interno della vasca da bagno, tenendolo in posizione comoda ed eretta.
(Dati aggiornati a luglio 2019 e soggetti a variazione nel tempo)

Fascia media (da 40 a 150 euro)

Se la categoria economica è tutta dedicata ai prodotti portatili, oltre che al fasciatoio e bagnetto indipendenti, la fascia media è rappresentata quasi esclusivamente dal fasciatoio pieghevole, con struttura che si richiude su se stessa. Il fasciatoio Chicco Cuddle&Bubble è uno dei più interessanti per rapporto qualità-prezzo. Si tratta di un modello che, una volta richiuso, occupa pochissimo spazio ma conta su una vaschetta bagnetto capiente, un morbido materassino e l’altezza regolabile su tre livelli. Molto particolare è, poi, il fasciatoio Cam con bagnetto Idro Baby, nella variante Orso decorata con l’effige del tenero animale. Qui, si accede alla vaschetta senza ribaltare il piano superiore ma estraendola lateralmente. Praticissimo e robusto, si ripiega in pochi passi. Salendo di prezzo, incontriamo un altro modello Cam di grande qualità: il fasciatoio Cambio. Veloce da spostare grazie alle ruote integrate, monta una ribaltina molto sicura ed un ripiano portaoggetti capiente. In più, è provvisto di doccetta per il bagnetto. Concludiamo alla grande con il fasciatoio con vaschetta Roba, unico non pieghevole ma arricchito comunque da quattro pratiche ruote. Costruito in legno e metallo, monta un materassino ultracomodo e ben due ceste in tessuto per gli accessori. 
(Dati aggiornati a luglio 2019 e soggetti a variazione nel tempo)

Fascia alta (oltre 150 euro)

Superata quota 150 euro, si entra di diritto nella categoria che racchiude i fasciatoi con cassetti. Più grandi, stabili e robusti, sono indicati per l’utilizzo in casa. Pur dotati di ruote che li rendono comodi da spostare, non possono essere definiti portatili. Fra i più curati nel design, troviamo il fasciatoio Pali Georgia, in tonalità tortora. Provvisto di tre capienti cassetti, di cui il primo si apre anche con vaschetta inserita, vanta un solido meccanismo di bloccaggio della ribaltina. Simile a livello estetico è, poi, il fasciatoio Picci Stella, sempre con tre cassetti. Decorato con finezza, offre una vaschetta bagnetto capiente ed un materassino estremamente confortevole. Altro fasciatoio con cassettiera di indiscutibile qualità è il modello Foppapedretti Dolcecuore, anche provvisto di bidoncino in cui gettare i pannolini. Bianco ma arricchito da decorazioni color legno, appare come uno dei modelli più robusti della categoria. L’ultima cassettiera fasciatoio che abbiamo deciso di includere nella selezione ci ha colpito per quantità di spazio offerto. Primi Sogni Trendy Bijoux, infatti, include ben quattro ampi cassetti in cui riporre accessori e abitini del bimbo. Davvero ottime la qualità costruttiva, la scelta dei materiali ed il meccanismo di blocco del piano basculante.
(Dati aggiornati a luglio 2019 e soggetti a variazione nel tempo)

La scelta in base all’età

fasciatoio a muro
Si chiama UNI EN 12221 la normativa europea specificamente pensata per fasciatoio e bagnetto. Introdotta nel 2007 in seno alle norme legate alla sicurezza degli arredi per l’infanzia, è stata poi aggiornata nel 2008 e nel 2013. Suddivisa in due parti, distingue i prodotti in base all’età del bimbo e specifica quali test debbano essere eseguiti sul fasciatoio per poterlo considerare sicuro. I modelli di Tipo 1 sono quelli destinati ai neonati fino a 12 mesi d’età e non possono avere misure inferiori ai 38 cm in larghezza ed ai 65 in lunghezza. Per i più grandicelli (fino a 36 mesi di età), invece, le dimensioni minime crescono, assestandosi sui 55 cm in larghezza e 75 cm in lunghezza. In ogni caso, però, la normativa specifica che il peso del bimbo non dovrà superare i 15 chili. Ad essere coperto dalla norma non è solo il classico fasciatoio con cassettiera ma anche i modelli pieghevoli e richiudibili. L’importante è che rispettino le misure e siano in grado di sopportare il peso del piccolo. A tal proposito, la seconda parte della UNI EN 12221 specifica alcune delle modalità con cui testare il fasciatoio, una delle quali prevede di applicare sul prodotto una pressione di 50 chili. In aggiunta, la norma prevede ulteriori indicazioni importanti, in particolare riguardo la presenza di fori nei quali gli arti dei piccoli potrebbero rimanere intrappolati. Ma anche in merito agli spigoli potenzialmente pericolosi ed al blocco di sicurezza del piano basculante.

Fonte immagini: web

Fissi o portatili? Principali tipologie a confronto

A livello strutturale, i modelli di fasciatoio più diffusi sono compresi in due categorie: fissi e portatili. Di seguito vedremo in cosa si differenziano e quali sono i relativi vantaggi.

Mobiletto fasciatoio
Il fasciatoio con cassettiera, come Pali Fasciatoio Savana, rappresenta forse la tipologia più comune nelle nostre case. Realizzato in legno, viene venduto smontato e imballato. Una volta che lo avremo assemblato, si mostra come una cassettiera alla cui sommità troviamo un materassino soffice di spugna rivestito da un telo in PVC. Caratteristica del materassino sono le spondine laterali che tutelano il piccolo contro urti e sfortunate cadute. La superficie superiore della cassettiera fasciatoio è in grado di ruotare sul proprio asse per dare accesso alla vaschetta bagnetto sfruttando un sistema antiribaltamento. Estraibile e di forma anatomica, la vaschetta è spesso provvista di doppio disegno per accogliere al meglio sia bimbi fino a 6 mesi che più grandi (ma sempre entro i 3 anni di età). Inoltre, è dotata di tubo per far defluire comodamente l’acqua nello scarico del bagno. Robusti e stabili, i mobiletti fasciatoi sono anche provvisti di ruote che ci consentono di spostarli di stanza in stanza. Ma li abbiamo considerati modelli fissi perché, una volta montati, difficilmente potremo portarceli dietro in viaggio.

Fasciatoio pieghevole
Alternativo alla cassettiera è il fasciatoio portatile pieghevole. Più leggero e compatto, conta su una struttura richiudibile in plastica dura o metallo che ci permette di ridurne ulteriormente le dimensioni. Ideale per chi abbia una casa molto piccola, si apre e chiude con facilità, potendo essere riposto comodamente dietro ad una porta. Ma si mostra la scelta ideale anche per i viaggiatori. In quanto a funzionalità, è analogo ad un fasciatoio fisso. Non manca la ribaltina basculante né la vaschetta che, però, in certi casi può essere estratta lateralmente. Pur senza garantire la capacità interna dei cassetti, un fasciatoio richiudibile include almeno un piano sul quale riporre pannolini, creme ed altri prodotti per il bimbo.

Borsa fasciatoio
Trasportabilità e leggerezza massime sono offerte da una borsa fasciatoio, una vera e propria valigia apribile che contiene tutti gli accessori utili a cambiare il nostro bimbo, ad eccezione della vaschetta. Soluzione ideale durante i lunghi viaggi, può essere usata in qualsiasi luogo. All’interno non manca il materassino morbido ma, in certi casi, è la borsa stessa a trasformarsi in piano d’appoggio su cui stendere il bebè.

Dimensioni, peso e posizionamento

Le differenze strutturali fra fasciatoio con cassettiera e fasciatoio pieghevole condizionano in modo diretto dimensioni e peso del prodotto che andremo ad acquistare. Ulteriore conseguenza su cui incidono tali elementi è il posizionamento e l’utilizzo pratico del fasciatoio. Ne parliamo di seguito:

Dimensioni e peso 
Sappiamo che, a norma di legge, esistono delle dimensioni minime per il fasciatoio dal cui rispetto dipende la sicurezza del neonato. Fino a 12 mesi, ad esempio, la normativa europea prevede che la lunghezza minima sia pari a 65 cm. Ma tra 12 e 36 mesi, tale misura arriva a 75 cm. Pur restando entro i limiti imposti dalla norma, misure e peso possono oscillare significativamente da modello a modello. Una cassettiera fasciatoio è, di norma, più ingombrante e pesante per via della propria struttura massiccia, oltre che per l’utilizzo del legno come materiale costruttivo. Plastica o metallo, invece, costituiscono il telaio di un fasciatoio richiudibile, come Cam Fasciatoio Volare topolino, che si mostra più leggero e compatto. Per fare un esempio concreto, un prodotto del genere pesa in media fra i 10 ed i 15 chili. Un mobiletto fasciatoio, invece, può superare agilmente i 25 chili.

Posizionamento
Un altro elemento che distingue i due modelli di fasciatoio più comuni è il posizionamento. Il fasciatoio con cassetti richiede una superficie piuttosto grande in camera o in bagno mentre un prodotto pieghevole può essere aperto all’occorrenza e poi riposto in poco spazio. Il primo tipo, sebbene possa essere spostato attraverso le ruote, andrà sempre ad occupare uno spazio ben preciso nella stanza. Il fasciatoio con bagnetto richiudibile, invece, può essere sollevato con facilità e posizionato anche sopra i sanitari del bagno. Anche il fasciatoio da muro rappresenta una soluzione in grado di farci risparmiare spazio. Parliamo di modelli che rimangono sospesi da terra ma ben fissati ad una parete. Una volta chiusi si mostrano sottili e discreti ma sono provvisti di piano mobile a ribalta capace di scendere parallelamente al pavimento. Così facendo, quando avremo finito di usare il fasciatoio, non dovremo far altro che spingere il piano verso l’alto, riportandolo in posizione iniziale. Non mancano, poi, soluzioni più compatte, come il fasciatoio da tavolo di cui parleremo in un’apposita sezione. Infine, fasciatoi da vasca e da lavandino ci consentono di ottimizzare lo spazio ancora di più. Provvisti di appositi adattatori universali da stringere o allargare, si fissano saldamente ai bordi permettendoci in certi casi di regolare anche l’altezza. I fasciatoi pieghevoli più versatili, inoltre, includono accessori per utilizzarli sia a terra che sopra la vasca da bagno. Infine, con analogo approccio ma differente realizzazione funziona il fasciatoio da lettino, anch’esso reso sicuro da adattatori specifici e garantiti.

Vaschetta o materassino indipendenti: risparmio e praticità

Abbiamo visto in precedenza come fasciatoio e bagnetto vadano spesso a braccetto, assicurando al genitore un’esperienza d’uso completa. Ma per chi intendesse contenere un po’ la spesa, si mostrano molto interessanti le soluzioni con vaschetta o materassino indipendenti, ovvero prive della struttura in legno, plastica o metallo che sorregge il fasciatoio. Acquistando vaschetta e materassino separati ci assicureremo una buona versatilità ed una notevole facilità di trasporto. Il fasciatoio da tavolo non è altro che un materassino morbido da collocare sopra un ripiano. Sempre provvisto di spondine protettive, può anche contare su una cintura a strappo per tenere il bimbo stabile durante il cambio del pannolino. Realizzato in cotone (spesso idrorepellente), viene ripiegato in pochi istanti per essere infilato in borsa. Compatti e comodi da trasportare sono anche i materassini galleggianti che si mantengono sul pelo dell’acqua. Parliamo di soluzioni gonfiabili da usare per fare il bagnetto al bebè all’interno della vasca da bagno. Analogo nelle funzioni ma costituito da una struttura rigida in plastica è, poi, il seggiolino bagnetto, provvisto di piedini che poggiano sul fondo della vasca. Infine, per chi non voglia legarsi indissolubilmente alla vasca da bagno, consigliamo l’acquisto di una vaschetta bagnetto. Parliamo, cioè, di un contenitore anatomico da riempire con l’acqua ed utilizzare a terra o sopra qualsiasi piano d’appoggio.

Materiali costruttivi e sicurezza

Dalla qualità dei materiali costruttivi impiegati dipendono la stabilità del fasciatoio e la sicurezza del bebè. Per il fasciatoio pieghevole è di vitale importanza che la struttura in plastica o metallo sia solida ma flessibile. Mentre nel fasciatoio con cassettiera l’impiego del legno massello o del compensato assicura la massima robustezza. Di fondamentale importanza è, poi, la qualità del materassino la cui imbottitura in spugna deve attutire gli urti e mostrarsi confortevole per il neonato. L’involucro esterno del materassino, invece, è realizzato in PVC, un materiale impermeabile, facile da lavare, anallergico e atossico. Il piano da sollevare per accedere alla vaschetta bagnetto, poi, dovrà contare su un sistema antiribaltamento garantito e provvisto di ganci che ne impediscano lo sblocco fortuito. Fare attenzione alla qualità dei materiali è un passaggio chiave in fase di scelta. E proprio per tutelare genitori e bimbi, anche il fasciatoio fa parte dei prodotti controllati dal Rapex, il sistema comunitario che informa i consumatori non appena un oggetto venga ritirato dal mercato qualora non conforme alle normative europee. Tale piattaforma si avvale di un database nel quale effettuare la ricerca del prodotto a cui siamo interessati. In più, viene rilasciato settimanalmente un report contenente gli articoli (non solo per neonati) ritirati dalla vendita. 

Design e accessori

Il fasciatoio con vaschetta, specie in versione mobiletto con cassetti, non passa certo inosservato, andando ad occupare uno spazio piuttosto grande. Bianco o color legno, con o senza decorazioni, provvisto di accessori a vista: il differente approccio estetico dei vari modelli ci dà anche modo di inserire il fasciatoio nell’ambiente in modo coerente. Più colorato e fantasioso nelle linee, il fasciatoio pieghevole è meno vincolante dal punto di vista dell’arredamento, potendo essere richiuso e nascosto allo sguardo. In entrambi i prodotti, però, c’è un elemento comune: il materassino decorato con fantasie e disegni apprezzati dai piccoli. Anche la presenza di accessori aggiuntivi, oltre ad una valenza prettamente funzionale, può incidere sull’estetica del bagnetto fasciatoio. E ciò in modo particolare con il fasciatoio richiudibile, privo di cassetti da usare per contenere oggetti, prodotti per il bimbo e vestitini. Il piano portaoggetti diventa, quindi, indispensabile per un modello senza cassetti, così come i ripiani estraibili da aggiungere o togliere a seconda delle esigenze. I modelli di fascia alta, poi, includono nella confezione un numero superiore di gadget utili, fra cui il termometro, la doccetta per il bimbo ed il pratico bidoncino getta pannolini abbinato.

Le marche più popolari