Come scegliere un condizionatore caldo-freddo e quando conviene

I condizionatori caldo-freddo sono elettrodomestici versatili e funzionali ma quali caratteristiche valutare prima di acquistarne uno?
Di Irene Bicchielli 23 Giugno 2023
condizionatori caldo freddo

I condizionatori caldo-freddo sono elettrodomestici particolarmente versatili perché consentono non solo di raffrescare gli ambienti ma anche di riscaldarli, semplicemente premendo un tasto. Con le fluttuazioni climatiche sempre più imprevedibili degli ultimi anni, avere a disposizione un apparecchio che svolge questa doppia funzione è sicuramente un grande vantaggio.

Oggi tutti i più famosi brand di elettrodomestici producono condizionatori caldo-freddo di diverse tipologie e budget, quindi come scegliere quello giusto per le vostre esigenze? In questo articolo esploreremo i fattori da considerare nella scelta di un condizionatore caldo-freddo e scopriremo anche come funzionano e quali sono i vantaggi rispetto a un modello tradizionale.

Come scegliere un condizionatore caldo-freddo: 5 fattori chiave

Cominciamo subito scoprendo quali sono i cinque fattori più importanti da valutare quando si decide di acquistare un condizionatore caldo-freddo. Oggi esistono infatti tantissimi modelli diversi e, senza sapere quali caratteristiche valutare, sarà molto difficile fare una scelta.

1- Efficienza energetica

Uno dei parametri più importanti da valutare è sicuramente l’etichetta energetica del condizionatore. Anche se ultimamente i brand di elettrodomestici hanno investito molto nella ricerca e nello sviluppo di soluzioni a basso consumo, si tratta comunque di apparecchi che incidono parecchio sulla bolletta dell’elettricità. Ecco perché vi consigliamo di leggere attentamente l’etichetta energetica, verificando non solo la classe ma soprattutto il consumo in Kwh annuo: sarà questo valore che vi farà capire quando spenderete in bolletta, semplicemente moltiplicandolo per il costo unitario dei Kwh previsto dal vostro abbonamento elettrico.

etichetta energetica condizionatori

Etichetta energetica condizionatori

Controllate bene perché troverete un doppio valore: i Kwh consumati in modalità di raffreddamento e i Kwh consumati in modalità di riscaldamento, oltre ad una doppia classe energetica (una per il raffreddamento e una per il riscaldamento).

Infine, verificate che il condizionatore sia dotato di un motore inverter, quello che ad oggi assicura il maggiore risparmio energetico.

Volete approfondire l’argomento? Leggete il nostro articolo: Etichetta energetica dei condizionatori: ecco come leggerla

2- Potenza

La potenza di un condizionatore è strettamente connessa alle dimensioni della stanza che l’apparecchio può raffreddare o riscaldare. Questo valore è espresso in BTU (acronimo di British Thermal Unit) e di solito è compreso tra 7.000 e 21.000 per gli apparecchi domestici: più è alto, più sono metri quadrati che il condizionatore può coprire con la sua azione. Ovviamente una maggiore potenza di solito significa anche consumi più elevati perché il climatizzatore deve lavorare per raffreddare o riscaldare un’area più ampia.

btu del condizionatore

BTU del condizionatore

Vi consigliamo quindi di fare attentamente il calcolo dei BTU che vi sono necessari in base alle dimensioni dell’ambiente dove verrà posizionato il condizionatore. Inoltre, non dimenticate di optare per un condizionatore multisplit se volete utilizzarlo in più di una stanza.

Volete approfondire l’argomento? Leggete il nostro articolo: BTU del condizionatore: cosa sono e come scegliere la potenza giusta

3- Rumorosità

Questo parametro per alcune persone è molto importante, per altre è praticamente irrilevante. Dipende ovviamente da dove posizionerete il condizionatore e dall’utilizzo che intendete farne.

Se desiderate utilizzarlo anche di notte o se volete tenerlo acceso mentre guardate la televisione o ricevete gli ospiti, meglio che non sia un modello particolarmente rumoroso. In generale, un buon livello di rumorosità interna è intorno ai 35-40 decibel, valore che dovrebbe scendere sotto i 25 decibel nella modalità notturna. Nella scheda tecnica è indicato anche il livello di rumorosità dell’unità esterna: vi consigliamo di controllare anche quel parametro se posizionate il motore in una zona dove trascorrerete del tempo.

climatizzatori silenziosi

Climatizzatori silenziosi

Volete approfondire l’argomento? Leggete il nostro articolo: I climatizzatori più silenziosi per raffrescare le nostre case

4- Praticità di utilizzo

Alcuni dei nuovi modelli di condizionatori sono davvero all’avanguardia dal punto di vista tecnologico e consentono una gestione semplice ed efficiente.

Per prima cosa vi consigliamo di controllare il pannello di controllo delle impostazioni: i display digitali sono sicuramente molto più intuitivi e permettono di selezionare le impostazioni in modo molto puntuale e preciso. Altra cosa importante è verificare che il condizionatore sia dotato di telecomando, per poterlo controllare senza bisogno di alzarsi dal divano o mentre si sta facendo altro.

Climatizzatori wi-fi

Climatizzatori Wi-fi

Infine, ci sono sempre più condizionatori wifi che possono essere gestiti tramite app sullo smartphone. Questo permette di programmare l’accensione e lo spegnimento, di verificare lo stato di salute dell’apparecchio e di ottimizzare i consumi grazie a dei consigli mirati.

Volete approfondire l’argomento? Leggete il nostro articolo: Come funzionano i climatizzatori wifi e quali vantaggi hanno

5- Modalità di funzionamento

I condizionatori caldo-freddo sono in grado, di base, di riscaldare e di raffrescare l’ambiente in cui sono posizionati. Tuttavia, se cercate qualche funzione in più, potete trovare anche modelli che sono in grado di purificare e/o deumidificare l’aria, oltre a quelli che hanno anche semplicemente la funzione di ventilatore, per muovere l’aria quando non fa particolarmente caldo. Inoltre, ci sono apparecchi che dispongono di diversi livelli di potenza e di velocità, per poter personalizzare in modo molto preciso l’utilizzo in base alle diverse esigenze.

Molto importante anche assicurarsi che il condizionatore caldo-freddo che sceglierete sia dotato della modalità silenziosa per poterlo utilizzare anche durante la notte senza che vi dia fastidio con il suo rumore.

Quando conviene usare un condizionatore caldo-freddo?

I condizionatori caldo-freddo presentano diversi vantaggi ma non in tutti i casi si rivelano la scelta migliore. Ecco alcune delle situazioni in cui sono più utili.

Queste sono alcune delle situazioni in cui può risultare conveniente avere un condizionatore caldo-freddo. In ogni caso, se dovete acquistare un nuovo modello di condizionatore, vi consigliamo di sceglierlo caldo-freddo per avere la possibilità di sfruttarlo tutto l’anno.

Pubblicato il 23 Giugno 2023
Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Gli articoli, le guide, le recensioni e tutti i contenuti editoriali presenti su Trovaprezzi.it sono scritti esclusivamente da esperti di settore (umani). Non utilizziamo strumenti di intelligenza artificiale per produrre testi o altri contenuti.

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Segui le migliori offerte su Telegram
Torna su