Lifestyle 18 marzo 2020

Dalla fascia low cost alla top 3 europea: alla scoperta di Beko

beko brand

Dire Beko, fino a qualche anno fa, non significava molto per parecchi di noi. Chi l’avrebbe mai presa in considerazione una piccola azienda di elettrodomestici turca, in mezzo a nomi altisonanti come Samsung, Indesit o Electrolux quando si trattava di scegliere una lavatrice, un forno o un frigorifero? Ebbene, le cose oggi sono molto cambiate e basta dare un’occhiata alle top ricerche su Trovaprezzi.it per rendersene conto: Beko è uno dei top brand nelle categorie delle asciugatrici, dei frigoriferi e delle lavastoviglie e i suoi prodotti sono tra i più cercati nelle categorie delle cucine, delle lavatrici e dei forni. Anno dopo anno, il marchio turco ha conquistato fette di mercato sempre più ampie, ha stretto partnership di rilievo e ha dato il via a ricerche che hanno reso i suoi prodotti sempre più competitivi.

Insomma, gli elettrodomestici firmati Beko costano mediamente meno di quelli dei concorrenti più famosi, hanno buone recensioni online e sembrano offrire tutte le funzionalità necessarie. Tutto oro quello che luccica? Scopriamolo!

Da Arçelik a Beko, dalla Turchia all’Europa

Nel 1955, nel villaggio di Sütlüce, in Turchia, viene prodotta la prima lavatrice a marchio Arçelik, un’azienda produttrice di elettrodomestici che in pochi decenni sarebbe stata quotata alla Borsa di Istanbul. L’azienda era ed è tutt’oggi controllata dalla Koc Holding, il più grande gruppo industriale e commerciale in Turchia, controllato dalla famiglia Koc e fondato nel 1926: con interessi nei settori più svariati, dall’edilizia alle banche, nel campo degli elettrodomestici controlla anche Grundig. Dal 1990 gli elettrodomestici Beko sono sbarcati in Europa, in Italia nel 2006, e da quel momento l’ascesa è stata continua tanto che oggi hanno raggiunto il primo posto in Regno Unito, il secondo posto in Germania, Italia e Francia: complessivamente Beko distribuisce i propri prodotti in 145 paesi del mondo, è presente con almeno un elettrodomestico nelle case di oltre 440 milioni di consumatori ed è il terzo brand di elettrodomestici in Europa.
Il segreto di questo successo inarrestabile? Certamente un ruolo importante lo giocano i prezzi competitivi, ma ci sono anche alcune abili mosse di marketing e un reparto di ricerca e sviluppo che negli ultimi anni ha davvero fatto passi da gigante.

Le partnership celebri firmate Beko

Un potente strumento di marketing che Beko ha saputo sfruttare a proprio favore sono le collaborazioni e le partnership con nomi di rilievo. La più importante, che va avanti da qualche anno, è quella con il club calcistico Barcellona: si tratta di una delle squadre più popolari e amate in tutto il mondo, che può contare su tifosi in ogni angolo del pianeta e che ha dato una vera e propria spinta propulsiva al brand di elettrodomestici. La fama di Beko è cresciuta a dismisura quando ha lanciato una linea di frigoriferi con i colori del club blaugrana. Ad oggi la collaborazione continua felicemente e Beko è il terzo sponsor principale del club dopo Nike e Rakuten: con oltre 19 milioni di euro l’anno investiti nella squadra catalana, ha avuto l’opportunità di sponsorizzare anche la Masia, la struttura dedicata al vivaio della società, e di spostare il proprio logo sulla parte anteriore delle divise di allenamento.

beko_news_barcellona

A livello italiano, Beko ha scelto invece di legarsi a un volto noto della televisione culinaria: si tratta di Alessandro Borghese, lo chef romano che popola diversi programmi televisivi e che dal 2014 porta nelle sue trasmissioni piani cottura, forni, frigoriferi, frullatori a immersione e altri elettrodomestici di cucina firmati Beko. Questa è stata una scelta a dir poco vincente per entrare nella mente dei consumatori italiani come un brand affidabile e di buon livello: la conoscenza di Beko è passata dal 16% al 51% in soli quattro anni.

Alessandro Borghese Beko

Ricerca e sviluppo d’eccellenza

Non sono solo i prezzi concorrenziali e le collaborazioni celebri ad aver reso Beko il terzo brand di elettrodomestici in Europa. Il marchio turco ha infatti scelto di investire ben il 2% dei propri utili nell’innovazione e questo ha portato allo sviluppo di una lunga serie di brevetti che la pongono oggi a massimi livelli nel campo degli elettrodomestici d’avanguardia. A partire dal lancio ufficiale del sistema intelligente HomeWhiz, destinato a connettere e far dialogare tra loro tutti gli elettrodomestici dotati del sistema, ci sono tante novità che Beko presenterà ufficialmente al prossimo FTK 2020 (Technology for the Kitchen).

Insomma, tra sostenibilità e intelligenza artificiale, gli elettrodomestici Beko sembrano destinati a rimanere ancora a lungo protagonisti del mercato europeo.

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

top_frigoriferi
Trend 2 maggio 2020

Trovaprezzi: classifica dei frigoriferi più cercati nel primo quadrimestre 2020

Nel primo quadrimestre su Trovaprezzi.it sono aumentate le ricerche che riguardano i frigoriferi, dimostrando quanto siano importanti requisiti come la capienza, le dimensioni e anche il design e ne abbiamo parlato nel dettaglio

top_lavatrici
Trend 19 aprile 2020

Trovaprezzi: le lavatrici più cercate nel primo trimestre 2020

Quarantena o no, se c'è una cosa di cui non potremmo mai fare a meno è la lavatrice! Alleata insostituibile di tutti noi, ha una storia che comincia nel Seicento e che

le migliori asciugatrici slim
Lifestyle 1 marzo 2020

Asciugatrici slim: la guida completa e i tre migliori modelli

L'asciugatrice è un utilissimo elettrodomestico, particolarmente comodo in inverno quando asciugare i panni diventa complicato a causa di pioggia, nebbia e umidità; per chi non possiede un balcone o un terrazzo, è davvero