Lifestyle 18 aprile 2020

Indesit: uno dei marchi che ha fatto la storia del Made in Italy

indesit

In origine era Spirea, per alcuni anni è stata Indel e oggi fa parte di Whirpool, ma in Italia è conosciuta ai più semplicemente come Indesit. Nata negli anni Cinquanta in pieno boom economico, l’azienda ha origini torinesi e ha attraversato fasi di alti e bassi ma oggi si propone sul mercato italiano e internazionale come uno dei brand più apprezzati in fatto di elettrodomestici. I prezzi sono sempre stati, e sono tutt’oggi, accessibili alla maggior parte dei consumatori ma la qualità resta alta: in poche parole, scegliendo un elettrodomestico Indesit si ha la certezza di portare a casa un prodotto che durerà nel tempo senza spendere una fortuna. Non è poco.

Nata producendo frigoriferi, Indesit oggi realizza anche lavastoviglieforni, lavatrici e asciugatrici. Modelli funzionali, facili da utilizzare, dal design semplice ma moderno. In questo articolo, ripercorriamo anno dopo anno la storia di Indesit e scopriamo come è arrivata ad essere un marchio distribuito a livello internazionale.
lavatrice Indesit

La nascita come Spirea e la trasformazione in Indesit

Fondata a Torino nel 1953, inizialmente il nome designato era quello di una pianta originaria dell’Asia del Sud conosciuta da secoli per le sue innumerevoli virtù. Armando Campioni, Adelchi Cadellero e Filippo Gatta fondano così Spirea, un’azienda che produce elettrodomestici “bianchi” come la pianta a cui si ispira il nome, ovvero lavatrici, frigoriferi, lavastoviglie e cucine ma anche televisori e registratori di cassa. Passano appena tre anni, però, e il nome viene cambiato in un meno romantico Indel e ne passano altri cinque perché la società acquisisca il nome che la renderà famosa: Indesit, ovvero INDustria Elettrodomestici Spirea ITalia.

In campo aziendale, all’epoca, dire Piemonte era un po’ come dire Fiat e tre soci che si mettono in testa di produrre elettrodomestici in un contesto del genere apparve a tutto un grande azzardo. Gli elettrodomestici, nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale, sembrano un lusso non accessibile a molti, una moda americana destinata a spegnersi rapidamente. A contrario, insieme alle automobili e alla plastica, gli elettrodomestici diventano il simbolo di un’Italia nuova, che si urbanizza, si industrializza, un’Italia che diventa moderna. Bastano pochi anni perché diventi chiaro che la scommessa di Indesit è vincente: un’azienda capace di offrire i prodotti del futuro a costi contenuti e accessibili è interessante per molti e in breve tempo si ritaglia uno spazio importante sul mercato italiano.
lavastoviglie indesit

La crisi degli anni Ottanta…

Durante gli anni Sessanta e Settanta l’azienda si rafforza e consolida la sua quota di mercato: nel 1970, Indesit è una società che impiega 12mila dipendenti in 7 impianti, cinque in Piemonte e due in provincia di Caserta. Sono anni in cui i soci sperimentano, con un innovativo sistema di trasmissione televisiva a colori che però non supera il vaglio del governo italiano, e acquisiscono altri marchi, il produttore di radio Hirundo e il 6% della Seleco.

Quando arrivano gli anni Ottanta, però, arriva anche la crisi. In tempi di boom economico, il Made in Italy diventa meno competitivo e comincia a perdere terreno, portando Indesit all’amministrazione controllata nel 1980,da cui uscì nel 1984 grazie ad una ricapitalizzazione da 74 miliardi e all’ingresso di cinque nuovi soci. Nonostante questo, la crisi continuò e nel 1985 Indesit fu costretta a vendere la sua divisione elettronica a Olivetti. Ancora la ripresa è lontana: i dipendenti scendono a 7mila, in molti finiscono in cassa integrazione, viene nominato un commissario per la ristrutturazione ma tutto questo non evita la vendita dell’azienda che viene acquistata dai Merloni e fusa con l’azienda di elettrodomestici di famiglia, la rivale Ariston. Nasce così nel 1987 la Indesit Company, che avrà sede nelle Marche, a Fabriano.

forno indesit

… e la successiva ripresa

Sotto la guida dei Merloni, Indesit Company ritorna protagonista. I dipendenti ora sono 16mila, gli stabilimenti diventano 14 e negli anni Novanta il marchio è il secondo in Europa; una volta sbaragliati i concorrenti in Italia, Indesit entra in competizione con aziende internazionali come Bosh, Electrolux e Philips. Nell’era della globalizzazione, l’azienda sceglie comunque di mantenere il 60% della produzione in Europa, di cui ben il 30% in Italia: la delocalizzazione in Russia e in Cina è troppo esigua per poter restare al passo con le altre aziende del settore e nel 2009 la crisi mondiale colpisce anche il marchio torinese. Il 2013 è un anno di svolta perché, per la prima volta, il timone dell’azienda non è più in mano alla famiglia Merloni; sarà proprio l’amministratore delegato Marco Milani a favorire il passaggio di gran parte dell’azienda all’americana Whirlpool Corporation, che oggi ne detiene la proprietà.

Anche se sotto un nome e una nazionalità diversa, Indesit rimane un pezzo della storia del Made in Italy e continua ad essere uno dei marchi più cercati e acquistati dagli italiani che desiderano elettrodomestici di qualità a prezzi accessibili.

frigoriferi indesit

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

macchine gelato economiche
BeautyLifestyle 8 luglio 2020

Le 3 migliori gelatiere economiche per l’estate

Chi l'ha detto che per avere un buon gelato fatto in casa si debba spendere una fortuna? Oggi esistono anche modelli di gelatiere economiche che ci permettono di preparare questo delizioso dessert

smart working caldo
Lifestyle 2 luglio 2020

Consigli per uno smart working a prova di caldo

Purtroppo il caldo è un nemico dell'efficienza e della concentrazione sul lavoro. Se nella maggioranza degli uffici troviamo l'aria condizionata a ristorarci, quest'anno molti lavoratori sono ancora in regime di smart working

come pulire lavatrice
Lifestyle 22 giugno 2020

Pulizia periodica di lavatrice e asciugatrice: i nostri consigli

Non sono in molti a preoccuparsi della pulizia di lavatrice e dell'asciugatrice ma, anche se vi sembra che i vestiti continuino a uscire sempre puliti, gli elettrodomestici hanno bisogno di cure costanti