Lifestyle 24 aprile 2020

Nuova stagione: come organizzare al meglio il cambio armadi

cambio armadio

La primavera è ufficialmente arrivata e, anche se siamo ancora tutti costretti tra le mura domestiche a causa del decreto #iorestoacasa, dobbiamo cominciare a prendere atto che fa più caldo! Il momento è quello giusto per mettere via maglioni di lana e cappotti invernali e tirare fuori magliette a maniche corte e abiti leggeri. Anche se per molti di noi rappresenta un momento temuto e odiato, il cambio degli armadi può rivelarsi decisamente rilassante e rasserenante se affrontato con il mood giusto, la calma necessaria e qualche accorgimento. Non si tratta infatti solo di tirare fuori i vestiti di stagione ma anche di un’occasione per fare ordine e pulizia: come ci ricorda Marie Kondo, una casa in ordine è sinonimo di una vita in ordine. E cosa c’è di più rassicurante dell’ordine?

In questo articolo vi diamo qualche dritta su come affrontare il cambio degli armadi in modo organizzato, efficiente e soprattutto senza stress!

Fuori tutto… al momento giusto

Innanzitutto, non riducetevi a fare il cambio degli armadi all’ultimo momento: questo è controproducente sia perché avremo sempre meno voglia sia perché ci ritroveremmo a non avere più nulla di adeguato alla stagione da indossare, con conseguente nervosismo. Il periodo miglior per fare il cambio dell’armadio prima dell’estate è proprio questo, tra la fine di aprile e l’inizio di maggio; il cambio degli armadi per l’inverno, invece, andrebbe fatto nella seconda metà di settembre, quando le giornate cominciano a diventare più corte e le temperature ad abbassarsi.
Una volta scelta la giornata perfetta per fare il cambio di stagione, tirate fuori tutti i vestiti dall’armadio e dai cassetti e disponeteli sul letto. Resistete alla tentazione di svuotare un po’ per volta per evitare troppa confusione: la buona vecchia regola che bisogna creare disordine per fare ordine, è decisamente azzeccata in questo caso. Quando avrete tirato fuori tutto, dividete i vestiti in pile in base alla tipologie di indumento: giacche, camicie, pantaloni, gonne, tutto dovrà avere la sua pila. Avere una visione d’insieme vi aiuterà a capire quali abiti sono di troppo. Quando armadi e cassettiere saranno completamente vuoti, approfittate per dare una bella rinfrescata. Oggi la maggior parte degli aspirapolvere (se sei incerto su che modello scegliere, segui la nostra guida all’acquisto) hanno la possibilità di trasformarsi in aspiratore a mano oppure potete utilizzare un modello portatile, perfetto per arrivare dappertutto, anche in fondo ai cassetti.
Black and Decker NVC115JLEW

Eliminare, inscatolare e catalogare

Ora che avete tutto il vostro guardaroba sott’occhio, è arrivato il triste momento di fare un po’ di pulizia. Bando ai sentimentalismi: armatevi di forza e coraggio e decidete che cosa volete tenere e che cosa invece potete sacrificare, buttandolo via se eccessivamente rovinato oppure dandolo in beneficenza se semplicemente vi accorgete che non lo usate più da tempo. Se riuscite a eliminare dal guardaroba quello che non serve più, avrete un bel guadagno in termini di spazio e di ordine. Lavate gli abiti rimasti, stirateli e piegateli prima di metterli via: avere una lavasciuga come la lavasciuga Indesit XWDA in questi casi può rivelarsi davvero utile perché vi permette di fare tutto in breve tempo e di impiegare molto meno tempo a stirare perché i capi escono dall’asciugatrice con pochissime pieghe.
Indesit XWDA 751280X WKKK

Una volta che tutti i vostri indumenti saranno puliti e ben piegati, cominciate a organizzare l’armadio. In questa fase, le vostre migliori amiche saranno senza dubbio le scatole! L’ideale è averne tante tipologie diverse, di ogni dimensione, formato e colore per permetterci di ricordare meglio dove abbiamo riposto ogni capo: scatole di plastica grandi per abiti, cappotti, giacche e tutto ciò che è molto voluminoso; scatole medie per pantaloni, gonne, maglioni e magliette; scatole piccole per gli accessori come cinture e foulard. Meglio ancora se avete scatole che possono essere impilate, così guadagnerete un sacco di spazio. Se avete paura di non ricordare a cosa corrisponde ogni colore, etichettate ogni singola scatola scrivendo che cosa contiene.
contenitore terry multiuso

In questa fase, potrebbero esservi molto utili i sacchetti sottovuoto per abiti, specialmente se avete poco spazio a disposizione, dove riporre le cose più ingombranti: basterà aspirare l’aria all’interno con un’aspirapolvere per dimezzare magicamente il volume.
sacchetti sottovuoto abiti

Ricordate di inserire in ogni scatola un sacchetto profumato oppure, nel caso degli indumenti di lana, degli specifici prodotti antitarme per evitare di ritrovare i vostri maglioni bucherellati l’anno prossimo!
antitarme_nuncas_fogli_profumati

Non vi resta che tirare fuori gli abiti primaverili ed estivi, ricordando di tenere a portata di mano qualche capo passepartout che possa farvi comodo durante le giornate fredde, e riporli nell’armadio e nei cassetti. E se non siete eccessivamente provati dal cambio di stagione, potreste approfittarne per fare un po’ di pulizia anche tra gli indumenti per la bella stagione!

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Roborock H6
Lifestyle 5 luglio 2020

Xiaomi Roborock H6: come il Dyson ma a metà prezzo?

Le scope elettriche sono uno degli elettrodomestici più in voga degli ultimi anni. Un successo non inaspettato in quanto uniscono in un unico dispositivo la maneggevolezza di una scopa con la potenza

Dyson
Lifestyle 17 giugno 2020

Scope elettriche: le migliori alternative al Dyson V11

Gli aspirapolvere Dyson sono da anni il punto di riferimento per le pulizie casalinghe. Il Dyson V8, seguito successivamente dal Dyson V10 e poi dal Dyson V11, hanno rappresentato il punto di

guida acquisto pulitori a vapore
Lifestyle 31 maggio 2020

Potenza, pressione, temperatura: una guida per scegliere il giusto pulitore a vapore

L’impiego della forza vapore è uno dei punti cardine della produzione su larga scala fin dalla metà del XVIII secolo. Sebbene il successo del vapore si leghi a doppio filo alla rivoluzione