Piani cottura a induzione: quali sono i pro e i contro?

Di Irene Bicchielli 24 settembre 2020
piano cottura ad induzione

I piani cottura a induzione sono una tecnologia sempre più diffusa anche nelle nostre case perché presentano indubbi vantaggi. Tuttavia, non sono in molti a conoscere esattamente il funzionamento di questi elettrodomestici e scegliere tra un piano cottura a gas e uno a induzione può risultare complicato. Di grande impatto estetico, funzionali per cucinare in tempi brevi e persino ecologici: in questo articolo scopriamo tutto quello che c’è da sapere prima dell’acquisto di un piano cottura a induzione e le differenze rispetto ai tradizionali a gas. Ma prima di tutto, capiamo come funziona la tecnologia a induzione e quali accortezze richiede.

Cottura a induzione: come funziona?

Il piano di cottura a induzione è una tipologia di piano elettrico che funziona creando un campo elettromagnetico: grazie ad un sistema di bobine nascosto sotto il piano in vetroceramica, alimentate da energia elettrica, l’energia viene direttamente trasferita al fondo della pentola sotto forma di calore. Per farlo, viene sfruttato il magnetismo che si crea tra pentola e piano: la dispersione di calore è minima, inferiore al 10%, quindi quasi tutto il calore prodotto viene infatti trasferito al cibo. Perché questo sistema funzioni, è indispensabile che la pentola o la padella siano realizzate con un materiale “magnetico” e che quindi non subiscano gli effetti del campo magnetico: il ferro o le leghe ferrose, come l’acciaio o la ghisa, sono perfetti mentre non vanno bene rame, ceramica, pietra o alluminio. Questo rappresenta uno degli svantaggi di un piano cottura a induzione: sarà necessario acquistare pentole specifiche, che riportano sul fondo il simbolo dell’induzione.

piano cottura ad induzione

Piano cottura a induzione: 4 cose da sapere

E adesso che abbiamo capito come funziona il meccanismo dell’induzione, entriamo nello specifico e scopriamo tutte le caratteristiche e cosa comporta l’utilizzo di questa tecnologia: in questo modo, potrete farvi un’idea precisa se è la scelta più adatta alla vostra cucina.

1. Consumi

Un piano cottura a induzione funziona con la corrente elettrica quindi dovete considerare che al vostro impianto elettrico saranno richieste performance maggiori: dovrete quindi verificare di avere linee di alimentazione e un impianto adatto a supportare la potenza elettrica richiesta delle bobine. Se non volete avere il problema di accendere contemporaneamente altri elettrodomestici, la cosa migliore è potenziare l’impianto elettrico e farlo passare da 3 a 5 kW/h, anche se i piani cottura più moderni funzionano sempre meglio anche da questo punto di vista.

2. Sostenibilità

Un piano cottura a induzione, contro ogni apparenza, è molto più ecologico rispetto a quelli tradizionali e comporta un notevole risparmio di energia. Infatti, non prevede dispersione energetica né spreco di calore: il piano si scalda solo del calore della pentola e diventa freddo appena la pentola viene tolta, interrompendo il campo magnetico. Questo significa che le pietanze si cuociono in modo uniforme impiegando un tempo minore e, di conseguenza, con un minore dispendio energetico.

3. Sicurezza

C’è poi da considerare il criterio della sicurezza. Un piano a induzione si rivela infatti molto più sicuro rispetto a quelli a gas perché scongiura fuoriuscite di metano e fiamme libere (particolarmente importante se avete bambini in casa). Inoltre, i nuovi modelli hanno un dispositivo di controllo che blocca l’accensione casuale e che permette il raffreddamento rapido non appena si conclude la cottura. Un’altra funzionalità molto utile è quella che blocca il sistema se l’acqua esce dalla pentola e finisce sulla piastra.

4. Design

Infine, la questione design: è indubbio che i modelli di piani a induzione siano molto più belli e raffinati rispetto a quelli a gas tradizionali. Si tratta infatti di una superficie perfettamente liscia, caratterizzata da un design essenziale e pulito, spesso di colore nero per essere ancora più sofisticati: sono perfetti per gli arredamenti e le cucine in stile contemporaneo e moderno, che rispecchiano questo stile minimalista.

Ecco tre modelli particolarmente belli e performanti che potete prendere in considerazione per la vostra cucina.

Indesit VID 741 B C

Whirlpool ACM 814 Ba

Samsung NZ84J9770EK

Se avete bisogno di qualche dettaglio in più per scegliere il miglior piano cottura, potete dare un’occhiata alla nostra guida all’acquisto e togliervi ogni dubbio!

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Commenti

Giuseppe D'Acccardi
10 ottobre 2020, 3:09

Buongiorno
Devo acquistare elettrodomestici incasso per cucina, un piano cottura induzione 2 piastre, due piani cottura gas 2 piastre e un forno ventilato da 90 cm con sttumemti alti e non laterali possibilmente tutto in vetro ceramica nero e il forno di colore nero se disponibile.
Per eventuali il mio numero e xxxx, prodotti smeg o whirlpool. Attendo soluziine. Grazie

Rispondi
Valentina di Trovaprezzi
12 ottobre 2020, 8:03

Buongiorno Giuseppe,
grazie per averci contattato. Trovaprezzi è un comparatore di prezzi online, non vendiamo nulla direttamente, compariamo le offerte dei negozi presenti sul nostro network per permettere agli utenti di risparmiare. Per qualsiasi domanda che riguarda i prodotti, clicchi sull’offerta che le interessa e verrà reindirizzato sul sito che vende il prodotto. Per qualsiasi altra domanda può rivolgersi al nostro servizio clienti scrivendo all’indirizzo supporto@trovaprezzi.it.
Buona giornata 🙂

Rispondi

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti