Adidas LA Trainer: storia delle sneakers che non passano di moda

Adidas è oggi uno dei brand sportivi più conosciuti e amati al mondo, produce scarpe sportive che tutti noi conosciamo e indossiamo, ma non è stato sempre così! Nata negli anni Venti in Baviera, l’azienda era inizialmente niente di più di un piccolo laboratorio di calzature ed è solo dagli anni Sessanta che diventa un nome conosciuto e apprezzato per la qualità dei suoi prodotti sportivi. Non è un caso che proprio negli anni Sessanta vengono lanciati sul mercato alcuni dei modelli che faranno la storia del brand e che ancora oggi sono indossati da teenager, adulti, uomini e donne di tutto il mondo: nel 1969 escono le Adidas Superstar mentre il 1971 è l’anno delle Adidas Stan Smith, un’altra icona del marchio tedesco che oggi sta letteralmente spopolando.

In questo articolo ripercorriamo la storia di un modello altrettanto conosciuto e molto in voga, specialmente tra gli uomini e i ragazzi che amano vestirsi in modo casual ma curato: le Adidas LA Trainer ebbero fin dal loro debutto un enorme successo e lo dimostra il fatto che ancora oggi, a trent’anni dal loro lancio sul mercato, le vediamo ai piedi di tantissimi ragazzi e ragazze. Ecco come sono nate e quali caratteristiche le rendono uniche.

Adidas LA Trainer: nascita e caratteristiche

Erano gli anni Ottanta, precisamente il 1984, quando arriva sul mercato un nuovo modello di sneakers firmato Adidas: le LA Trainer hanno la tomaia traspirante in nabuk e nylon a maglie larghe, l’intersuola in polyair per renderle leggerissime e flessibili e una tecnologia all’avanguardia. I tre bollini colorati sulla suola non sono un dettaglio estetico ma funzionale all’ergonomicità della scarpa: si tratta infatti di tasselli a sezione cilindrica che funzionano da ammortizzatori. Inizialmente, venivano venduti separatamente, insieme a un piccolo attrezzo in plastica che consentiva di inserirli nella suola e ad una tabella che spiegava come combinare i colori per ottenere le migliori performance. Sì, perché ad ogni colore corrispondeva una potenza di ammortizzazione diversa!

Immediatamente le Adidas LA Trainer riscontrano un enorme successo e le olimpiadi di Los Angeles del 1984 furono il trampolino di lancio che le consacrò a sneakers di prima categoria per atleti e sportivi. Il loro successo è dunque dovuto al giusto mix di estetica e tecnologia, essenzialità e avanguardia.

Adidas_LA_Trainer trovaprezzi

Le Adidas LA Trainer oggi: che cosa è cambiato?

Per tanti anni le LA Trainer sono state prodotte sempre nello stesso modo, utilizzando sempre gli stessi materiali e lo stesso identico design. Il primo, piccolo cambiamento arriva nel 1989: in concomitanza allo spostamento della produzione nei paesi dell’Est Europa e in Asia, è stata inserita la dicitura “L.A. Trainer” sulla striscia più vicina al tallone. Nel 1998 esce l’edizione speciale dedicata ai mondiali di Francia, una versione elegantissima in bianco e nero, in perfetto stile calcistico. Negli anni, poi, si sono aggiunti nuovi colori oltre al classico blu e bianco: sono uscite le LA Trainer rosse, verdi e anche bianche. E oggi?

LA Trainer 2

Nel 2011 la grande novità: escono ufficialmente le Adidas LA Trainer 2. In che cosa si distinguono dal modello originale? Innanzitutto nel design, più moderno e declinato in chiave lifestyle, ma anche nel nuovo sistema di ammortizzazione; le tre strisce inoltre sono ora disponibili in diverse varianti, lucide e metallizzate, e sul tallone della scarpa troviamo l’inconfondibile simbolo del trifoglio. Infine, in ogni scatola trovate dei lacci di diverso colore per rinnovare sempre il proprio stile.

Da sempre, nella versione 2 ancora di più, le LA Trainer sono particolarmente apprezzate dal pubblico maschile: perfette per chi ama lo stile casual, sportivo e allo stesso tempo di tendenza, si abbinano a qualsiasi outfit; possono completare jeans e maglione oppure sdrammatizzare look più eleganti con un tocco sporty.

Altri articoli per: ,