Il nuovo Huawei Matebook si preannuncia tra i migliori notebook del 2019

Il nuovo Huawei Matebook 2019, annunciato da poco al CES 2019 di Las Vegas, sembra destinato a essere uno dei migliori notebook del 2019, confermando il meritato successo dei modelli precedenti: il Matebook X 2018, in particolare, è ancora tra gli acquisti più consigliati per chi cerca un computer portatile di alto livello.

Il nuovo Ultrabook di Huawei monta un touschscreen da 13 pollici ad alta risoluzione (21060×1400) e un design pressoché identico a quello precedente. Ritroviamo quindi le linee morbide ma sopratutto al combinazione di vetro e metallo, a garantire solidità e un aspetto professionale.

All’interno invece Huawei ha rivisto la dotazione hardware, aggiornandola con i componenti più recenti: due potenti processori Intel Whiskey Lake di ottava generazione, 8 GB di RAM e fino a 512 GB di SSD. La versione più potente, con Intel Core i7-8565U, ha anche il chip grafico Nvidia MX150 (per la versione con Core i7), che garantisce qualcosa in più nelle prestazioni grafiche – ma sarà necessario solo in alcuni casi. La versione meno potente monta invece un Intel Core i5 con grafica integrata. La batteria da 41,7 Wh, secondo Huawei, garantisce fino a 10 ore di autonomia.

Huawei Matebook 2019

Ritroviamo il lettore di impronte digitali integrato nel pulsante di accensione; i dati biometrici vengono salvati sul dispositivo tramite hardware dedicato, senza essere mai trasferiti su un server esterno. Ci sono due porte USB-C, nessuna delle quali purtroppo è una Thunderbolt – protocollo che garantisce un’alta velocità di trasferimento, ideale per chi usa grandi quantità di dati remoti (via cavo) o chi vuole usare una scheda grafica esterna. Nella confezione è incluso un dock esterno con USB-A, USB-C, VGA e HDMI. I prezzi dovrebbero essere gli stessi del modello attuale, quindi a partire da 1.100 euro circa – a salire secondo la configurazione.

Per garantire una buona dissipazione termica, ed evitare che il computer perda prestazioni perché troppo caldo, Huawei ha inserito il sistema di raffreddamento Shark Fin 2.0, che secondo l’azienda migliora la circolazione d’aria del 25% – tramite due ventole che in caso di necessità posso arrivare a ottomila giri al secondo. Considerata la potenza hardware, in particolare sulla variante più costosa, probabilmente ce ne sarà bisogno.

Il nuovo Huawei Matebook X si preannuncia quindi come uno tra gli ultrabook più interessanti del 2019. ll che è notevole considerando che l’azienda riesce a mantenere un prezzo concorrenziale rispetto agli altri prodotti in commercio. In generale, Huawei ha trasformato il “semplice” Matebook in un’alternativa più che concreta al più costoso Matebook X (e Matebook X Pro), creando così una nuova scelta per chi vuole di meglio rispetto a modelli come il Matebook D, senza però spendere le cifre sostenute dei modelli top di gamma.

Altri articoli per: , , , ,