Tech 11 luglio 2019

Huawei al lavoro su un OS più veloce di Android

Huawei HongMeng OS

Si chiama HongMeng OS il sistema operativo su cui Huawei, azienda cinese leader del settore smartphone, starebbe lavorando, e potrebbe essere più veloce di Android, anche se necessiterebbe di un proprio store dedicato alle applicazioni.

È questa la dichiarazione di Ren Zhengfei, fondatore e CEO dell’azienda cinese, rilasciata durante un’intervista alla nota rivista francese Le Point. Un’affermazione decisamente in linea con quanto riportato da un’analisi di GlobalTimes, che sostiene che i test del nuovo firmware avrebbero dimostrato una velocità superiore del 60% rispetto ad Android.

Zhengfei sottolinea che HongMeng non è progettato per funzionare solo sugli smartphone, ma si tratterebbe di un firmware ibrido in grado di essere installato su qualsiasi dispositivo: dai router all’Internet of Things, passando anche per l’automotive. Questo fa pensare che, a prescindere dall’esito delle più recenti che hanno visto il ban di Huawei da parte degli Stati Uniti, il colosso cinese possa comunque continuare a sviluppare tale sistema operativo.

Se da un lato i test lasciano ben sperare, dall’altro il successo di un firmware proprietario è strettamente legato alle applicazioni compatibili. Android, che troviamo installato sulla maggior parte dei dispositivi, come Huawei P30 Pro, Galaxy S10, Sony Xperia 1, e iOS, installato su iPad e iPhone, possono infatti contare su milioni di applicazioni compatibili e ben ottimizzate.

HongMengOS dovrebbe invece iniziare tutto da capo, in quanto non esiste attualmente un’alternativa all’App Store o al PlayStore e le applicazioni per Android non risultano compatibili con il sistema di Huawei. Un contesto del genere lascia però tanta incertezza in merito al futuro del connubio tra Android e Huawei. Seppur durante il G20 di Osaka Trump abbia fatto un passo indietro, affermando che le aziende statunitensi potranno continuare a vendere a Huawei attrezzature che non rappresentano un problema in merito alla sicurezza nazionale, il Dipartimento del Commercio ha immediatamente fatto chiarezza, specificando che Huawei è ancora tra le aziende che fanno parte della lista nera.

Non resta che attendere un chiarimento e una decisione dal Dipartimento del Commercio e attendere cosa invece deciderà di fare Huawei con i suoi prossimi smartphone.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento