Tech 13 novembre 2019

Apple al lavoro su un visore per la realtà aumentata?

Occhiali Apple AR

Apple starebbe lavorando a un visore per la realtà aumentata. La notizia arriva direttamente da The Information, noto sito di informazione. Oltre al visore potrebbero seguire dei particolari occhiali smart. I dispositivi dovrebbero essere pronti per il 2022 e il 2023, dunque in ritardo rispetto alle prime indiscrezioni secondo cui tali gadget sarebbero stati pronti già per il 2020.

Nell’articolo pubblicato si fa riferimento a una riunione interna in cui Apple ha mostrato le caratteristiche e le funzioni dei dispositivi AR. Il ritardo nella commercializzazione sarebbe dovuto allo sviluppo della tecnologia necessaria per un corretto funzionamento, che al momento risulta ancora acerba.

Il visore Apple, che viene citato con nome in codice N301, potrebbe essere molto simile all’Oculus Quest di Facebook, con un design ovviamente rivisto per essere in linea con il linguaggio stilistico del colosso di Cupertino. L’azienda impiegherà tutto il suo know-how per creare un prodotto che possa garantire il massimo del comfort anche per lunghe sessioni di utilizzo.

Apple Glass

Quello che potrebbe essere il probabile design degli Apple Glass in arrivo nel 2023.

Il funzionamento si basa sull’impiego di nuovi sensori 3D che potrebbero essere usati già dal 2020 sui successori di iPhone 11 e 11 Pro e sugli iPad. In questo modo Apple ha la possibilità di testarne le funzioni e capire se ci possano essere criticità durante l’uso quotidiano in modo da risolverle in maniera tempestiva.

Il visore è atteso per il 2022, anno in cui la connettività 5G, necessaria per avere accesso a tutte le funzioni, dovrebbe raggiungere una buona diffusione a livello globale.

Nel 2023 seguiranno poi i cosiddetti Apple Glass, ovvero gli occhiali con realtà aumentata a marchio Apple. A giudicare da quanto trapelato, i prototipi attuali sembrano degli occhiali da sole con cornici piuttosto spesse che includono l’elettronica necessaria per il funzionamento e la batteria.

Tutte le informazioni riportate sono comunque frutto di indiscrezioni e basate su quelli che sono a tutti gli effetti dei prototipi in fase embrionale e che potrebbero dunque subire grandi cambiamenti prima dell’arrivo ufficiale sul mercato. Non resta dunque che attendere ulteriori sviluppi.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Realme
Tech 25 gennaio 2020

Realme: smartphone 5G all’MWC 2020

Realme parteciperà insieme a tantissime altre aziende al Mobile World Congress 2020 che partirà il prossimo 24 febbraio a Barcellona. L’azienda cinese presenterà in questo contesto il suo primo smartphone dotato di

iPad 5G
Tech 21 gennaio 2020

iPad 5G in arrivo?

Il 2020 è un anno molto atteso lato connettività, in quanto dovrebbe rappresentare l’inizio della diffusione di massa delle reti 5G. Ci sono già alcuni smartphone compatibili con tale tecnologia, ma si

Huawei
Tech 16 gennaio 2020

Huawei: 6,9 milioni di smartphone 5G spediti

Huawei ha comunicato di aver spedito oltre 6,9 milioni di smartphone dotati di connettività 5G in tutto il mondo nel corso del 2019. Il colosso cinese ha infatti commercializzato diversi dispositivi compatibili