Tech 12 gennaio 2020

Come controllare lo smartphone dei figli: Google Family Link

come controllare lo smartphone dei figli

I genitori non hanno tutti lo stesso approccio, quando si tratta di concedere ai figli l’uso di oggetti tecnologici. C’è chi concede uno smartphone ai figli già nei primi anni della scuola elementare, e chi preferisce aspettare più a lungo. In ogni caso, prima o poi arriva per tutti il momento in cui i più giovani hanno il loro cellulare.

La prima cosa da fare è scegliere quale telefono comprare. La maggior parte dei genitori si orienterà quasi certamente su uno tra i migliori smartphone di fascia media, ma chi lo desidera può orientarsi sugli smartphone top di gamma, o ancora lasciarsi guidare dagli smartphone più cercati su Trovaprezzi.it. Oppure, se siete amanti di Apple, potete orientarvi su un iPhone 8, che non è certo l’ultimo modello ma proprio per questo ha un prezzo tutto sommato ragionevole (per essere un iPhone, almeno).

Tra i modelli “papabili” come primo modello per i figli, vale la pena di menzionare il Redmi Note 8T, uno smartphone moderno, con prestazioni eccellenti, un’ottima fotocamera, una grande autonomia e, soprattutto, un prezzo inferiore ai 160 euro.

Controllare lo smartphone dei figli – Google Family Link

Ci occuperemo degli iPhone e delle applicazioni terze in altri articoli. Oggi prendiamo in esame quella che è probabilmente la migliore soluzione possibile per vigilare sullo smartphone dei propri figli, e allo stesso tempo garantire loro la massima privacy. Si tratta di Google Family Link, un servizio disponibile per Android e Chrome OS – ma relativamente utile anche con Windows e altri sistemi operativi.

Inizialmente lasciate da parte il nuovo smartphone: è molto importante non inserire alcun dato nel nuovo terminale, fino a che la configurazione non è terminata.

Per usare questo metodo è molto importante seguire correttamente la procedura, perché il sistema ideato e fornito da Google è, appunto, progettato per garantire la massima tutela del minore, sia per quanto riguarda i possibili rischi della tecnologia e del web, ma anche per la difesa della sua privacy.

Google Family Link, in altre parole, è uno strumento che aiuta a proteggere dai possibili rischi ma è anche educativo. Usando questa app, genitori e figli possono imparare insieme a usare la tecnologia in modo responsabile, trasformando lo smartphone da una “perdita di tempo” a un potente supporto per lo studio, il tempo libero e la crescita personale.

Per utilizzare Google Family Link almeno un genitore deve avere un account Google, ma in realtà sarebbe bene che lo possedessero entrambi, perché è proprio tramite l’account Google che è possibile monitorare la posizione dello smartphone controllato, autorizzare l’installazione di nuove app o verificare il tempo passato usando il telefono o le singole applicazioni.

1 – Creare un account per il figlio

Il primo passo è creare un account per il proprio figlio o figlia. Per farlo potete usare un computer, visitando la pagina specifica Famiglie di Google. Oppure potete fare tutto usando l’applicazione Android Google Family Link per Genitori. Questo secondo metodo è più intuitivo, ed è quello che descriveremo di seguito.

Basta toccare il simbolo + in alto a destra per creare un nuovo account (si potrà aggiungerne uno esistente). La procedura guidata è abbastanza intuitiva, e richiede di inserire o creare un nuovo indirizzo @gmail, aggiungendo poi i dati della persone (nome ed età, più alcune informazioni facoltative). Dovrete anche scegliere la password dell’account stesso – ricordate di annotarla da qualche parte.

Google Link controllo figli

2 – Registrare il nuovo smartphone

Una volta creato l’account del ragazzo o ragazza che volete monitorare, è il momento di accendere e configurare il nuovo smartphone. Questo passaggio è molto più semplice, ed è del tutto simile alla configurazione di qualsiasi smartphone Android.

Alla prima accensione infatti il sistema vi chiederà di inserire un account Google. Qui dovrete inserire l’indirizzo email e la password di vostro figlio. Da subito noterete che dovrete inserire anche la vostra, che è richiesta come approvazione del genitore. Subito dopo potrete installare l’app Google Family Link per bambini e adolescenti.

3 – Tutto pronto per gestire lo smartphone dei figli

A questo punto è tutto pronto. Vostro figlio potrà usare lo smartphone come meglio crede, ma con alcune significative differenze

Condivisione di contenuti

Google Family Link offre anche la possibilità di condividere contenuti e acquisti. Se il genitore acquista spazio su Google Drive, per esempio, potrà condividerlo con gli altri membri della famiglia (se ne possono aggiungere fino a cinque). E lo stesso vale per i film comprati tramite Play Movies o la musica. Sarà inoltre più semplice condividere note di Google Keep, e se comprate una app, anche vostro figlio potrà usarla.

La condivisione è tuttavia soggetta ad alcune restrizioni, diverse per ogni contenuto. Vi consigliamo di verificare ogni volta prima di procedere all’acquisto.

Nota: vale la pena sottolineare che Google Family Link tutela la privacy dei vostri figli, e quindi non permette di leggere i loro messaggi Whatsapp o Telegram, né di controllare cosa fanno su Facebook, TikTok o altro. Questo tipo di controllo infatti esula dagli obiettivi di un sistema simili, ed è legato alla relazione stessa tra genitori e figli. In altre parole, e una questione su cui Google (o altri) non dovrebbe intromettersi. Se volete leggere le chat dei vostri figli (ammesso e non concesso che sia una buona idea), dovrete prendere fisicamente il loro telefono. O usare app “spia” molto meno rispettose di questa che abbiamo descritto oggi.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Come scrivere in fretta con tastiera
Tech 13 gennaio 2020

Come scrivere più in fretta con la tastiera

Il personal computer è ormai un oggetto quotidiano da moltissimi anni, e per molti di noi è uno strumento di lavoro. Lo usiamo per gestire fogli di calcolo, per navigare su Internet

5 App per foto
Tech 7 gennaio 2020

Fotografare con lo smartphone: 5 app essenziali per il fotoritocco

Gli smartphone odierni puntano sempre di più al comparto fotografico. A crescere negli anni non è stata solo la qualità, che ormai ha più che superato quella di una fotocamera compatta di

Come fare i ritratti
Tech 5 gennaio 2020

Come fare un ritratto fotografico: tutti i trucchi

La fotografia ritrattistica è risalita in auge negli ultimi anni grazie alle apposite modalità integrate in smartphone come Google Pixel 3XL, iPhone 11 Pro, e Galaxy S10. Il cosiddetto effetto bokeh, ovvero