Tech 21 giugno 2020

Fitbit Charge 4: la qualità di Charge 3 ma con il GPS integrato

Fitbit

Fitbit Charge 4 rinnova nelle funzioni il precedente Charge 3 aggiungendo il GPS e altre piccole novità. La band rimane pressoché invariata dal punto di vista del design, eccezion fatta per alcuni braccialetti con nuovi materiali e colori.

Abbiamo provato questa smartband Fitbit per alcune settimane e siamo dunque pronti a raccontarvi come va, sia nell’uso quotidiano, che comprende ricezione di notifiche, passi e monitoraggio del sonno e del battito cardiaco, sia nell’uso sportivo con un po’ di corsa.

Design e materiali

Voto: 8/10

Come detto nell’introduzione Fitbit Charge 4 a una prima occhiata risulta identico al modello che va a sostituire. La nocciola centrale, al cui interno è custodita tutta l’elettronica, misura 35,8 x 22,7 x 12,5 millimetri ed è molto leggera, così tanto da non percepirla quando la si indossa.

charge 4

Il Charge 4 è disponibile in due versioni, normale e Special Edition.

Nella parte inferiore c’è il sensore per il rilevamento del battito cardiaco che risulta essere piuttosto preciso. Presenti sia l’NFC per i pagamenti contactless tramite piattaforma Fitbit Pay, sia il GPS, che consente di tracciare il percorso svolto durante l’allenamento anche senza dover portare con sé lo smartphone. Associato al fatto che è resistente all’acqua fino a 5 atmosfere, Fitbit Charge 4 risulta particolarmente adatta per i più sportivi.

La smartband viene proposta in due versioni, quella normale con cinturino in silicone nero, e la versione Special Edition (oggetto di questa recensione) che oltre al braccialetto in silicone nero ne include anche uno in Nylon riflettente. Il cambio del cinturino è molto semplice e averne due consente di usarne uno per lo sport, e l’altro per le occasioni più formali.

La parte anteriore è occupata quasi interamente dal display OLED monocromatico. Peccato non vedere maggiori novità e un display a colori, ma è anche vero che l’attuale display è ben visibile e visualizza un discreto numero di informazioni.

La ricarica avviene tramite un connettore proprietario magnetico che si aggancia alla smartband nella parte inferiore e si collega poi a un alimentatore tramite USB. La batteria dura una settimana, come dichiarato dall’azienda.

Software

Voto: 8/10

Come Fitbit Charge 3 anche Fitbit Charge 4 basa il suo funzionamento sul display touch e su un singolo pulsante laterale anch’esso touch e dotato di feedback aptico. Rispetto a un pulsante fisico l’uso risulta un po’ strano in prima battuta, ma dopo qualche giorno ci si abitua. La vibrazione emessa risulta confortevole quando arrivano molte notifiche, in quanto è ben percepibile ma non crea quella fastidiosa sensazione di formicolio causata dalle band più economiche.

display Fitbit Charge4 Special Edition

Il display OLED di tipo monocromatico è ben visibile.

Tramite il touch si possono controllare le notifiche, selezionare le applicazioni o accedere alle impostazioni o consultare il meteo. Non ci sono molte possibilità, ma quelle essenziali sono presenti e la leggibilità ne giova.

Monitoraggio dell’attività

Voto: 8/10

Fitbit Charge 4 monitora diverse attività, tra cui la corsa, il ciclismo ma anche lo Yoga. L’utente può scegliere l’orario dell’allenamento e il dispositivo avviserà che è giunto il momento di svolgere lo sport selezionato.

La smartband è in grado di capire da solo quando l’utente si sta allenando e di identificare anche lo sport. Tuttavia, in questo caso il tracciamento GPS non sarà attivo, una scelta conservativa fatta per assicurare comunque la migliore autonomia. Il GPS si attiva invece se è l’utente ad avviare manualmente il monitoraggio dell’attività.

braccialetti Fitbit Charge4 Special Edition

La Special Edition viene fornita con due braccialetti, uno in silicone e il secondo in Nylon.

Mentre si fa sport si possono visualizzare varie informazioni, tra cui il battito cardiaco, il ritmo e il percorso effettuato. Rispetto a sportwatch dedicati come il Garmin Forerunner 945 le informazioni visualizzate sono inferiori, ma ricordiamo che si tratta di un dispositivo dedicato a tanti utenti, da chi vuole semplicemente una smartband alla moda ma funzionale, a chi vuole iniziare ad allenarsi più seriamente.

Notiamo una tendenza dei dispositivi Fitbit a sovrastimare i passi, mentre durante la corsa il monitoraggio è piuttosto preciso e sebbene non possiamo consigliarla per un uso agonistico, va più che bene per l’uso amatoriale in modo da avere un’idea di massima.

Applicazione

Voto: 7,5/10

L’applicazione Fitbit è stata aggiornata in occasione del lancio della nuova Charge 4 ma i menu sono rimasti molto simili rispetto alla precedente versione. Peccato avere un’interfaccia che sente il peso degli anni su una band così versatile. Anche alcuni avversari economici, come la Mi Band 4 di Xiaomi, offrono un’esperienza più gradevole.

Applicazione Fitbit Charge 4

L’applicazione ha tutto il necessario, ma sente il peso degli anni.

Dall’applicazione è possibile non solo scegliere i propri parametri personali, ma anche configurare la smart band in modo da personalizzarla in base alle proprie esigenze. Dopo ogni attività o comunque dopo ogni giornata, vengono sincronizzati i dati ed è possibile monitorare attraverso grafici di semplice lettura i numeri registrati.

Fitbit Charge 4, come il precedente Charge 3, si rivela molto preciso nella misurazione del sonno, suddiviso in diverse fasi. Tramite l’applicazione l’utente potrà anche ricevere dei consigli pratici su come rendere il riposo più efficace e migliorare la qualità del sonno.

Conclusioni

8/10

Se avete Fitbit Charge 3, probabilmente ha poco senso passare alla nuova Fitbit Charge 4. La vera novità è costituita dalla presenza del GPS, ma se ci si aspetta un’esperienza d’uso rinnovata, è possibile rimanere delusi. Se vi siete resi conto invece che la smartband Charge 3 è limitata per un utilizzo più spinto e dedicato allo sport, la scelta migliore è passare a uno sportwatch dedicato, come i Garmin o i Polar.

Se invece siete alla ricerca di una band elegante, comoda, funzionale, dalla buona autonomia e con GPS integrato, Charge 4 è una delle pochissime se non l’unica a offrire tutto questo. Certo, c’è qualche difetto, come per esempio l’applicazione un po’ vecchio stile, ma l’esperienza è comunque positiva.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Charge 4
Tech 1 aprile 2020

Fitbit Charge 4 è ufficiale

Fitbit ha presentato il nuovo Charge 4. Dopo alcuni mesi di continue indiscrezioni su quelle che potevano essere le specifiche tecniche dell’innovativo braccialetto smart che andrà a prendere il posto di Charge

Charge 4
Tech 31 marzo 2020

Fitbit Charge 4 avrà il GPS?

Fitbit Charge 4 è il fitness tracker che andrà a sostituire l’ attuale Charge 3. Piccolo e compatto non rinuncia a funzioni avanzate per il monitoraggio dell’attività fisica, del nuoto e anche