I migliori smartphone impermeabili

Alcuni smartphone possono entrare in contatto con l'acqua senza subire danni. In questa guida, elenchiamo i migliori smartphone impermeabili.
Di Lucia Massaro @LuciaMassaro1 16 maggio 2021
Smartphone impermeabili

Le belle giornate cominciano ad arrivare assieme alla bella stagione. Se siete alla ricerca di uno smartphone, è probabile che vi stiate chiedendo quali siano i migliori da poter utilizzare in spiaggia. La maggior parte dei produttori oggi – Apple, Samsung, OPPO, Xiaomi e altri – hanno a catalogo almeno uno smartphone impermeabile.

I cosiddetti smartphone impermeabili sono dispositivi che possono continuare a funzionare anche dopo essere entrati in contatto con polvere e acqua. Ciò non vuol dire che possiamo far fare ai nostri cellulari delle immersioni profonde e in qualsiasi condizione. Bisogna sempre prestare attenzione al grado di impermeabilità.

Cosa significano le sigle?

Esistono diversi livelli di resistenza all’acqua e alla polvere. Bisogna fare attenzione al grado di protezione IP (International Protection) ottenuto da uno smartphone. Per capire il grado di protezione, bisogna vedere i numeri che seguono il suffisso IP. OnePlus 9 Pro, ad esempio, gode della certificazione IP68.

IP67

Quelli più diffusi in ambito smartphone sono IP67 (immersione in acqua fino a 1 metro di profondità per un massimo di 30 minuti) e IP68 (immersione in acqua fino a 3 metri di profondità per più di un’ora). In ogni caso, le condizioni vengono spesso specificate dagli stessi produttori.

Ci sono alcuni modelli – come il POCO X3 Pro – che hanno la certificazione IP53/IP54. In questo caso, parliamo di dispositivi che possono resistere alla pioggia o agli schizzi d’acqua, quindi non sono impermeabili.

Come funziona la garanzia?

Nella maggior parte dei casi, i danni causati da liquidi non sono coperti da garanzia. Apple, ad esempio, specifica che “i danni da liquidi non sono coperti dalla garanzia limitata di un anno di Apple. I danni da liquidi possono essere coperti dalla tua garanzia legale di conformità se non sono stati causati da un uso non consentito o improprio o comunque da un uso non coerente con le linee guida o istruzioni pubblicate da Apple”.

Inoltre, la caratteristica di impermeabilità potrebbe perdersi con il passare del tempo e con l’usura del dispositivo.

Il consiglio è di evitare di immergere gli smartphone in acqua salata o in acqua con cloro (piscina), perché queste sostanze potrebbero corrodere le parti interne. In caso di immersione, è bene risciacquare con acqua corrente con getto delicato. Un getto troppo forte, come quello di alcune docce, potrebbe provocare danni. Per non avere alcuna preoccupazione, potete sempre utilizzare le cover per immergere gli smartphone sott’acqua. È bene comunque leggere sempre le indicazioni fornite dai produttori.

Migliori smartphone impermeabili

Samsung Galaxy A72

Samsung Galaxy A72

Il nuovo Galaxy A72 di Samsung è il più economico della lista. Gode della certificazione IP67 (immersione in acqua dolce fino a 1 metro per un massimo di 30 minuti). Stiamo parlando di uno smartphone dotato di un ampio display Super AMOLED da 6,7 pollici, fino a 8 GB di RAM e un comparto fotografico completo. Oltre al sensore principale da 64 Megapixel, integra anche un grandangolare, un sensore per le macro e un teleobiettivo da 8 Megapixel.

OnePlus 9 Pro

OnePlus 9 Pro

Con OnePlus 9 Pro entriamo nel segmento degli smartphone top di gamma. La certificazione è IP68 (immersione in acqua dolce fino a 1,5 metri per un massimo di 30 minuti). È la proposta di fascia alta del brand cinese per la prima parte del 2021. Con questo modello, OnePlus ha fatto finalmente un passo avanti in ambito fotografico grazie alla collaborazione con il marchio Hasselbad e alle quattro fotocamere posteriori (48 MP + 8 MP + 50 MP + 2 MP).

OPPO Find X3 Pro

Find X3 Pro

Find X3 Pro ha la certificazione IP68 (immersione in acqua dolce fino a 1,5 metri per un massimo di 30 minuti). Con un prezzo di listino che supera i 1.000 euro, è un prodotto che non chiede rinunce. La peculiarità è ancora una volta il comparto fotografico. Oltre all’ottimo zoom ottico, può contare su un sensore macro in grado di attivare la modalità microscopio. In altre parole, ingrandisce il soggetto per ben 25 volte catturando ogni dettaglio.

Samsung Galaxy S21 Plus

Galaxy S21+

Tutta la nuova serie Galaxy S21 può contare sulla certificazione IP68 (immersione in acqua dolce fino a 1,5 metri per un massimo di 30 minuti). Qui consigliamo Galaxy S21+ che si pone a metà strada tra il modello base e il costoso Galaxy S21 Ultra. Condivide gran parte della scheda tecnica con il fratello minore, ma mette a disposizione un display AMOLED più grande (6,7 pollici) con refresh rate a 120 Hz e una batteria più capiente (4.800 mAh).

Samsung Galaxy S20 FE 5G

Galaxy S20 FE 5G

Galaxy S20 FE 5G è tra i migliori smartphone che è possibile acquistare a una cifra inferiore a 500 euro. Oltre alla certificazione IP68 (immersione in acqua dolce fino a 1,5 metri per un massimo di 30 minuti), l’azienda ha inserito tutte le caratteristiche amate dagli utenti Samsung in un prodotto meno costoso. Abbiamo così lo Snapdragon 865, il display da 6,5 pollici con refresh rate a 120 Hz, il teleobiettivo da 8 Megapixel e una capiente batteria da 4.500 mAh.

iPhone 12 Pro

Apple iPhone 12 Pro

Tutti i nuovi iPhone 12 presentano la certificazione IP68 (immersione in acqua dolce fino a 6 metri per un massimo di 30 minuti). Consigliamo iPhone 12 Pro come giusto compromesso tra i fratelli minori (Mini e iPhone 12) e il maggiore iPhone 12 Pro Max. A differenza dei modelli precedenti, può contare sul nuovo standard di rete 5G. Per il resto, parliamo di caratteristiche da primo della classe: display OLED da 6,1 pollici, tre fotocamere posteriori di cui un teleobiettivo, un sensore ToF 3D come quello degli iPad Pro e l’ultimo potente processore di casa Apple.

Lucia Massaro
Lucia Massaro

Classe 1990, formazione umanistica, laureata in Traduzione Specialistica e una passione nascosta per la tecnologia. Sono la prova lampante che nella vita ognuno è l’artefice del proprio destino. Ho iniziato a giocare con il primo computer quando avevo appena imparato a leggere. Man mano abbandonavo la pesante enciclopedia cartacea per passare a Encarta, la più famosa enciclopedia multimediale prodotta da...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti