Tech 24 ottobre 2020

Recensione iPhone 12: un top di gamma a prova di futuro

iphone12

iPhone 12 è l’ultimo modello flagship degli smartphone Apple arrivato sul mercato il 23 ottobre. La nuova serie ha debuttato con molte novità rispetto a quella precedente ma soprattutto ha aggiunto un nuovo modello, la versione Mini che ha portato da tre a quattro le possibili versioni tra cui scegliere. I principali aggiornamenti rispetto al flagship precedente riguardano lo schermo, la connessione 5G e la nuova tecnologia MagSafe, sfruttata principalmente per la ricarica wireless.

Il nuovo modello è disponibile attualmente in tre configurazioni: da 64 GB, 128 GB e 256 GB. Le colorazioni disponibili per iPhone 12 sono in tutto cinque, ovvero bianco, nero, blu, verde e rosso. Il prezzo di listino è di 939 euro per la versione base, 989 euro per quella intermedia e 1.109 euro per quella con più spazio di archiviazione. Vale la pena ricordare che quest’anno, all’interno della confezione, non sarà disponibile il caricabatteria: è dunque necessario procurarsi o un accessorio compatibile o una base di ricarica wireless sulla quale Apple ha deciso di puntare molto per la nuova serie e che, come vedremo, rappresenta la principale novità.

iPhone 12

Design

Voto: 8/10

Il design è uno degli aspetti di iPhone 12 rimasto in linea con la serie precedente, anche se con qualche novità. L’aspetto sicuramente più evidente è che, come abbiamo già avuto modi di vedere nel nostro articolo, a differenza di iPhone 11, qui i bordi non sono curvi ma piatti. Di conseguenza lo smartphone ha una forma molto squadrata che richiama i vecchi modelli Apple come iPhone 4 e iPhone 5. In effetti, anche al tatto, il nuovo modello dà sensazioni differenti rispetto a quello precedente, risultando più spigoloso ma garantendo allo stesso tempo una presa molto salda. Si tratta, comunque, solo di una somiglianza a livello superficiale perché, guardando ai materiali, sono stati comunque fatti dei passi avanti.

Lo schermo di iPhone 12 è realizzato infatti con un materiale definito Ceramic Shield, ovvero un vetro che contiene cristalli di nanoceramica che, stando a quanto dichiarato da Apple, lo rendono quattro volte più resistente rispetto alla versione precedente. Per quanto riguarda le dimensioni, lo smartphone ha uno spessore di 7,4 mm, un’altezza di 146,7 mm e una larghezza di 71,5 mm. Se confrontato con il precedente modello, dunque, è più sottile dell’11% e più piccolo del 15%.

Degno di nota è anche il peso pari a 162 grammi, e questo lo rende particolarmente maneggevole anche se non ai livelli di iPhone 12 Mini che ha invece un peso di 133 grammi. C’è inoltre una certificazione IP68 sull’impermeabilità in base alla quale il telefono può resistere sino a una profondità massima di 6 metri fino a 30 minuti. La disposizione dei tasti è quella classica dei dispositivi Apple che conosciamo: sul lato destro ci sono i comandi per il volume e il tasto per la modalità silenziosa, mentre su quello opposto troviamo il tasto di accensione. Sulla parte superiore e quella inferiore, invece, troviamo un altoparlante stereo integrato e un microfono.

Il connettore presente sulla parte inferiore è quello Lightning, simile a quello già è apparso su altri dispositivi Apple. Su questo aspetto, però, bisogna puntualizzare che non è identico a quello presente sui modelli precedenti e neanche su iPhone Xr. Si tratta, infatti, di un Lightning-USB-C e non Lightining-USB-A. In buona sostanza, dunque, i precedenti alimentatori non potranno essere utilizzati e all’acquisto di uno nuovo bisogna accertarsi che sia effettivamente compatibile con il nuovo modello. In ogni caso, all’interno della confezione, è presente il cavo che vi permetterà comunque di collegarlo al PC per la carica o effettuare il backup dei dati.

iPhone 12

Display

Voto: 9/10

Lo schermo è uno dei passi avanti principali compiuti da iPhone 12 rispetto al passato. Apple ha infatti scelto un display OLED per tutti i nuovi modelli, mentre nella serie precedente questa tecnologia era esclusiva di iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max. Il display Super Retina XDR, grazie al supporto all’HDR, riesce a fornire eccezionali prestazioni con i contenuti multimediali grazie a colori vivaci, un contrasto molto bilanciato e un’ottima resa delle tonalità nere. Le dimensioni di 6,1 pollici, come abbiamo visto parlando del design, non hanno comportato un aumento delle dimensioni del telefono.

In questo senso, iPhone 12 è un modello particolarmente raccomandato a chi ha l’abitudine di vedere serie tv e film sul proprio smartphone e, anche se non si tratta di contenuti in HDR alla fonte, la resa video resterà comunque eccezionale. Se avete abbonamenti a piattaforme come Netflix e Prime Video, il display sarà in grado di valorizzare tutti i contenuti grazie alla risoluzione da 2.532×1.170px e alla luminosità, quest’ultima comunque identica allo schermo LED visto su iPhone 11. Questa qualità video elevata è particolarmente evidente dunque sui contenuti multimediali ma si potrà apprezzare anche usando le app come ad esempio i social network e navigando su internet.

L’unico passo che manca al display di iPhone 12 per raggiungere la perfezione sarebbe stata la frequenza di aggiornamento da 120 Hz. Questa specifica tecnica avrebbe reso ancora più fluidi i contenuti video, l’uso delle app e il passaggio da un’applicazione all’altra. Inoltre, questa caratteristica si trova in tanti altri smartphone della concorrenza a partire dal Samsung S20 e per questo stupisce ancora di più l’assenza sul nuovo modello.

In ogni caso, il display di iPhone 12 non deluderà e potrebbe essere uno degli incentivi principali per i possessori di iPhone 11 che vogliono compiere il salto alla nuova serie.

iPhone 12

Prestazioni

Voto: 9/10

In termini di prestazioni, sono due le novità principali portate da iPhone 12: il 5G e il MagSafe. Si tratta di due tecnologie presenti su tutti i modelli della nuova serie e che rendono questi smartphone a prova di futuro.

La connessione 5G supportata da iPhone 12 riguarda tutti i possibili standard di trasmissione rendendolo in grado di collegarsi a qualsiasi rete. Al momento la rete 5G non è diffusa in Italia e ci vorrà ancora molto tempo per vedere una copertura capillare. Dunque, per quanto al momento questa specifica tecnica sia particolarmente all’avanguardia, forse è addirittura prematura vista l’attuale diffusione del nuovo standard di connessione dati.

MagSafe è la nuova tecnologia che sfrutta dei magneti, presenti nello smartphone, per varie funzioni. La più importante è legata alla ricarica wireless dato che MagSafe permette allo smartphone di restare saldo alla base di ricarica e garantire velocità maggiori, sempre che queste siano supportate dall’accessorio. Con quello ufficiale Apple, la ricarica può arrivare sino 15W garantendo tempi più veloci di almeno il doppio rispetto a quella dello stesso tipo per iPhone 11.

La tecnologia che sfrutta i magneti, però, si presta a molte altre applicazioni anche più semplici come le custodie che non vanno “incastrate” e possono essere anche riconosciute dallo smartphone. Anche questa, come il 5G, è una delle caratteristiche che saranno sfruttate in pieno solo in futuro quando vedremo dei nuovi accessori tanto che molti produttori di terze parti stanno già lavorando a prodotti con licenza per sfruttare la tecnologia MagSafe.

Il processore presente su iPhone 12 è attualmente uno dei migliori disponibili nel settore degli smartphone rispetto a quello della concorrenza. Se invece paragonato a quello precedente, i benchmark sembrano mostrare prestazioni superiori, ma non così incisive, rispetto all’A13 visto su iPhone 11. Questo significa che lo smartphone è estremamente potente, e quindi ideale per il gaming, ma  è anche particolarmente veloce nell’utilizzo delle app.

A queste specifiche tecniche si affianca poi lo spazio di archiviazione. La configurazione base, sotto questo profilo, sembra davvero offrire una quantità minima dato che questa è di 64 GB. Considerate anche le capacità fotografiche di iPhone 12 e soprattutto quelle di registrazione video, i 64 GB potrebbero esaurirsi fin troppo velocemente, soprattutto se si realizzano contenuti video e fotografici alle massime risoluzioni possibili.

iPhone 12

Fotocamera

Voto: 8/10

iPhone 12 ha un comparto esattamente identico a quello di iPhone 11. Ci sono infatti due sensori nella fotocamera posteriore: una grandangolare da 12 MP e quello ultra‑grandangolare con angolo di campo di 120 gradi. Lo zoom digitale arriva sino a 5x, mentre lo zoom out ottico i 2x. La fotocamera frontale è da 12 MP con apertura f/2.2.

Questi sensori hanno comunque ricevuto dei leggeri miglioramenti, dato che quello principale ha adesso un’ottica con apertura più ampia che permette di realizzare scatti migliori in condizioni di scarsa luminosità. Inoltre la modalità Notte, già particolarmente apprezzata, è stata estesa dal sensore principale grandangolare anche a quello ultra-grandangolare e alla fotocamera frontale. E dobbiamo dire con ottimi risultati.

Questo filtro si è rivelato essere infatti la principale novità introdotta da iPhone 12 nel comparto fotografico, permettendo di scattare al buio foto con la stessa qualità di quelle realizzate di  giorno. Ovviamente per avere risultati del genere bisogna prestare una certa attenzione nello scatto, dato che la modalità richiede di tenere fermo il telefono per qualche secondo in modo da avere risultati migliori. La stessa efficienza è stata dimostrata con la fotocamera frontale, anche se con prestazioni leggermente inferiori rispetto agli altri sensori.

Anche per le foto all’aperto è stato introdotto qualche miglioramento grazie all’opzione Smart HDR 3 che permette di dare una certa omogeneità agli scatti in presenza di diverse tipologie di ombre. Anche per quanto riguarda i video sono stati compiuti dei passi avanti con l’introduzione di Dolby Vision, nonostante le registrazioni in 4K si fermino a un valore di 30 frame al secondo. Sui modelli Pro e Pro Max, invece, la registrazione video permette di arrivare sino ai 60 fps che rappresenta il valore di frame rate ideale.

Insomma, il comparto fotocamere di iPhone 12 presenta dei buoni miglioramenti ma non rivoluziona del tutto quanto visto sull’iPhone 11. Dunque chi è alla ricerca di uno smartphone che possa rappresentare un notevole salto di qualità, in quanto a capacità fotografiche, farà meglio rivolgersi alla famiglia Pro.

iPhone 12

Autonomia

Voto: 7/10

L’autonomia è forse l’aspetto che colpisce meno di questo iPhone 12. Nel corso di una giornata con un uso moderato, infatti, la batteria arriva alla sera con il 50%. Ovviamente c’è anche la variabile del 5G. Sfruttando questa connessione, infatti, l’autonomia si riduce notevolmente soprattutto perché capiterà spesso di dover passare da una rete come la 4G a quella appena superiore.

Il confronto con iPhone 11 è inoltre particolarmente sorprendente perché, a parità di autonomia, il nuovo modello ha una batteria con una capienza minore, pari a 2.815 mAh contro i 3.110 mAh del modello precedente. Si tratta di un dato particolarmente sorprendente considerato che oggi la capienza di una batteria di un medio di gamma si aggira tra i 4.000 e i 4.500 mAh.

Il merito sembra essere del nuovo processore A14 Bionic che garantisce una maggiore efficienza energetica rispetto al passato. Certo, in contesti di un uso particolarmente intenso, l’autonomia è destinata a ridursi come quando, ad esempio, si guardano filmati e si usa il browser con una certa assiduità. In queste circostanze dura tra le 7 e le 10 ore.

Nel complesso l’autonomia di questo iPhone 12 è alla pari, e in alcuni casi leggermente al di sotto, di alcuni modelli della concorrenza ma addirittura anche della serie precedente e di modelli come iPhone XR arrivati molto tempo fa.

iPhone 12 contenuto confezione

Conclusioni

Voto: 9/10

iPhone 12 è sicuramente uno smartphone a prova di futuro. Le principali novità introdotte con il 5G e il MagSafe, infatti, sono molto promettenti. La prima funzionalità potrà dare il massimo quando questo nuovo standard sarà diffuso in maniera capillare. MagSafe permette invece dei tempi di ricarica wireless estremamente veloci ma si presta a molte altre funzionalità una volta che arriveranno sul mercato gli accessori, non solo di Apple ma anche di terze parti, che ne supporteranno i magneti. Detto questo, chi arriva dall’esperienza di iPhone 11 troverà nel nuovo schermo OLED un buon incentivo a cambiare il proprio smartphone, mentre chi ha una versione precedente del dispositivo Apple potrà a occhi chiusi trovare in questo modello un più che dignitoso aggiornamento. Se, però, rispetto alla serie precedente cercate un salto di qualità in termini di comparto fotografico la famiglia Pro resta probabilmente la scelta ideale offrendo dei significativi miglioramenti hardware rispetto ad iPhone 11.

Luca Salerno
Luca Salerno

Da circa 17 anni mi occupo di giornalismo ed editoria, mentre ad ancora prima risale la mia passione per la tecnologia iniziata nei lontani anni ‘80 con un Commodore 64. Questi due interessi sono stati sempre una costante nella mia vita e ritengo che riuscire a conciliarli nella mia attività professionale sia un vero privilegio.

La mia formazione universitaria in Scienze...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Samsung Galaxy A42 5G
Tech 13 ottobre 2020

Il Galaxy A42 sarà uno degli smartphone 5G più economici sul mercato

Fino a qualche tempo i prezzi degli smartphone con il supporto al 5G erano tra i più alti del mercato. Con la graduale diffusione di questa nuova tecnologia, però, il numero di

Google Pixel 5
Tech 2 settembre 2020

Google Pixel 5 e Pixel 4a 5G in arrivo a settembre, ormai è quasi certo

Il Google Pixel 5 e il Google Pixel 4a sono ormai imminenti, come conferma anche un recente articolo di 9to5Google, secondo cui ci sono nuovi documenti delle autorità statunitensi a conferma delle

a42
Tech 6 agosto 2020

Samsung Galaxy A42: il 5G per tutti

Dopo la presentazione della nuova serie Note, tra cui Galaxy Note 20, Galaxy Note 20 5G e Galaxy Note 20 Ultra 5G, Samsung continua a non fermarsi. Trapela infatti su GeekBench il