MacBook e Mac Mini: ecco tutti i modelli presentati nel corso dell’ultimo evento Apple

Di Luca Salerno 11 novembre 2020
presentazione apple macbook

Nel corso dell’evento One More Thing sono stati presentati i nuovi modelli di notebook Apple, che arriveranno equipaggiati con il primo processore proprietario M1 conosciuto come Apple Silicon e che sostituirà i chip Intel dei computer della casa di Cupertino. Nel corso della presentazione sono stati annunciati ufficialmente i nuovi modelli MacBook Air, MacBook Pro e Mac Mini: i nuovi notebook saranno disponibili a partire dal 18 novembre ma loro uscita sarà anticipata dall’arrivo del nuovo macOS Big Sur, ovvero il sistema operativo che apparirà su tutti i PC Apple e ottimizzato per il nuovo processore. Ecco quali sono, dunque, le specifiche tecniche dei nuovi notebook presentati nel corso dell’ultimo evento Apple dell’anno.

MacBook Pro

Grazie al nuovo processore, il MacBook Pro da 13 pollici promette un significativo balzo di performance dal modello attuale rispetto al quale dovrebbe avere prestazioni 2,8 volte superiori e 5 volte migliori sotto il profilo della potenza grafica. Apple ha voluto sottolineare la superiorità del nuovo modello non solo rispetto alla famiglia precedente di notebook di fascia alta ma anche rispetto a computer portatili con sistema operativo Windows rispetto ai quali il nuovo notebook dovrebbe essere tre volte più veloce. Il display è un Retina da 13 pollici con True Tone e per quanto riguarda le interfacce ci sono due porte Thunderbolt. La RAM è di 8 GB unificata sia per il processore che per GPU.

MacBook Pro M1 Apple Silicon

Ecco il design del nuovo MacBook Pro con il primo processore proprietario di Apple.

Il nuovo MacBook Pro possiede anche un nuovo sistema di raffreddamento che garantisce maggiore efficienza e silenziosità, mentre sul fronte della batteria questa è in grado di garantire un funzionamento di 17 ore con attività di media intensità e circa 20 ore in condizioni di uso meno intenso. Secondo Apple, la batteria adesso dura 10 ore in più rendendo il nuovo MacBook Pro il notebook con la migliore autonomia di sempre. Il nuovo modello ripropone anche un Neural Engine migliorato che è in grado, spiega Apple, di assicurare prestazioni nel machine learning fino a 11 volte superiori che in passato. Il design è rimasto sostanzialmente invariato rispetto al MacBook Pro da 13 pollici attuale. Il nuovo notebook sarà dotato di Magic Keyboard, Touch Bar, Touch ID e Trackpad Force Touch.

Il modello sarà disponibile dal 19 novembre a un prezzo di listino di 1.479 euro nella configurazione base da 256 GB che è disponibile anche con spazio di archiviazione da 512 GB (+230 euro), 1 TB (+460 euro) e 2 TB (+920 euro). Anche la RAM può essere portata da 8 GB a 16 GB (+230 euro).

La cifra di listino richiesta per la versione da 512 GB è invece di 1.709 euro configurabile con 1 TB (+230 euro) e 2 TB (+690 euro). La RAM può essere anche personalizzata a 16 GB (+230 euro).

MacBook Air

Secondo Apple, il nuovo MacBook Air è in grado di “ridefinire quello che un portatile è in grado di fare” offrendo un livello di potenza che fino ad oggi non è mai stato possibile su un formato così sottile e leggero. L’altezza del notebook è infatti di 1,61 cm, mentre la larghezza di 30,41 cm, la profondità di 21,24 cm e il peso di 1,29 chilogrammi. Il processore, anche in questo caso, è un Apple M1 che include anche il chip grafico e il Neural Engine per il machine learning. Sia per quanto riguarda le dimensioni che il peso si tratta di un passo avanti rispetto all’attuale MacBook Air da 13 pollici.

Il display retroilluminato è un LED IPS da 13,3 pollici con risoluzione nativa 2.560×1.600px. Il valore della luminosità è di 400 nit e sono incluse le tecnologie di gamma cromatica P3 e quella True Tone. Per quanto riguarda l’interfaccia, ci sono due porte Thunderbird e un’uscita audio per jack da 3,5 millimetri. In termini di autonomia, Apple garantisce fino a 15 ore di utilizzo con navigazione web in wireless continuativa e 18 ore con la riproduzione di film con Apple TV.

MacBook Air M1 Apple Silicon

Oltre che nella colorazione oro MacBook Air è disponibile anche in grigio siderale e argento.

Il nuovo MacBook Air sarà disponibile in due configurazioni. La prima ha un processore M1 con caratteristiche grafiche leggermente meno potenti dato che la GPU ha 7 core. Il prezzo di listino di parte è di 1.159 euro per la versione con SSD da 256 GB che è possibile configurare a 512 GB (+230 euro), 1 TB (+460 euro) e 2 TB (+920 euro). Si può scegliere, inoltre, tra una RAM di 8 GB e una di 16 GB (+230 euro).

La seconda configurazione è leggermente più potente dato che ha una GPU ad 8 core e la cifra richiesta è di 1.429 euro per la versione base da 512 GB e 8 GB di RAM. Lo spazio di archiviazione può essere portato a 1 TB (+260 euro) e a 2 TB (+690 euro). Anche la RAM può essere configurata fino a 16 GB (+230 euro).

Mac Mini

Nel corso dell’evento Apple ha anche presentato il nuovo modello del suo PC desktop, Mac Mini. Anche questo computer ha un processore M1 Apple Silicon che, come negli altri modelli, include 16 miliardi di transistor e integra CPU, GPU, Neural Engine e funzioni di Input e Output. Il nuovo modello promette prestazioni del processore tre volte superiori rispetto al Mac Mini attuale e di ben sei volte migliori in termini di prestazioni grafiche per i giochi. Apple ha dichiarato che il nuovo Mac Mini è cinque volte più veloce ma ha un decimo delle dimensioni di un PC Window che sono di 3,6cm x 19,7cm x 19,7 cm. Il peso è di 1,2 chilogrammi.

MacBook Mini

Il nuovo MacBook Mini avrà un prezzo di partenza di 819 euro.

Anche qui troviamo un nuovo Neural Engine a 16‑core, molto utile ad esempio per il miglioramento automatico delle foto. Il nuovo design del sistema di raffreddamento inoltre promette una maggiore efficienza e una minore rumorosità. Per quanto riguarda le porte disponibili il nuovo Mac Mini ha una porta Ethernet, due Thunderbolt, una HDMI 2.0, 2 USB-A e un’uscita jack da 3,5 mm per le cuffie.

Le configurazioni disponibili sul mercato saranno due. Quella base da 256 GB avrà un prezzo di partenza di 819 euro e permette di aumentare lo spazio di archiviazione a 512 GB (+230 euro), a 1 TB (+460 euro) o a 2 TB (+920 euro). Tra le altre opzioni configurabili c’è anche la RAM che può essere portata a 16 GB (+230 euro).

La seconda configurazione del Mac Mini partirà da 512 GB e costerà 1.049 euro che potranno aumentare con uno SSD da 1 TB (+230 euro) o da 2 TB (+690 euro). Anche la RAM può essere configurata a 16 GB (+230 euro).

Luca Salerno
Luca Salerno

Da circa 17 anni mi occupo di giornalismo ed editoria, mentre ad ancora prima risale la mia passione per la tecnologia iniziata nei lontani anni ‘80 con un Commodore 64. Questi due interessi sono stati sempre una costante nella mia vita e ritengo che riuscire a conciliarli nella mia attività professionale sia un vero privilegio.

La mia formazione universitaria in Scienze...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti