Pixel 6 Pro, tutto ciò che sappiamo sul top di gamma Google

Pixel 6 Pro è tra gli smartphone più attesi dell'anno. Avrà un processore proprietario ma non sappiamo quando verrà annunciato: ecco tutte le novità.
Di Lucia Massaro @LuciaMassaro1 17 settembre 2021
Pixel 6

Dopo il debutto di iPhone 13, si fa più trepidante l’attesa per gli smartphone targati Google. La nuova generazione, che dovrebbe comporsi di Pixel 6 Pro e Pixel 6, rappresenterà un cambio di rotta di Big-G. Come confermato dal colosso di Mountain View, infatti, i futuri smartphone adotteranno un processore proprietario e diranno addio alle soluzioni Qualcomm viste sui modelli precedenti, come Pixel 4a e Pixel 4 XL. In attesa della presentazione su cui Google non si è ancora espressa, continuano a emergere dettagli sugli smartphone Made by Google, così il noto portale XDA-Developers ha creato quello che potremmo definire l’identikit di Pixel 6 Pro.

Secondo quanto emerso fino a questo momento, Pixel 6 Pro metterà a disposizione fino a 12 GB RAM e il modem 5G verrà fornito da Samsung, la parte frontale dovrebbe essere occupata da un display da 6,67 pollici – probabilmente OLED – caratterizzato da una frequenza di aggiornamento che va da 60 Hz a 120 Hz. Come nella maggior parte degli smartphone attuali – e ora anche su iPhone 13 Pro e Pro Max – il sistema dovrebbe adattare automaticamente il refresh rate in base al contenuto che si sta visualizzando, ma, a quanto pare, non sarà supportata la funzione Active Edge che permette di attivare Google Assistant facendo pressione sui lati dello schermo.

Pixel 6

Le fotocamere sul retro saranno tre: il sensore principale dovrebbe essere da 50 Megapixel e fornito da Samsung, ad accompagnarlo ci sarebbero un grandangolare da 12 Megapixel e un teleobiettivo da 48 Megapixel. Il Pixel 6 Pro potrà contare sulla tecnologia Ultrawide Band (UWB), la stessa sfruttata da Apple e Samsung per la gestione di AirTag e SmartTag e questo potrebbe essere visto come l’indizio di un possibile debutto di Google anche nel settore dei tracker bluetooth, ma per ora non ci sono informazioni a riguardo.

Il sistema operativo sarà ovviamente Android 12, e i nuovi smartphone potrebbero godere di un supporto a lungo termine (5 anni di aggiornamenti), un vantaggio non da poco. Il design, infine, è stato confermato da Google ed è quello mostrato nelle immagini presenti all’interno dell’articolo: la back cover sarà caratterizzata da un contrasto di colori e da quella che Google chiama Camera Bar.

Per il momento, ancora nessuna conferma sulla data di presentazione né tanto meno sui prezzi di vendita. Il debutto comunque dovrebbe essere molto vicino e chissà che i nuovi Pixel non rappresentino l’alternativa Android per eccellenza agli iPhone di Apple.

Lucia Massaro
Lucia Massaro

Classe 1990, formazione umanistica, laureata in Traduzione Specialistica e una passione nascosta per la tecnologia. Sono la prova lampante che nella vita ognuno è l’artefice del proprio destino. Ho iniziato a giocare con il primo computer quando avevo appena imparato a leggere. Man mano abbandonavo la pesante enciclopedia cartacea per passare a Encarta, la più famosa enciclopedia multimediale prodotta da...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti