Tech 21 marzo 2020

Samsung Galaxy Buds+: cuffie in-ear con audio e autonomia da top di gamma

Buds +

Samsung ha presentato le nuove Galaxy Buds+ in concomitanza dell’evento di presentazione della gamma S20. Si tratta di una versione rinnovata delle Galaxy Buds originali, con diverse migliorie sia dal punto di vista del design che dal punto di vista hardware: audio di alto livello, maggiore autonomia, controlli più semplici e compatibilità con l’applicazione dedicata per una personalizzazione più accurata.

Mancano però alcune caratteristiche presenti su altri auricolari sulla stessa fascia di prezzo, come le Jabra Elite 75t: parliamo della certificazione IP ferma al grado IPX2, contro lievi schizzi d’acqua e la compatibilità con un codec di riproduzione di fascia alta.

Ma nell’uso quotidiano queste sono mancanze difficilmente percepibili, a meno che non si cerchi una qualità da audiofilo o auricolari adatti all’uso prettamente sportivo, come per esempio le Bose Soundsport Free.

Custodia Galaxy Buds +

La custodia delle Galaxy Buds+  è piccola e compatta.

Sono disponibili sul mercato con un listino di 169 euro e vengono anche proposte in bundle con l’acquisto di S20 Ultra nel momento in cui scriviamo. Dopo qualche settimana di prova, vi raccontiamo come si comportano nell’uso quotidiano.

Design

Voto: 8/10

Dal punto di vista estetico le Galaxy Buds + ricordano molto da vicino le prime Galaxy Buds, ma vengono proposte in colorazioni decisamente più sgargianti, ovvero rossa, bianca, blue e nera, con lo stesso effetto cromatico quasi cangiante che possiamo trovare su Galaxy Note 10+. Le Buds+ sono di tipo in-ear e misurano 17,5 x 22,5 x 19,2 millimetri: una volta indossate il gommino in silicone si inserisce dunque nel canale uditivo andando a tappare di fatto l’orecchio e fornendo un buon isolamento acustico passivo. Gli auricolari sporgono abbastanza dalle orecchie.

Design Galaxy Buds+

I nuovi Samsung Galaxy Buds+ hanno lo stesso design delle precedenti.

Nella confezione sono forniti tre taglie di gommini in silicone in modo da adattare gli auricolari a qualsiasi orecchio, oltre a un cavo per la ricarica e a degli archetti per aumentare ulteriormente la tenuta.

Nella parte esterna di ciascun auricolare c’è un pulsante touch che permette di gestire la riproduzione musicale, le chiamate e l’assistente vocale. I comandi touch non sono tra i nostri preferiti, in quanto a ogni tocco si spinge l’auricolare all’interno dell’orecchio, creando fastidio soprattutto durante le situazioni più concitate.

La custodia è molto liscia e può scivolare quando tenuta in tasca, ma è anche piccola e pratica. Nella parte posteriore c’è la porta USB di tipo C per la ricarica.

Bluetooth e autonomia

Voto: 8,5/10

La batteria integrata all’interno degli auricolari ha un’autonomia record di quasi 11 ore, mentre la custodia consente di raddoppiare tale autonomia per un totale di 22 ore.

Nell’uso quotidiano ciò si traduce con circa una settimana di utilizzo con uso medio. Se comparate con altri auricolari, le Jabra Elite 75t forniscono circa 7 ore di autonomia su singola carica e 28 ore di autonomia totale, mentre le Airpods di seconda generazione hanno un’autonomia di circa 5 ore su singola carica e un totale di 25 ore considerando la batteria della custodia. Nel complesso, apprezziamo avere maggiore autonomia su singola carica anziché sulla custodia, in quanto ciò permette di usare gli auricolari anche per i viaggi più lunghi, minimizzando i cicli di carica e scarica delle batterie e quindi permettere una vita maggiore del prodotto.

Galaxy Buds+

Nella parte interna ci sono i contatti per la ricarica.

Il Bluetooth 5.0 assicura un’ottima ricezione anche in aree affollate ma manca la compatibilità all’aptX, aptX Low Latency e LDAC. Infine, i Galaxy Buds+ sono tra i pochi auricolari a permettere l’abbinamento simultaneo a più dispositivi.

Nel nostro uso non abbiamo riscontrato ritardi tra audio e video, sia guardando video su Youtube che su Netflix.

Qualità audio

Voto: 8,5/10

All’interno delle nuove Galaxy Buds c’è un sistema a doppio driver, ovvero un piccolo tweeter e un woofer separato. Una scelta che ha permesso ai tecnici di Samsung di avere un audio decisamente più equilibrato e potente, con frequenze ben separate e cristalline.

Rispetto alla prima generazione il passo avanti e notevole e decisamente percepibile. Tramite l’applicazione dedicata è poi possibile scegliere l’equalizzazione degli auricolari tra diversi preset oppure personalizzarla a proprio piacimento.

Galaxy Buds+

L’applicazione permette di personalizzare a fondo gli auricolari.

Molto buona anche la modalità ear-through, grazie al maggior numero di microfoni adesso è più facile percepire non solo la propria voce ma tutti i suoni circostanti.

Manca invece la riduzione attiva del rumore, che è invece presente sulle Apple AirPods Pro, ma si tratta di due fasce di prezzo diverse. Ottima invece la qualità durante le chiamate: la nostra voce viene catturata molto bene anche quando passiamo attraverso luoghi mediamente rumorosi.

Verdetto

Voto: 8,5/10

Delle Galaxy Buds+ abbiamo apprezzato il design, la buona autonomia e la qualità audio leggermente sopra la media per la fascia di prezzo. Non ci hanno pienamente convinto i pulsanti touch e le dimensioni generali, mentre ci ha deluso la mancanza di un’impermeabilità maggiore per l’uso sportivo.

custodia Galaxy Buds+

La custodia è dotata di un LED e di USB-C per la ricarica.

Non reputiamo invece la mancanza della riduzione attiva del rumore come un vero e proprio difetto, in quanto su questa fascia di prezzo è ancora raro trovare dispositivi che ne sono dotati: le stesse Sony WF1000 XM3 hanno uno street price di circa 200 euro, dunque 40 euro in più rispetto alle Galaxy Buds+.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Cuffie Bluetooth, come scegliere
Tech 21 settembre 2020

Cuffie Bluetooth: come sceglierle e quali comprare

(Questo articolo, pubblicato nel Magazine di Trovaprezzi.it il 10 marzo 2019, è stato aggiornato in data 21 settembre 2020) Quando si tratta di cuffie e auricolari ci sono tantissimi diversi modelli tra

Bose QuietComfort Earbuds
Tech 11 settembre 2020

Bose QuietComfort Earbuds: riduzione del rumore sui nuovi auricolari true wireless

Bose ha annunciato alcune novità: si tratta di due nuovi auricolari e tre nuovi varianti dei Bose Frames, i curiosi occhiali con connessione Bluetooth che ci fanno parlare al telefono tramite la

Auricolari True Wireless
Tech 7 settembre 2020

Perché dovreste comprare auricolari True Wireless con ANC invece di quelli normali

Molti smartphone hanno un paio di auricolari inclusi nella confezione, ma nella maggior parte dei casi (tutti i casi in effetti) non sono auricolari di buona qualità, e vanno bene per qualche chiamata