Arriva il Singles’ Day: notebook, TV, auricolari e smartphone cinesi da non perdere

Di Luca Salerno 4 novembre 2020
singles_day trovaprezzi

Nei primi giorni di novembre è molto più facile trovare in offerta smartphone cinesi e altri prodotti come tablet e televisori dei principali brand della tecnologia. Il motivo è legato all’evento commerciale del Singles’ Day che si tiene l’11 novembre in Cina ma che, data la presenza dei produttori orientali nei mercati occidentali, fa sentire i suoi effetti inevitabilmente anche in Italia.

Già dai primi giorni del mese è possibile vedere su smartphone cinesi e altri prodotti le prime offerte che diventeranno sempre più frequenti con l’avvicinarsi della data. Di fatto, l’evento inaugura un lungo periodo di sconti che culminerà nel Black Friday (quest’anno cade il 27 novembre) e per il quale potete consultare le guide specifiche di Trovaprezzi.it con le previsioni sulle offerte per gli smartphone e sugli sconti dei televisori.

Ma come nasce il Singles’ Day? E che previsioni è possibile fare per l’Italia sugli smartphone cinesi e altri prodotti in offerta? A tutte queste domande tenteremo di trovare risposta in questo articolo.

Che cos’è il Singles’ Day

Anche se in Occidente è arrivato solo negli ultimi anni, il Singles’ Day rappresenta allo stesso tempo una festività non ufficiale e il più grande evento commerciale al mondo considerate le dimensioni del mercato cinese. Le origini risalgono ai primi anni Novanta per celebrare i single e la data scelta, quella dell’11/11, è stata scelta per il suo valore simbolico. Nel linguaggio di internet cinese il numero 1 ricorda il ramo singolo di una pianta o di un albero che serve a definire proprio le persone single, in opposizione alle ramificazioni più numerose tipiche di un nucleo famigliare numeroso. Negli ultimi anni, però, il significato di questa festività si è ancora di più allargato. La data 11/11 può essere interpretata anche come l’incontro di due persone single. Ecco perché in Cina è diventata anche una festa dedicata alle coppie tanto che nel 2011, solo per fare un esempio, solo a Pechino si erano registrati 4.000 matrimoni in quella data. 

Sull’origine del Singles’ Day non c’è una versione precisa. Quello che si sa è che la festività è nata nella città cinese di Nanchino dove nel 1993 quattro studenti del dormitorio dell’università locale avrebbero promosso una serie di attività per celebrare i single: queste occasioni di incontro si sarebbero poi diffuse all’interno dell’università e non solo. Per capire le proporzioni del Singles’ Day, si calcola che solo nel 2019 questo evento ha mosso un giro di affari pari a 34 miliardi di dollari, con un aumento del 26% rispetto all’anno precedente.

Singles Day

Il Singles’ Day in Italia

Considerata la diffusione di anno in anno sempre più ampia degli smartphone cinesi e di altri prodotti dei brand orientali sui mercati occidentali, anche in Italia le offerte sono molto diffuse. Se prima erano soltanto le grandi catene a proporre sconti a partire dai primi giorni di novembre, adesso queste offerte vengono proposte da un numero sempre più alto di rivenditori in Italia. Solitamente questi sconti riguardano i principali brand tecnologici cinesi come Huawei, Xiaomi, Redmi, OnePlus e Oppo. Le offerte si potranno trovare anche su molti prodotti realizzati da queste aziende e quindi non solo smartphone cinesi ma anche tablet, televisori e auricolari.Oppo

Ecco perché nella data del Singles’ Day vi consigliamo di tornare su Trovaprezzi.it per confrontare i vari prodotti e verificare le offerte. Solitamente gli smartphone cinesi e i prodotti tecnologici in generale dei marchi orientali sono più economici e con gli sconti diventeranno ancora più convenienti. Infine, vale la pena sottolineare che le offerte e gli sconti lanciati dai singoli produttori saranno disponibili anche su molti altri rivenditori, i cui prezzi si adegueranno automaticamente alle offerte di ogni singolo marchio.

Per darvi una mano a orientarvi con il prossimo Singles’ Day, dunque, vogliamo raccogliere alcuni modelli di vari dispositivi di produttori cinesi che vale la pena tenere d’occhio e che potrebbero avere sconti non indifferenti.

Singles’ Day: smartphone cinesi economici

Gli smartphone cinesi che funzionano in Italia sono essenzialmente quelli dei principali marchi del settore come Huawei, Xiaomi, Oppo e OnePlus solo per citare alcuni esempi. I modelli di questi produttori solitamente hanno prezzi altamente competitivi proponendo ottime prestazioni con un buon rapporto qualità-prezzo. Ecco perché è abbastanza facile trovare modelli di smartphone cinesi sotto i 200 euro con uno schermo di circa 6 pollici e una fotocamera tripla come Huawei P30 Lite New Edition. In questa fascia di prezzo c’è poi anche l’Oppo A53s che propone caratteristiche simili con uno spazio di archiviazione da 128 GB. Mi Store Italia

Anche nella fascia leggermente più alta, ci sono smartphone cinesi sotto i 300 euro che sono in grado di garantire delle ottime prestazioni come lo Xiaomi Mi 10 Lite che può vantare un processore Snapdragon 765 e il Redmi Note 9 Pro, dotato di un’ottima fotocamera e di una buona autonomia (oltre che di una ricarica molto veloce). Per chi cerca, invece, caratteristiche un po’ più premium bisogna ovviamente salire di fascia di prezzo: esistono infatti modelli di smartphone cinesi con lo schermo curvo come Xiaomi Mi 10 5GOnePlus 8 ProOppo Find X2 Pro ai quali si affiancano specifiche tecniche particolarmente all’avanguardia.

Tra le caratteristiche più avanzate viste quest’anno negli smartphone ci sono sicuramente i passi avanti compiuti sotto il profilo dell’autonomia: le batterie diventano sempre più capienti e le velocità di ricarica tendono a essere sempre maggiori. In particolare, gli smartphone cinesi con la ricarica wireless sono stati in grado di offrire questa tecnologia considerata di fascia alta anche su modelli come Huawei P30 ProXiaomi Mi 10 Pro che non a caso sono modelli top di gamma dei rispettivi flagship.

Singles’ Day: auricolari cinesi economici

Molto spesso i produttori di smartphone cinesi rilasciano sul mercato anche delle famiglie di accessori con il proprio brand e tra questi i principali sono sicuramente gli auricolari. Si tratta, infatti, di modelli che funzionano bene con tutti gli smartphone Android, al di là del produttore del singolo dispositivo. Modelli come i Huawei FreeBuds 3, non a caso, sono tra le cuffie con cancellazione del rumore più cercate su Trovaprezzi.it dal momento che riescono a offrire la cancellazione del rumore con un formato true wireless a un prezzo, per questo tipo di modelli, decisamente accessibile che si aggira intorno agli 80 euro.Huawei

Altri modelli come Redmi AirDots e Xiaomi Mi True Wireless non offrono la cancellazione del rumore ma hanno un rapporto qualità-prezzo estremamente conveniente per essere degli auricolari true wireless. Normalmente, infatti, per dispositivi di questo tipo viene normalmente chiesta una cifra quattro volte superiore, mentre i due produttori cinesi riescono a proporre con una cifra che non supera i 30 euro, una buona tecnologia.

Singles’ Day: smartwatch cinesi economici

I produttori di smartphone cinesi molto spesso affiancano alla loro famiglia di telefoni anche degli smartwatch proponendo sia modelli più adatti agli sportivi che dallo stile più classico e formale. Anche in questo caso ritroviamo Huawei che sul mercato ha proposto recentemente i modelli della linea GT. Alcuni hanno uno stile sportivo sia nelle funzionalità che nel design come il modello Huawei Watch GT Sport, arrivato già alla sua seconda generazione, che può essere usato anche come orologio da indossare tutti i giorni. Altri modelli, invece, sono dedicati espressamente agli allenamenti ricordando molto da vicino delle smartband come il Watch Fit che permette il monitoraggio di diverse tipologie di attività sportive. Il marchio propone degli smartwatch poi leggermente più costosi ma dal design più elegante come il Watch GT 2 Pro e la versione Elite.honor

Nel campo delle smartband, dedicate essenzialmente all’attività fisica, Xiaomi e Honor hanno realizzato alcuni dei dispositivi di maggior successo. Il secondo marchio, infatti, ha proposto sul mercato un cardiofrequenzimetro particolarmente economico come Honor Band 5 che oltre alle funzionalità di cardiofrequenzimetro permette anche di gestire in remoto alcune funzioni del proprio smartphone come la riproduzione della musica. Nella fascia economica c’è anche la Mi Smart Band 5 di Xiaomi che presto vedrà anche l’arrivo di un nuovo modello e che si affianca al più costoso Xiaomi A1608G dal design e dalle funzionalità più simili a quelle di un orologio che a un cardiofrequenzimetro. Sulla stessa linea anche il Realme Watch che permette il monitoraggio della frequenza cardiaca e ha anche il tracciamento di 14 tipologie di allenamento.

 

Singles’ Day: notebook cinesi economici

Nel corso del Singles’ Day sarà anche più facile trovare in sconto i notebook cinesi economici. Chuwi è uno dei principali marchi di elettronica cinesi, ancora diffuso in maniera limitata sul mercato italiano, ma specializzato in tablet e PC. Il modello HeroBook Pro è in grado di proporre a un prezzo particolarmente basso un display da 14,1 pollici con risoluzione 1920×1080 e un SSD dalle dimensioni di 256 GB ai quali si affianca anche un processore Gemini Lake con una frequenza di aggiornamento pari a 2,5 GHz.

Lenovo è sicuramente uno dei marchi più conosciuti tra i produttori di PC portatili cinesi. Il Lenovo V145 che si aggira intorno a una cifra di 350 euro è un modello pensato per offrire prestazioni principalmente orientate alla produttività a un prezzo nel complesso accessibile. Lo schermo è da 15,6 pollici con una risoluzione di 1366x768px, mentre lo spazio di archiviazione comprende un SSD da 256 GB non così frequente da trovare in portatili di questa fascia di prezzo.Lenovo

Huawei è noto in Italia soprattutto per le sue famiglie di smartphone cinesi ma questo marchio offre un’ampia gamma di dispositivi differenti inclusi i portatili. Huawei MateBook D14 ha un prezzo leggermente sopra la media ma i circa 600 euro richiesti per questo modello hanno un riscontro nelle caratteristiche tecniche. In particolare questo modello monta un processore Ryzen 5 che è in grado di garantire prestazioni affidabili anche in caso di utilizzo intenso grazie anche a un sistema di raffreddamento che, oltre a essere particolarmente efficiente, è anche molto silenzioso rispetto alla media di questi tipi di notebook. Insomma, si tratta di uno dei migliori notebook cinesi nella fascia economica dei 14 pollici.

Honor è un altro marchio cinese, detenuto da Huawei, più orientato al mercato dei giovani. Ecco perché un modello come il MagicBook 14 si presta molto bene a un uso scolastico o universitario con caratteristiche adatte anche all’intrattenimento, come la visione di film o la riproduzione di videogiochi. Anche se si tratta della versione più economica del D14, questo modello offre un SSD più veloce con lo standard NMe e un pannello dai colori più brillanti. Tra gli altri punti di forza ci sono un’autonomia più che buona, delle ottime prestazioni, una scocca resistente e infine anche un lettore di impronte digitali. Insomma, si tratta di un modello perfetto per svolgere compiti di tutti i giorni senza avere la necessità di un processore grafico dedicato.

 

Singles’ Day: tablet cinesi economici

Molti dei produttori di notebook hanno anche una famiglia di tablet cinesi economici che non superano il prezzo di 300 euro oltre a modelli dalle caratteristiche maggiormente premium. Lenovo, ad esempio, ha immesso sul mercato nel 2019 uno dei migliori dispositivi della fascia di prezzo economica riuscendo a proporre un tablet in grado di andare incontro a esigenze diverse come il Lenovo Tab M10 di seconda generazione che non a caso grazie alla sua versatilità si presta particolarmente a un uso in famiglia. Il processore Helio P22T riesce infatti a soddisfare tutte le necessità quotidiane che ci si può aspettare da un tablet grazie anche a uno schermo abbastanza grande da 10 pollici.huawei-store

Passando a una fascia di prezzo superiore, Huawei ha realizzato un tablet di fascia media particolarmente apprezzato: si tratta del MatePad Pro. Questo modello è in grado di garantire prestazioni affidabili grazie a un processore come Kirin 990 e a un design allo stesso tempo leggero e abbastanza resistente. Qui siamo nella fascia di prezzo che si aggira intorno ai 599 euro ma come per molti prodotti Huawei in questo caso le caratteristiche sono quelle di un dispositivo che dovrebbe costare il 50% di più. Lo schermo ha inoltre delle cornici molto sottili e, nel complesso, il formato è molto maneggevole.

Per chi cerca invece un prodotto che non supera i 150 euro circa, Huawei ha proposto con il MediaPad T5 specifiche tecniche come uno schermo Full HD a 10 pollici e un processore octa-core a un ottimo rapporto qualità prezzo. A valorizzare ulteriormente questo modello ci pensano anche i materiali, con la parte posteriore realizzata in metallo che dà un effetto premium in più. Nel complesso, rispetto al modello precedente ovvero il Mediapad T3 10, Huawei è riuscita a migliorare sia le componenti interne che il display anche se questo modello si può trovare a circa 40 euro in meno rispetto alla versione più aggiornata.

 

Singles’ Day: smart TV cinesi economiche

Anche se il settore delle smart TV è dominato da brand sudcoreani, giapponesi ed europei, anche le aziende cinesi sono riuscite a ritagliarsi sul mercato italiano una consistente fascia di mercato. Hisense è stata nel 2019 l’azienda con il maggior numero di smart TV vendute in Cina. Questo marchio copre tutte le fasce di prezzo e tra le sue proposte più interessanti ci sono sicuramente quelle nei formati più piccoli. Modelli come l’Hisense B7320 riescono infatti a offrire una risoluzione 4K a partire da formati come i 43 pollici. I prezzi di questo brand si mantengono competitivi, però, anche su dimensioni più grandi quali i 55 pollici come nella smart TV H55A6550 in grado di supportare i 4K e la modalità gioco.

Un altro marchio storico dei televisori cinesi è TCL che, secondo gli ultimi dati del 2019, ha una quota dell’8% del mercato mondiale. I modelli di questa azienda coprono praticamente tutti i formati e tutte le fasce di prezzo, ma vale la pena sottolineare come siano ancora presenti anche quelli dalle dimensioni più contenute di 32 pollici come il modello TCL ES560. Sul fronte opposto, il produttore offre modelli da 55 pollici sempre in 4K ma di fascia superiore come il TCL U55X9006.

Hisense

Changhong è stata fondata nel 1958 ma negli ultimi vent’anni ha accresciuto la sua influenza nel settore dei televisori. Questo marchio propone anche modelli di formati ormai difficilmente reperibili sul mercato come LED20D2000H, si tratta di un pannello HD Ready che ha nelle sue dimensioni di appena 20 pollici il suo punto di forza. Un’altra alternativa con un pannello dalle dimensioni ridotte è L32G5000 con uno schermo dalle dimensioni di 32 pollici, anche in questo caso HD Ready.

Le economie di scala sui display degli smartphone hanno permesso a molti produttori di questo settore di inserirsi anche nel campo delle smart TV. È il caso di Xiaomi che con la sua linea Mi TV propone sia modelli di fascia bassa da 32 pollici come Xiaomi Mi LED TV 4A sia altre smart TV decisamente competitive nel formato da 55″ come il Mi LED TV 4S che ha una differenza di appena 100 euro dalla sua versione più piccola da 43. In entrambi i casi, vale la pena sottolinearlo, c’è il supporto ai 4K. Proprio recentemente Xiaomi ha lanciato sul mercato cinese un modello a 82 pollici dal prezzo molto competitivo ed equivalente a una cifra di 1.267 euro. Al momento, però, non ci sono stati annunci per un possibile arrivo in Europa o in Italia di questa smart TV.

Luca Salerno
Luca Salerno

Da circa 17 anni mi occupo di giornalismo ed editoria, mentre ad ancora prima risale la mia passione per la tecnologia iniziata nei lontani anni ‘80 con un Commodore 64. Questi due interessi sono stati sempre una costante nella mia vita e ritengo che riuscire a conciliarli nella mia attività professionale sia un vero privilegio.

La mia formazione universitaria in Scienze...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti