Xiaomi al lavoro su Mi Band X per rivoluzionare la sua smartband

Xiaomi sarebbe pronta a rivoluzionare Mi Band, il fitness tracker di maggiore successo nel mercato dei dispositivi indossabili. Ecco i dettagli.
Di Lucia Massaro @LuciaMassaro1 30 luglio 2021
Xiaomi Mi Band 6

La Mi Band di Xiaomi è il prodotto di maggiore successo non solo nel catalogo del produttore cinese, ma anche nel settore dei dispositivi indossabili. Questo perché l’azienda di Lei Jun è riuscita a realizzare un prodotto comodo con le funzioni basilari di tracciamento dell’attività fisica e dei parametri della salute a un prezzo accessibile a tutti. Nel tempo, Xiaomi ha migliorato la sua Mi Band passando ad esempio da un display in bianco e nero dei primi modelli al display a colori di Mi Band 4, Mi Band 5 e Mi Band 6. Ora la compagnia asiatica sta pensando a come migliorare e rivoluzionare il suo fitness tracker, su questo un primo indizio ci viene da alcune slide trapelate in rete che mostrano il futuro della Mi Band che potrebbe diventare Mi Band X.

Cosa ha di particolare questa Mi Band X? La risposta è il display che – come i modelli annunciati da Nubia – sarà avvolgente a 360 gradi che gira attorno a tutto il polso, per la chiusura, poi, troveremo un magnete al posto della fibbia per agganciare il cinturino. Aggiungendo vetro si rischia di perdere le caratteristiche principali della Mi Band: la leggerezza e la sottigliezza, ma l’azienda sembra promettere il contrario.

Mi Band X

Integrare uno schermo curvo è sicuramente più dispendioso – sia in termini economici che ingegneristici – rispetto all’utilizzo di uno schermo standard e questo ci porta a ipotizzare che Mi Band X sarà più costosa delle Mi Band tradizionali. Xiaomi, però, è riuscita spesso a sorprendere e non escludiamo, dunque, un possibile posizionamento aggressivo. Resta poi da capire che esperienza utente verrà offerta: viene da chiedersi, in effetti, a cosa possa servire un display che abbraccia l’intero polso. L’esperimento di Mi Mix Alpha ci ha insegnato che un display a 360 gradi non sempre è utile se non è accompagnato da funzioni che permettano all’utente di sfruttarlo completamente.

Non a caso, poi, il primo vero smartphone con display pieghevole è stato Mi Mix Fold che purtroppo non ha ancora varcato i confini nazionali per scontrarsi contro le proposte di Samsung, in particolar modo Galaxy Z Fold2 dal quale riprende il design.

In copertina Mi Band 6.

Lucia Massaro
Lucia Massaro

Classe 1990, formazione umanistica, laureata in Traduzione Specialistica e una passione nascosta per la tecnologia. Sono la prova lampante che nella vita ognuno è l’artefice del proprio destino. Ho iniziato a giocare con il primo computer quando avevo appena imparato a leggere. Man mano abbandonavo la pesante enciclopedia cartacea per passare a Encarta, la più famosa enciclopedia multimediale prodotta da...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti