Tech 6 novembre 2019

Xiaomi Mi Watch ufficiale

Xiaomi Mi Watch

I rumors lo avevano anticipato già da tempo ed è finalmente arrivata la conferma ufficiale. Parliamo dello Xiaomi Mi Watch, ovvero il primo smartwatch del colosso cinese basato su WearOS, ovvero il sistema operativo per dispositivi indossabili creato da Google, che garantisce dunque piena compatibilità con tutti gli smartphone Android, come per esempio Galaxy S10, OnePlus 7T e ovviamente i dispositivi Xiaomi, come Mi 9T.

Dal punto di vista estetico, sembra chiara l’ispirazione all’Apple Watch. In realtà guardando più da vicino, Xiaomi Mi Watch ha un design più squadrato con bordi più taglianti rispetto al dispositivo dell’azienda di Cupertino. La scelta di un quadrante quadrato è però la più ovvia in questo caso. Sebbene il quadrante tondo faccia sembrare lo smartwatch più simile a un orologio tradizionale, ne limita però l’usabilità, andando a tagliare porzioni di testo o di mappe. Nel caso del Mi Watch, Xiaomi ha usato un display da 1,78 pollici con tecnologia AMOLED con una risoluzione di 368 x 448 pixel che garantiscono una densità di 326 ppi.

La scocca è in alluminio e ceramica mentre sulla parte destra è presente una classica ghiera fisica che consentirà di navigare nell’interfaccia e selezionare varie funzioni. Ci sono anche due microfoni, un pulsante multifunzione e un altoparlante.

Mi Watch

Il nuovo Mi Watch assomiglia molto all’Apple Watch.

Si potranno dunque gestire le chiamate direttamente dall’orologio senza dover passare dallo smartphone. Il dispositivo è inoltre compatibile con la eSIM, per cui può a tutti gli effetti diventare un dispositivo standalone ed essere dunque usato indipendentemente dal cellulare. I cinturini sono rimovibili, realizzati in diversi materiali e anallergici.

Il processore è uno Snapdragon Wear 3100 4G di Qualcomm mentre la batteria è un’unità da 570 mAh. In questo caso Xiaomi ha puntato a integrare la più grande batteria mai vista su uno smartwatch. Basti pensare che Apple Watch serie 5 ne ha una da 296 mAh mentre Huawei Watch GT 2 tocca i 455 mAh. Ciò dovrebbe garantire circa 36 ore di autonomia con una singola carica, con la possibilità di arrivare dunque a due giorni pieni di utilizzo.

Non manca nulla lato connettività, con altimetro, barometro, accelerometro, sensore geomagnetico, WiFi 802.11 b/g/n, Bluetooth 4.2, NFC, GPS/GLONASS/BEIDOU. Nella parte inferiore è poi presente il sensore di battito cardiaco, in grado di rilevare anche il valore di VO2Max. Il prezzo è di circa 165 euro al cambio attuale e al momento Xiaomi non ha rilasciato dichiarazioni in merito alla diffusione del nuovo smartwatch fuori dal mercato Cinese.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

come controllare lo smartphone dei figli
Tech 12 gennaio 2020

Come controllare lo smartphone dei figli: Google Family Link

I genitori non hanno tutti lo stesso approccio, quando si tratta di concedere ai figli l’uso di oggetti tecnologici. C’è chi concede uno smartphone ai figli già nei primi anni della scuola

top brands 2019
Lifestyle 30 dicembre 2019

I top brand del 2019: quali marchi valgono di più?

La fine dell'anno è per tutti un momento di bilanci e, come sempre, Forbes stila la sua classifica dei cento marchi di maggior valore nel 2019. Il primo posto, non c'è bisogno

Google Pixel 4
Tech 13 dicembre 2019

Google Pixel: il nuovo update migliora foto e videochiamate

Google ha in previsione un nuovo aggiornamento dei propri dispositivi Pixel. Il prossimo update potrebbe portare alcune migliorie all’esperienza d’uso, oltre alle classiche patch di sicurezza rilasciate mensilmente. A beneficiare del miglioramento