Fashion week trends: New York, Milano Londra, ecco cosa sta cambiando nella moda internazionale

Dopo New York e Londra, si è chiusa anche la settimana della moda di Milano, mentre l’attenzione del fashion system internazionale si è spostata a Parigi, dove il prossimo 3 ottobre si concluderanno le sfilate di presentazione delle collezioni per la prossima stagione, ovvero PE2019.

In questo mese passato a correre da una passerella all’altra, abbiamo assistito al delinearsi di quello che sarà lo stile che indosseremo a partire della primavera prossima, ed anche delle tendenze lifestyle che prendono il via proprio dai catwalk internazionali.

Se quella di New York è stata definita una fashion week piuttosto spenta, non possiamo certamente dire altrettanto del messaggio che è emerso in modo forte e chiaro ed inequivocabile: viva la diversity.
In larga misura ha sicuramente contribuito la sfilata del brand di intimo Savage X Fenty firmata dalla popstar Rihanna che ha portato in passerella i fisici più diversi e soprattutto quelli notoriamente esclusi dalle sfilate.
Ecco quindi che smagliature, ciccia, fianchi larghi, gambe corte, pancioni e pelle di tutti i colori sono stati protagonisti dello show che ha esaltato la bellezza del corpo oltre ai canoni da classica top model.

 Savage X Fenty

Londra come ogni anno è stata la capitale dell’innovazione imprevedibile – a tratti bizzarra – grazie anche al grande spazio lasciato ai nomi young della moda internazionale.

Ma insieme alla ventata di novità sfrontate ed irriverenti, abbiamo trovato anche una moda più consapevole che ha fatto suo il manifesto no fur anticipato dal British Fashion Council, all’insegna di una positive fashion che promuove la sostenibilità.

Da Mam-e-moda-Matty-Bovan
Sostenibilità che a Milano – nella fashion week appena conclusa – ha fatto coppia con qualità: questi sono stati i concetti chiave che hanno preso forma nelle 60 sfilate e negli oltre 100 tra eventi e presentazioni che nei 6 giorni appena trascorsi hanno coinvolto la capitale meneghina.

 Armani milano fashion week
A suon di hashtag #mfw2018 anche grazie ai social abbiamo potuto buttare un occhio alle novità e scoprire (con piacere) che la moda si avvicina sempre di più al nostro quotidiano, si fa più accessibile e si compone di linee morbide e colori presi dalla natura.
Partendo da NYC, spostandoci a Londra e a Milano, abbiamo notato come le ispirazioni e gli spunti da cui le case di moda più importanti del globo hanno generato le loro collezioni per la stagione primavera/estate 2019 siano stati affini.
Come ulteriore trait d’union, superando la manica e l’oceano, abbiamo trovato una moda attratta dal selvaggio, e che fa suo un nuovo concetto di allerta che ci vuole pronti a scattare, comodi dentro a tute e giacche che ricordano l’abbigliamento da lavoro.
E su Trovaprezzi.it cosa sta succedendo in tema di moda?
L’attenzione è sicuramente alta, visto il numero di ricerche nella categoria che nel solo primo semestre del 2018 hanno di gran lunga superato il milione e mezzo.
Tra le oltre 800mila offerte nelle categorie Abbigliamento Uomo e Abbigliamento Donna piumini, parka, pellicce ecologiche, cappotti e giubbotti spiccano come i capispalla su cui si concentrano la maggior parte delle ricerche – ca. il 54% del totale.
Qui attenzione massima per i principali brand come Colmar (32%), Woolrich (17%) e Peuterey (10%) per i quali c’è l’imbarazzo della scelta in modelli e prezzi.
In tema di accessori, continuano a spiccare gli iconici anfibi Dr.Martens con oltre 10mila ricerche nella categoria Calzature donna nel solo periodo gennaio-giugno 2018.

Trend in crescita che con tutta probabilità non vedrà arresto viste le tendenze osservate sulle passerelle.

Infografica_Moda

Altri articoli per: , ,