Tech 11 febbraio 2020

Coronavirus: MWC 2020 a rischio?

CoronaVirus-MWC

Il Mobile World Congress si terrà dal 24 al 27 febbraio e avrebbe dovuto portare alla luce diverse novità da tantissime aziende del settore tecnologico. Si tratta di una delle manifestazioni più grandi per quanto riguarda la telefonia e i dispositivi smart, ma quest’anno rischia di subire le conseguenze della diffusione del Coronavirus, il letale virus che a partire dalla provincia di Wuhan in Cina si è diffuso in maniera inaspettata spingendo l’OMS a dichiarare lo stato di emergenza internazionale.

Molte aziende hanno però dovuto fare una scelta non banale, ovvero quello di annunciare il ritiro dall’evento per scongiurare il rischio di contagio.

mcw 2020 coronavirus

Tra le più note ci sono sicuramente Sony, che avrebbe dovuto presentare una gamma completa di nuovi dispositivi in un evento durante il 24 febbraio, molto probabilmente gli eredi di Sony Xperia 1. Ci sono poi Ericsson, Vivo, Nvidia, Asus, Amazon, LG, NTT DoCoMo, Iconectiv, Gigaset, Ulefon, Telenor e, notizia di pochi minuti fa, anche Intel.

Altre aziende seppur preoccupate hanno confermato la loro presenza al Mobile World Congress, ma annullando le conferenze stampa: tra queste TCL e ZTE. Insomma, un impatto di grandi dimensioni che potrebbe compromettere i risultati della fiera. Con la riduzione dei partecipanti si abbassa l’interesse da parte di giornalisti, investitori ed esperti del settore, che rinunceranno a recarsi alla manifestazione che porta un giro di affari di circa 500 milioni di euro.

Non ci sono ancora dichiarazioni da parte di Samsung, che mostrerà sicuramente la gamma di dispositivi che sostituirà gli S10, Huawei e Xiaomi, ma la lista si allunga giorno dopo giorno destando non poche preoccupazioni.

GSMA, che si occupa dell’organizzazione della manifestazione, si riunirà venerdì 14 per decidere se annullare o meno il Mobile World Congress.

Intanto, il Ministro della Salute Roberto Speranza per arginare allarmismi e fake news ha siglato un accordo con Facebook e rilasciato la dichiarazione: “Accordo fatto con Facebook. Da oggi ogni ricerca sul coronavirus suggerirà di visitare il sito del ministero della Salute. La corretta informazione è parte della prevenzione”. 

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

videochiamare amici
Tech 27 marzo 2020

#iorestoincasa: come mantenere i contatti con il mondo

Le misure in atto in questo momento in Italia per contenere i contagi da coronavirus hanno costretto molti italiani in casa (#iorestoacasa!). Da un giorno all’altro milioni di persone si sono trovate

stampanti economiche per la casa
Tech 26 marzo 2020

Le migliori stampanti economiche per stampare a casa

La stampante è un prodotto sempre utile per molteplici motivi e sul mercato esistono tanti modelli cosiddetti "multifunzione" che permettono di scannerizzare documenti e fare fotocopie, oltre a stampare fogli in bianco

online_shopping
Trend 25 marzo 2020

Il virus blocca l’Italia, è corsa ai canali online

Trovaprezzi.it ha analizzato l’andamento e le tendenze delle ricerche sul web nella settimana dall’8 al 15 marzo rispetto allo stesso periodo del 2019, mostrando come la pandemia abbia cambiato sensibilmente anche le