Tech 21 ottobre 2019

Pixel Buds: le true wireless secondo Google

Pixel Buds

Google ha tolto i veli sui nuovi Pixel 4 e 4 XL e ne ha approfittato per svelare tutta una serie di nuovi dispositivi, tra cui un nuovo paio di auricolari True Wireless il cui punto di forza principale è senza ombra di dubbio l’integrazione con tutti i servizi del colosso di Mountain View, primo tra tutti l’assistente vocale.

Il prezzo, per il momento per gli Stati Uniti, è di 179 dollari, ma dovrebbero anche arrivare in Italia tra non molto, in quanto esiste già una pagina dedicata sul sito ufficiale.

Il design ricorda molto da vicino quello dei Surface Earbuds, ovvero l’alternativa di Microsoft che però non è mai arrivata in Italia. Nella parte esterna è presente una linguetta in silicone che, come avviene su buona parte degli auricolari sportivi come i Jaybird Vista e le Bose Soundsport Free, aiuta a mantenere gli auricolari ben saldi nelle orecchie anche quando si fa sport o in generale movimenti più bruschi.

Google Pixel Buds

I nuovi Google Pixel Buds sono i true wireless secondo Mountain View.

Bisogna comunque effettuare una prova sul campo per verificare che tali linguette aiutino effettivamente a migliorare la stabilità. Per il resto si tratta di normali auricolari Bluetooth, compatibili dunque sia con iOS che con Android. Il massimo delle funzionalità si otterrà comunque con gli smartphone dotati del sistema operativo di Google, grazie alla piena compatibilità con l’assistente vocale, un po’ come avviene con le Apple Airpods e i dispositivi iOS.

L’azienda non ha fornito molti dettagli tecnici sui nuovi auricolari. Ciò che è stato diffuso è la dimensione dei driver all’interno di ciascuna cuffia, che è di 12 millimetri: ben più grandi dunque rispetto alla media che generalmente si attesta intorno ai 7 millimetri di diametro. La qualità audio in effetti è stata una delle priorità e un driver di grandi dimensioni è una buona base di partenza per una migliore riproduzione musicale.

Oltre al microfono per le chiamate, i nuovi Pixel Buds sono dotati di uno speciale sensore anti vento che dovrebbe aiutare a eliminare i fastidiosi rumori di fondo. L’autonomia dovrebbe essere di circa 5 ore di utilizzo continuo su una singola ricarica, mentre la custodia dovrebbe fornire ulteriori 24 ore di utilizzo. Si tratta di un valore nella media, in quanto esistono auricolari che arrivano a superare anche le 9 ore di uso con una singola ricarica.

Per il momento l’unica colorazione disponibile è quella bianca con dettagli neri, ma non è escluso, come avvenuto in passato per altri dispositivi dell’azienda, che possano arrivare anche in altre colorazioni.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Idee regalo per lui sotto i 100 euro
Lifestyle 20 novembre 2019

Natale per lui: idee regalo sotto i 100 euro

(I prezzi indicati in questo articolo sono soggetti a variazioni e si riferiscono al listino di Trovaprezzi.it del 19 novembre 2019) Quando arriva il momento di scegliere il regalo di Natale per

Black friday
Tech 17 novembre 2019

Black Friday 2019: i migliori prodotti hi-tech da tenere d’occhio

Il miglior sito per la comparazione prezzi è Trovaprezzi.it, e il momento migliore per fare acquisti è con ogni probabilità il Black Friday. Tradizionalmente il Black Friday segna l’inizio delle spese natalizie,

Xiaomi prodotti
Tech 3 novembre 2019

I migliori prodotti Xiaomi tra smartphone, scope elettriche e purificatori

Xiaomi è il brand cinese conosciuto in Italia soprattutto per i suoi smartphone, che riescono ad offrire sostanzialmente il miglior rapporto qualità-prezzo sul mercato. Il produttore è arrivato ufficialmente in Italia nel