Tech 8 dicembre 2019

Recensione Nintendo Switch Lite

nintendo switch lite

La Nintendo Switch Lite è l’ultima console creata da Nintendo. Si tratta di una versione più piccola e meno costosa della Nintendo Switch. Arrivata a luglio 2019, questa piccola console presenta alcune interessanti differenze rispetto al modello di riferimento.

Quella più ovvia è il prezzo, infatti la Switch Lite costa circa 100 euro in meno rispetto alla Nintendo Switch standard. Cambia moltissimo anche il design: la Nintendo Switch Lite non ha i joycon (i piccoli controller marchiati Nintendo) che si staccano, e non ha una docking station con cui collegarla al televisore. Di fatto, quindi, è una console portatile che possiamo considerare l’erede del Nintendo 2DS XL e del Nintendo 3DS. Rispetto a questi ultimi modelli, la Switch Lite può eseguire i normali giochi per Nintendo Switch, ma solo quelli progettati appositamente per giocare in mobilità.

Design

Voto: 9/10

Nintendo Switch Lite vs Nintendo Switch

Nintendo Switch Lite vs Nintendo Switch

In primo luogo la Nintendo Switch Lite è la console Nintendo per chi vuole soprattutto giocare in mobilità, o comunque non è interessato a collegarsi ad un televisore. Se avete una Nintendo Switch e non la usate mai con la TV, la Switch Lite probabilmente è più adatta a voi. Non solo spenderete meno, ma avrete anche una console un po’ più leggera (275 grammi invece di 297) e un po’ più piccola: per questo è più facile da maneggiare rispetto alla Nintendo Switch.

Anche lo schermo è più piccolo, con una diagonale da 5,5”, che è più che adeguato al gaming in mobilità. L’unico, piccolo difetto che abbiamo rilevato è che con alcuni giochi risulta un po’ difficile leggere i testi.

Schermo

Voto: 7/10

La Nintendo Switch Lite ha uno schermo LCD da 5,2”, con risoluzione 1280×720 pixel. Non arriva quindi nemmeno al FullHD, che oggi troviamo anche sugli smartphone di fascia media. Da questo punto di vista avremmo gradito uno sforzo in più da parte di Nintendo, ma considerando il prezzo della Switch Lite non possiamo considerarlo un difetto particolarmente grave.

La luminosità massima è adeguata ma non eccellente, e all’esterno, se c’è molta luce, lo schermo potrebbe risultare poco visibile.

Prestazioni

Voto: 8/10

Le prestazioni della Switch Lite sono le stesse della normale Nintendo Switch. L’azienda giapponese quindi non ha fatto rinunce da questo punto di vista, limitandosi a rendere portatile quella che era già un’ottima console.

Vale la pena di segnalare che, comprando dei joycon separati, si potranno utilizzare anche i giochi che normalmente richiedono il collegamento al televisore. Non è un’esperienza che raccomanderemmo, ma è bello sapere che si può fare.

In giochi come The Legend of Zelda: Breath of The Wild, poi, si può giocare come sulla normale Switch usando il set di sensori, che include accelerometro e giroscopio. La connessione wireless invece funziona perfettamente e permette di giocare insieme ad altre persone che hanno una Switch o una Switch Lite, per esempio a Mario Kart 8 Deluxe.

Per quanto riguarda la temperatura, la Nintendo Switch Lite raramente supera i 38 gradi durante l’utilizzo. È un ottimo risultato, soprattutto considerando che si tratta di un dispositivo da tenere a lungo tra le mani e che un eccessivo aumento della temperatura costituirebbe un vero problema. Questa piccola console Nintendo supera la prova brillantemente, invece.

Manca invece la funzione RumbleHD, vale a dire il feedback tramite le vibrazioni. Potrete averlo collegando dei joycon secondari, come abbiamo accennato sopra.

In caso di dubbi si può consultare il sito ufficiale Nintendo per capire se un gioco è compatibile oppure meno con la Switch Lite.

Autonomia

Voto: 7/5

All’interno della Nintendo Switch Lite c’è una batteria da 3.570 mAh. Non molto grande, considerando che i migliori smartphone moderni hanno batteria da 4.000 mAh o anche più grandi.

Avrete tra le tre e le quattro ore di autonomia, con una variabilità legata ai giochi usati o all’uso degli altoparlanti o delle cuffie. Potrebbe essere sufficiente per chi fa il pendolare ogni giorno, ma potrebbe essere poco per affrontare un lungo viaggio in aereo. Soprattutto su quei voli che proibiscono di portarsi una batteria portatile in cabina.

Nell’insieme però l’autonomia è in linea con quella che ci si potrebbe aspettare da una console portatile.

Giudizio finale:

Voto: 9/10

Pro

Contro

La Nintendo Switch Lite al momento è forse la migliore console che possiate prendere, ed è senza dubbio la migliore console portatile. Se vi interessa giocare quando siete in movimento ma volete un’esperienza migliore di quella che si può avere con lo smartphone (o non volete consumare la batteria), la Nintendo Switch Lite è la scelta ideale.

Potete trovarla a meno di 200 euro, il che è senz’altro un prezzo davvero invitante. Più comunemente il prezzo si assesta tra i 200 e i 250 euro, un po’ di più ma resta una proposta interessante. In entrambi i casi ne vale senz’altro la pena.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

microsoft storia
Tech 27 febbraio 2021

Microsoft: storia del brand che ha rivoluzionato il mondo dell’informatica

Microsoft è una delle aziende tecnologiche più importanti al mondo: oggi è conosciuta soprattutto per il suo sistema operativo Windows, i suoi software come Word, PowerPoint o Excel, ma anche l’hardware come

storia di nintendo
Tech 31 gennaio 2021

Nintendo: storia del brand che ha reso grande il mondo dei videogiochi

Quando si parla di Nintendo viene in mente una specifica categoria di prodotto: i videogiochi. In effetti dal 1983, anno di lancio del Nintendo Entertainment System, la casa giapponese ha venduto più

hdmi 2.0
Tech 14 gennaio 2021

Che cos’è l’HDMI 2.1 e perché è importante per le console?

Con l’arrivo delle nuove console Play Station 5 e Xbox Series X ma anche delle nuove schede video di Nvidia (RTX 3060Ti, RTX 3070 e RTX 3080) e di AMD (RX 6800