Tech 27 maggio 2019

Recensione Civilization VI Gathering Storm

Civilization VI Gathering Storm

Civilization VI è uno dei videogiochi più apprezzati, sesto capitolo in una serie che ha appassionato milioni di persone in tutto il mondo. Tra le ultime versioni, è uscito anche Civilization VI per Nintendo Switch. Chi sceglie la versione di Civilization VI per PC, però, può godersi anche espansioni come la recente Gathering Storm, che aggiunge a un gioco già molto variegato l’imprevedibilità delle condizioni meteorologiche.

Civilization di base è sempre quello: all’inizio si sceglie un leader, selezionandolo tra molti grandi nomi della storia umana. E poi bisognerà sviluppare un vero e proprio impero mondiale, partendo dalla preistoria e arrivando, un po’ alla volta, fino al prossimo futuro. Si può vincere in molti modi: per conquista militare, per supremazia tecnologica, per vittoria diplomatica e altri ancora.

Grafica

Voto: 7/10

Civilization VI Gathering Storm

Civilization VI è un gioco incredibilmente complesso: bisogna assicurare una crescita costante della popolazione, garantendo che gli abitanti siano ben nutriti, sani e felici. Bisogna investire sulla ricerca scientifico/tecnologica, così da poter contare sempre su maggiori risorse e soprattutto una maggiore efficienza in ogni campo. In altre parole, lo stesso “quadratino” di terra potrà produrre più cibo o più minerali (o entrambi), i trasporti saranno più veloci, le truppe più forti. E bisogna fare tutto questo senza perdere di vista la questione militare, altrimenti uno degli altri leader ci vedrà come una facile preda e ci spazzerà via dalla terra.

Attenti alla pioggia

L’espansione Gathering Storm aggiunge dunque altre variabili a un gioco che è già molto complesso. Sin dall’inizio bisognerà fare attenzione a tempeste e mareggiate, e con l’incedere dei progressi tecnologici bisognerà mettere in conto anche il cambiamento climatico dovuto all’inquinamento.

Una bella gatta da pelare insomma. In epoche remote un fiume potrebbe straripare e spazzare via intere città, o innescare una carestia. O potrebbe essere l’eruzione di un vulcano, o un uragano. D’altra parte, però, i territori vicino a un vulcano o quelli soggetti a inondazione saranno anche più fertili, e potenzialmente ci possono aiutare a  progredire più in fretta.

Arrivati più avanti nell’albero evolutivo, scopriamo che per costruire una ferrovia bisogna investire risorse per costruire i tunnel – mentre in passato il territorio non rappresentava una variabile. Poi, quando si verifica l’innalzamento dei mari, ecco che le città costiere sono a rischio e bisogna intervenire con opere costose. I problemi per fortuna si possono prevenire, decidendo di produrre energia da fonti rinnovabili e meno inquinanti.

Gameplay

Voto: 9/10

Civilization VI Gathering Storm

Arrivando al futuro, rispetto ai nostri giorni, avremo a disposizione più risorse scientificamente avanzate per contrastare i problemi climatici. E a un certo punto, se giocherete abbastanza bene, potrete gestire il clima con estrema semplicità e dimenticherete quanto è stato difficile arrivarci.

Più diplomazia

Civilization VI Gathering Storm

Periodicamente parteciperete a un incontro con gli altri leader mondiali. È un passaggio obbligatorio, che offre l’occasione di coltivare e perseguire la vittoria diplomatica. Ogni scelta avrà un effetto sulla vostra situazione e su quella degli altri giocatori, siano essi persone oppure intelligenze artificiali. Curando i rapporti diplomatici tra un incontro e l’altro, si guadagnano punti che poi si possono spendere per far passare il proprio punto di vista. Alla lunga, abbastanza punti diplomazia possono regalarci la vittoria. Ma attenzione, più ci si avvicina al traguardo e più gli avversari si fanno aggressivi … perché vogliono vincere anche loro, naturalmente.

Giudizio:

Voto: 7,5/10

A proposito di diplomazia, Gathering Storms aggiunge otto nuove civilizzazioni da scegliere, e due scenari precostruiti con cui mettersi alla prova. Nel primo bisogna gestire il territorio europeo durante il periodo della peste (La Peste Nera). Nello scenario Macchina da Guerra, invece, ci si trova nella Prima Guerra Mondiale, in particolare negli scontri tra gli eserciti tedesco e francese.

Costoso, ma ne vale la pena

Chi già possiede Civilization VI può scaricare Gathering Storm a pagamento. Per chi ama questo gioco, ne vale sicuramente la pena. Guadagnerete infatti moltissime ore di gioco, una difficoltà rinnovata e sfide mai viste prima. Ne vale assolutamente la pena, ma solo se vi piace davvero questo gioco.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Gadget che raffredda Nintendo Switch
Tech 19 maggio 2020

Dal Giappone il gadget che raffredda smartphone e Nintendo Switch

Le temperature elevate sono il nemico numero uno di tutti i device elettronici, che siano smartphone oppure console giochi. Le batterie al litio dei dispositivi, infatti, sono molto sensibili agli innalzamenti della

online_shopping
Tech 26 marzo 2020

Fitness in casa: i migliori videogiochi per tenersi in forma

In questo periodo in cui è necessario stare a casa sono tantissime le attività che è possibile svolgere. Del resto l’hashtag #iorestoacasa sottolinea anche un trend che vuole instillare positività: meglio non

Switch
Tech 5 febbraio 2020

Nintendo Switch avrà ancora una lunga vita

Nintendo Switch è la rivoluzionaria console della casa giapponese che è riuscita a unire efficacemente il mondo videoludico casalingo con quello mobile. Per questo motivo, oltre ad un parco titoli misto di