Il motore di ricerca per i tuoi acquisti
Menu

HomePod mini, il piccolo smart speaker di Apple è (quasi) perfetto

Il primo smart speaker Apple, chiamato HomePod mini, funziona molto bene per ascoltare la musica e ha grandi potenzialità nella domotica.
Di Dario d'Elia 28 novembre 2021
homepod mini

HomePod mini è un altoparlante wireless intelligente che rientra di diritto nella categoria degli smart speaker, come i Google Nest Mini e gli Amazon Echo Dot. Le sue peculiarità sono di essere compatibile solo con i prodotti Apple, supportare i dispositivi domotici Apple HomeKit e riprodurre la musica con una qualità che è difficile trovare su altri apparecchi. Ecco, la sintesi potrebbe essere che siamo di fronte a un prodotto di piccole dimensioni che cela grandi tecnologie. E probabilmente molto si deve anche al fatto che è l’erede in piccolo del primo HomePod sbarcato sul mercato internazionale nel 2018 e mai arrivato in Italia. Il prezzo poi di 99 euro lo rende molto appetibile, soprattutto se si considera che mediamente Apple posiziona i suoi prodotti in fasce di prezzo medio-alte.

Design riuscito

L’Apple HomePod mini è grande praticamente come un’arancia: misura solo 84 x 99 mm e pesa 345 grammi. La parte esterna è in una trama di tessuto sintetica piuttosto resistente, mentre il pannello touch superiore è in plastica semi-trasparente. Quando si attiva con un tocco si illumina parzialmente, mentre interagendo vocalmente con l’assistente vocale Siri l’effetto diventa iridescente. I comandi sono intuitivi: un tocco per riprodurre, mettere in pausa o interagire con l’assistente vocale; due tocchi per il brano successivo; tre tocchi per il brano precedente; tenere premuto per richiamare Siri. I simboli + e – identificano i comandi volume. Il cavo di alimentazione, anch’esso rivestito in tessuto, non è sganciabile e termina con un connettore USB-C che va infilato poi nell’alimentatore da 20W in dotazione. Da ricordare poi che il mini è disponibile nei colori bianco, giallo, arancione, blu e grigio siderale.

homepod mini

Qualità audio top

La riproduzione musicale sul mini è ottima, considerate le dimensioni. Difficile trovare un concorrente alla pari che diffonda audio a 360°. Forse il Google Nest Audio e, includendo il settore portatile, anche il Bose SoundLink Micro e il Sonos Roam. Però, sono prodotti davvero diversi per dimensioni e impiego. L’HomePod mini è stato progettato per essere stanziale e fornire audio in salotto o magari in una camera da letto. Per altro in configurazione doppia consente di vivere un’esperienza stereo oppure emulare una soundbar abbinandoli a una Apple TV . Mentre, dislocandone in stanze diverse, si possono riprodurre tracce diverse oppure un’unica per tutta la casa. La funzione interfono consente di dialogare fra i vari HomePod mini e di inviare messaggi a chiunque fa parte del nucleo famigliare ed è dotato di un dispositivo Apple (compresi Watch e CarPlay).

apple homepod mini

La potenza è adeguata per una stanza di circa 40/50 metri quadrati e questo è possibile grazie all’ottimo singolo driver full range coadiuvato da due radiatori passivi per favorire bassi profondi e alte frequenze. Non mancano 4 microfoni per captare i nostri comandi vocali. Apple parla anche di una capacità computazionale in grado di regolare il suono in tempo reale e, in effetti, la gestione delle tracce e delle rispettive frequenze è molto efficiente. In sintesi qualsiasi genere musicale rende molto bene. Peccato che i servizi streaming nativi, che non hanno bisogno di un dispositivo Apple collegato, sono solo Apple Music, iTunes, Pandora, Deezer e pochi altri sconosciuti nel nostro paese. Se si vuole ascoltare Spotify o tutti quelli più noti bisogna impiegare un iPhone, iPad, iPad Air, iPad Pro o iPod Touch collegato tramite AirPlay 2. Il supporto Wi-Fi 4 e Bluetooth 5 del mini sono sostanzialmente usati per la piattaforma domotica Casa, Siri e altri servizi cloud. Una chicca è la possibilità di avviare la riproduzione musicale su un iPhone (dalla versione 11 in su) e poi toccando l’altoparlante spostarla su di esso.

Siri e domotica

Siri è lo strumento vocale per interagire con tutte le funzioni dell’ecosistema Apple interrogabili tramite HomePod mini. Vi sono diversi ambiti. Il primo è quello personale relativo alla gestione e interrogazione di calendario, note, promemoria, mail, messaggi, chiamate, etc. Poi c’è quello informativo con le news, previsioni del tempo, traffico, ricerche online, etc. E infine l’ambito domotica con la possibilità di gestire gli apparecchi di casa compatibili con Apple Homekit. Bisogna ammettere che i concorrenti Amazon e Google vantano più prodotti e sensori, ma qualcosa sul fronte Apple si sta muovendo. Ci sono lampadine, interruttori e prese intelligenti, sistemi di sicurezza e videosorveglianza, etc. In sintesi, allestendo adeguatamente il proprio appartamento tramite HomePod mini, si può interagire con tutto semplicemente con la voce.

Commento finale

L’HomePod mini è un ottimo altoparlante wireless per ascoltare la musica a casa: ideale per la camera dei ragazzi oppure da abbinare al proprio MacBook, Apple TV o iPhone. I prodotti domotici compatibili non sono tantissimi, ma alcuni grandi marchi offrono un po’ di modelli. È un modo per entrare in punta di piedi in questa dimensione, godendo di una buona qualità audio e un prezzo piuttosto accessibile. E poi detta tutta è anche un bell’oggetto simpatico e colorato.

Dario d'Elia
Dario d'Elia

Sono nato nel 1974, esattamente nel momento in cui l'era digitale stava iniziando a varcare i confini dei laboratori per entrare nelle case. Risale proprio a quel periodo uno dei primi microcomputer: il "famoso" IMSAI 8080, che Matthew Broderick usò nel 1983 per violare il supercomputer del Norad nel film "Wargames". Ecco, sono cresciuto in quel periodo di transizione e...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Torna su