Tech 5 ottobre 2019

Astral Chain per Nintendo Switch: affrontiamo un’invasione aliena!

Astral Chain

Astral Chain è un recente videogioco per Nintendo Switch nel quale dovremo affrontare un’invasione aliena, alternando tra combattimenti e indagini di polizia. Sviluppato da Platinum Games, si è rivelato un gioco particolarmente coinvolgente.

È un gioco difficile da definire con poche parole perché unisce più generi diversi, ma a renderlo convincente è il fatto che Astral Chain mette in campo scelte coraggiose. Scelte che lo difficilmente ne faranno un successo mondiale, ma che certamente porteranno qualcuno a innamorarsene.

Astral Chain alterna passaggi dall’azione frenetica a momenti lenti e riflessivi, un aspetto che in certo senso scontenta almeno due gruppi di giocatori, cioè quelli che amano l’una o l’altra cosa. D’altra parte è un’amalgama ben riuscita, che funziona come un ingranaggio ben oliato.

Astral Chain

 

Astral Chain cerca di proporre un’idea e raccontare una storia senza scendere a compromessi con le mode, i gusti e le tendenze della massa. Come abbiamo detto, ci vuole del coraggio.

Il gioco si svolge sul pianeta Arca, dove gli esseri umani devono affrontare l’invasione delle creature note come Chimere. Pare che il loro piano sia liberarsi degli esseri umani imprigionandoli in una dimensione alternativa chiamata Piano Astrale.

Il problema, uno dei problemi in effetti, è che le Chimere sono invisibili. Ad affrontarle si schiera la forza di sicurezza privata Neuron, i cui agenti sfruttano alcune Chimere catturate assoggettata tramite quella catena astrale che dà il nome al gioco stesso. Queste sono le informazioni che il gioco ci dà all’inizio, prima di buttarci nella mischia.

Astral Chain

La parte narrativa è realizzata con cura e il risultato è pregevole. Dal punto di vista della sceneggiatura assistiamo a una storia ben ritmata, che si prende le giuste pause per soffermarsi su un dettaglio importante o farci conoscere meglio un personaggio.

Giochiamo nei panni di un poliziotto (o poliziotta) appena entrato alla Neuron, e impegnato dal primo giorno nella missione più importante … non è sicuramente il caso di sprecare un elemento valido in indagini secondarie!

Ed ecco che emerge l’approccio brillante di Astral Chain. La vita del protagonista è seguita passo passo, nel suo agire quotidiano. Un punto di vista da neorealismo che porta in dote diversi generi di videogame. Gestione, investigazione, hack&slash, action … ce n’è davvero per tutti i gusti.

Se all’esterno si combatte e si agisce, all’interno si gestisce: nella stazione si può migliorare l’equipaggiamento e addestrare il personaggio, affrontare e gestire missioni secondarie, persino farsi due risate di tanto in tanto con scenette al limite del demenziale. Senza trascurare il dovere di interrogare i testimoni, di raccogliere indizi, di cercare una risposta al problema che vada oltre il semplice e poco utile combattimento. Una volta raccolti indizi sufficienti potremo tentare di ottenere un riconoscimento e una promozione, passando quindi alla fase successiva del gioco.

L’altra parte del gioco si svolge nel Piano Astrale, una terra desolata da dove vengono le Chimere. Qui c’è azione e gioco di piattaforme, combattimenti e puzzle. Astral Chain diventa un gioco più classico, più semplice, ma allo stesso tempo rende il gioco particolarmente ricco e variegato.

Non mancano alcune meccaniche classiche, come la presenza di aree inaccessibili, che si potranno esplorare solo dopo aver raggiunto un certo risultato. Gli obiettivi del gioco sono oltre 150, quindi chi ama completare tutto avrà parecchio pane per i propri denti.

Combattimento

Voto: 8/10

Il sistema di combattimento permette di controllare il protagonista e anche i vari Legion (le Chimere ammaestrate) che lo accompagnano. Le azioni del solo personaggio sono limitate, fondamentalmente una serie di azioni con il manganello. Potrete comunque potenziare quest’arma per renderla sempre più efficace ed efficiente.

Astral Chain

Quando però si aggiunge il Legion ecco comparire una più grande varietà di azioni possibili, e il sistema di combattimento diventa moderno, dinamico e stimolante anche per i giocatori più esperti.

Potrete dare ordini alle creature oppure controllarle direttamente, e in questo caso avrete a disposizione un nuovo set di possibili azioni. Persio la catena (astrale) che unisce il Legion al suo padrone può trasformarsi in un’arma, per chi la saprà utilizzare. E anche le vostre creature, naturalmente, si possono migliorare con nuove abilità e incrementi di potenza. Dovrete inoltre raccoglere la cosiddetta “Materia Cremisi”, necessaria per prolungare il tempo in cui potrete usare un certo Legion prima che vi abbandoni.

In ogni caso, sviluppare con attenzione i Legion sarà fondamentale per avere successo e finire il gioco. Non ci si annoia mai quindi, anche perché sconfiggere i vari boss è una sfida davvero impegnativa.

Non manca, infine, la possibilità di giocare in due, in modalità coopertaiva locale (sulla stessa console). Basta che ogni giocatore prenda un Joy-Con, per separare il controllo di personaggio principale e Legio.

Tecnica

Voto: 8/10

Come molti giochi di questo tipo, anche in Astral Chai abbiamo una telecamera che segue il personaggio e si muove intorno a lui … a volte in modo confusionario. A volte la visuale si muove tanto da far venire la nausea, sicuramente abbastanza da rendere un combattimento più difficile di quanto già fosse.

Inoltre la levetta destra, che in genere si usa proprio per controllare la telecamera, qui invece serve per controllare il Legion. Un dettaglio che rende tutto ancora più difficile e confusionario, e a volte un vero e proprio ostacolo lungo il cammino per la vittoria.

È comunque un problema che si presenta solo occasionalmente, e che in generale non compromette la qualità generale del gioco.

Astral Chain

In generale, poi, Astral Chain non si presta benissimo al gioco in mobilità, cioè sul piccolo schermo della Nintendo Switch. Come con il difetto di cui abbiamo parlato sopra, non è una cosa troppo drammatica, ma è sicuramente preferibile giocare con la console collegata al televisore del salotto (e se ne avete uno grande, ancora meglio). Tra l’altro abbiamo notato che Astral Chain consuma parecchio la batteria, un altro dettaglio da tenere in considerazione.

Di contro, questo gioco offre un frame rate solido e risulta sempre perfettamente fluido, anche nelle scene più complesse come i combattimenti. Stessa valutazione per l’input lag, gestito alla perfezione.

Ciliegina sulla torta, la direzione artistica è di quelle davvero degne di nota, per la ricchezza dei dettagli, l’utilizzo sapiente degli stili grafici, e le molte sfaccettature culturali che danno spessore e profondità all’ambiente e ai personaggi.

Verdetto

Voto: 8/10

PRO

CONTRO

Astral Chain unisce diversi tipi di gioco in un unico titolo, ha un sistema di combattimento variegato e mai noioso, presenta una parte narrativa convincente ed è graficamente piacevole.

Tra i difetti, va citato una gestione della telecamera discutibile, a volte davvero irritante. E il fatto che usando la Switch in mobilità non è affatto il titolo ideale, vuoi perché rende poco sul piccolo schermo, vuoi perché consuma molto la batteria.

Nell’insieme è un gioco troppo peculiare per piacere a tutti e aspirare al successo di massa, ma potrebbe essere il prossimo gioco di cui innamorarvi, se entra nelle vostre corde.

È un gioco divertente e appassionante, che vi metterà alla prova con sfide tutt’altro che facili. E i difetti, alcuni dei quali non sono certo trascurabili, risultano del tutto tollerabili considerando la qualità dell’insieme.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Gadget che raffredda Nintendo Switch
Tech 19 maggio 2020

Dal Giappone il gadget che raffredda smartphone e Nintendo Switch

Le temperature elevate sono il nemico numero uno di tutti i device elettronici, che siano smartphone oppure console giochi. Le batterie al litio dei dispositivi, infatti, sono molto sensibili agli innalzamenti della

online_shopping
Tech 26 marzo 2020

Fitness in casa: i migliori videogiochi per tenersi in forma

In questo periodo in cui è necessario stare a casa sono tantissime le attività che è possibile svolgere. Del resto l’hashtag #iorestoacasa sottolinea anche un trend che vuole instillare positività: meglio non

Switch
Tech 5 febbraio 2020

Nintendo Switch avrà ancora una lunga vita

Nintendo Switch è la rivoluzionaria console della casa giapponese che è riuscita a unire efficacemente il mondo videoludico casalingo con quello mobile. Per questo motivo, oltre ad un parco titoli misto di