Tech 9 marzo 2020

Consigli su come disinfettare il cellulare e gli oggetti tech

come disinfettare lo smartphone

Il coronavirus è ancora in fase di studio ma le ricerche sono incessanti per poter tutelare al meglio i cittadini; il Ministero della Salute si è anche espresso sulla capacità di sopravvivenza del Covid-19 a contatto con le superfici. Secondo le ultime ricerche il coronavirus è in grado di sopravvivere per alcune ore a contatto con gli oggetti ma è altrettanto importante sapere che l’utilizzo di norme igieniche e di disinfettanti sono in grado di uccidere ed annullare la sua capacità infettiva.

Se da una parte è importante ribadire la norma di un lavaggio frequente delle mani con prodotti quali amuchina o altri disinfettanti, è altrettanto fondamentale disinfettare gli oggetti di uso comune su cui si annidano numerosi batteri, basti pensare a quante volte prendiamo in mano lo smartphone che spesso appoggiamo anche su superfici non sterili.

Come disinfettare gli oggetti tecnologici senza rovinarli

Il costante aumento dei contagi da coronavirus va di pari passo con la preoccupazione di non tutelarsi abbastanza. Covid-19 è in grado di sopravvivere sulle superfici per alcune ore e questo potrebbe permettere la propagazione del virus, per tutelarsi è fondamentale quindi una buona igiene personale ma anche un intervento sugli oggetti di uso comune, soprattutto quelli tecnologici.

Nonostante i medici attualmente si stiano dividendo tra chi ne dimostra la capacità di sopravvivenza e chi smentisce la possibilità di contagio, gli scienziati si trovano d’accordo nelle precauzioni che suggeriscono di disinfettare con cura gli oggetti di uso comune.

Il Ministero della Salute suggerisce di usare allo scopo di disinfettare le superfici soluzioni a base di alcool o con concentrazioni alcoliche almeno al 60%: le soluzioni alcoliche, però,  potrebbero danneggiare lo strato superficiale che protegge gli schermi e dato il costo importante di smartphone e oggetti tecnologici è bene utilizzare prodotti specifici per evitarne il danneggiamento.

Non mettete mai, per nessun motivo, gli smartphone o gli oggetti tecnologici a bagno in prodotti disinfettanti e non utilizzare soluzioni in gel o crema poiché potrebbero danneggiarne i componenti in modo irreparabile. Utilizzate quindi prodotti specifici, studiati per agire in modo sicuro sui vostri accessori tech come ad esempio le salviette multisuperfici igienizzanti Napisan che, come conferma il produttore, rimuovono in un solo gesto germi e batteri dai dispositivi elettronici.

Napisan Salviette Multisuperfici Igienizzanti

1. Smartphone 

Il cellulare è al primo posto per la frequenza di utilizzo ma anche per la quantità di batteri che è in grado di accumulare. È diventato una nostra appendice e oltre a tenerlo spesso in mano lo appoggiamo anche su tavoli di bar, sui mezzi pubblici e lo infiliamo in borsa insieme ad altri oggetti potenzialmente pieni di microbi. Insomma, anche lo smartphone necessita di un’accurata pulizia quotidiana.

Come disinfettare uno smartphone

Non esistono linee guida generali su come disinfettare qualsiasi smartphone poiché tutto dipende dal materiale di composizione, la cosa migliore è sicuramente consultare quindi il libretto di istruzioni del proprio modello. In linea di massima valgono le considerazioni di Matteo Bassetti, direttore della Clinica delle malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, che ha fornito alcuni consigli precisi per la pulizia del cellulare, suggerendo di utilizzare un panno umido con disinfettante oppure alcol etilico. Per pulire efficacemente lo smartphone è quindi necessario scegliere un panno delicato possibilmente antistatico e procedere alla pulizia a dispositivo spento e senza cover, utilizzando detergenti appositi per schermi e display. Assolutamente vietati spray per i vetri e solventi o vi ritroverete con un dispositivo danneggiato irrimediabilmente.

2. Tablet

Esattamente come lo smartphone il tablet è diventato un oggetto di uso comune, soprattutto per chi ha bambini. Viene infatti spesso utilizzato anche per permettere ai piccoli di giocare o vedere puntate dei loro cartoni animati preferiti, è quindi fondamentale che venga pulito e disinfettato per poter abbattere i batteri presenti.

Come disinfettare un tablet

Valgono le stesse regole spiegate poco fa per lo smartphone; la pulizia va effettuata a dispositivo spento e scollegato dalla corrente. È importante utilizzare detergenti specifici per schermi e display tech evitando invece prodotti come sgrassatori di uso comune o prodotti per i vetri mentre per il panno è essenziale utilizzare quelli più delicati in microfibra e possibilmente antistatici. Alternativa al prodotto prima citato è il detergente Duronic, un prodotto in grado di igienizzare i dispositivi tecnologici senza rovinarli anche grazie all’ausilio del panno in microfibra associato.

3. Cuffie e auricolari

Sono un altro oggetto tecnologico estremamente utilizzato, soprattutto per i modelli wireless, come ad esempio le AirPods. Non sempre però vengono riposte nell’apposita custodia e anche quando viene compiuto questo gesto è bene ricordare che sono un oggetto a contatto con le mani e quindi necessitano una pulizia profonda, tanto quanto è necessaria la pulizia della loro custodia.

Come prendersi cura di cuffie e auricolari

Attenzione in modo particolare alle cuffie che non possono essere lavate sotto acqua e nemmeno possono entrare in contatto con soluzioni aggressive detergenti. Non potendole disinfettare con soluzioni alcoliche è bene utilizzarle con mani perfettamente pulite. Assolutamente consigliato, anche in questo caso, le salviettine igienizzanti e il panno in microfibra ma evitando di utilizzarlo abbinato a saponi e detergenti.

4. Tastiera del computer

Viene usata quotidianamente, ma ogni quanto viene pulita? A quanto pare è uno degli oggetti con carica batterica estremamente alta a cui non vengono rivolte le giuste cure igieniche.

Come disinfettare la tastiera del computer

La tastiera del computer è sicuramente un ricettacolo di microbi; per pulirla basterà spegnere il computer e poi agire in primo luogo utilizzando una bomboletta ad aria compressa per rimuovere polvere e briciole e poi utilizzare una salviettina igienizzante o una soluzione a base di alcool abbinata ad un panno in microfibra.

5. Smartwatch

Anche qui si parla di un accessorio tech che spesso viene trascurato a livello igienico ma che necessita di cure appropriate proprio perché essendo sul polso viene in contatto esponenzialmente con tantissime situazioni non sterili.

Come disinfettare lo smartwatch

Viene spesso ignorato, ma essendo posizionato sul polso entra in contatto con moltissimi batteri, inoltre grazie al tocco frequente con le mani potrebbe essere fonte di diffusione di microbi e questo non vale solamente in questo momento storico. Per prima cosa è importante informarsi se lo smartwatch sia o meno waterproof  per poter agire al meglio proteggendo l’accessorio; il cinturino si pulisce strofinandolo energeticamente utilizzando un detergente disinfettante mentre per quanto riguarda la parte tech è possibile utilizzare le stesse pratiche suggerite per lo smartphone.

Angelica Losi
Angelica Losi

Nasce a Pavia nel giugno del 1990 e come ogni gemelli combatte quotidianamente tra un lato estremamente razionale ed uno decisamente più distratto e sognatore. Dice di essere nata nell’epoca sbagliata e la sua anima appartiene sicuramente agli anni della dolce vita; da sempre appassionata di moda e costume colleziona libri a tema che negli anni le hanno permesso di...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

alternative all amuchina
Beauty 14 maggio 2020

SOS Amuchina gel esaurito: valide alternative per disinfettare le mani

(Questo articolo, pubblicato nel Magazine di Trovaprezzi.it il 6 marzo 2020, è stato aggiornato in data 14 maggio 2020) Dalla voce di esperti, medici, infermieri e anche dalle Istituzioni viene ripetuto l’invito

come pulire la borsetta
Lifestyle 12 marzo 2020

5 oggetti personali che dovremmo pulire più spesso

Chiedendo alle persone quale sia l’oggetto più sporco utilizzato durante la giornata la risposta è quasi unanime: il bagno. In realtà, la London School of Hygien & Tropical Medicine ha pubblicato uno studio

Amuchina come usarla
Beauty 28 febbraio 2020

Amuchina: cos’è e come usarla

Con l’aumento dei casi di coronvirus in Italia, la vendita di Amuchina è salita alle stelle. Sono sempre più gli italiani che si affidano ai consigli dell’OMS e del Ministero della Salute in