Il motore di ricerca per i tuoi acquisti
Menu

Sonos Roam: ideale per chi ama portarsi la musica in vacanza

Il Sonos Roam è un ottimo altoparlante Bluetooth portatile con supporto AirPlay 2 e Wi-Fi. Adesso è disponibile anche in cinque colori.
Di Dario d'Elia 28 maggio 2022
sonos roam arancio

Il Sonos Roam nel tempo è diventato uno degli altoparlanti portatili bluetooth di riferimento per il mercato, insieme al Bose SoundLink Flex, JBL Charge 5, Marshall Kilburn e pochi altri. Da una parte si distingue per l’elevato livello tecnologico integrato; dall’altra ha ingombri molto ridotti che ne agevolano la portabilità. E poi recentemente l’offerta cromatica si è nettamente ampliata: prima c’erano solo le versioni nera e bianca, adesso si può scegliere anche fra i colori arancione, celeste e muschio.

Perfetto per le vacanze, ma anche a casa

Il Roam ha una forma che ricorda un astuccio scolastico: misura 16,8 x 6,2 x 6 cm e pesa solo 431 grammi. In pratica basta uno zainetto di piccole dimensioni per portarlo in giro. E poi ha il vantaggio di poter essere impiegato sia in verticale che in orizzontale. La maggior parte della superficie esterna è in materiale plastico mentre le aree di appoggio in verticale sono gommate: una di queste ha diverse zone a pressione che consentono di gestire il microfono degli assistenti vocali (Alexa o Google Assistant solo sotto Wi-Fi, Siri via Airplay 2), il volume e il multifunzione; per l’accensione c’è un tasto laterale. Sono presenti anche tre led che corrispondono allo status di connessione, l’attivazione-disattivazione microfono e status della carica. Da ricordare poi che la certificazione IP67 conferma la resistenza del Roam a polvere e liquidi (immersione temporanea fino a 1 metro). Complessivamente si ha davvero la sensazione di un dispositivo robusto, esteticamente neutro e poco appariscente. Ecco spiegata la sua grande versatilità: non stona in alcun ambiente.

sonos roam verde

Musicalmente equilibrato

Uno dei più grandi difetti degli altoparlanti portatili di basso profilo di solito è di essere piuttosto sbilanciati sui bassi; il Roam al contrario offre un grande equilibrio di frequenze grazie a un altoparlante tweeter da 16 mm e un mid-woofer con amplificatori di classe D. Questo bilanciamento favorisce la percezione dei dettagli delle tracce musicali. Qualsiasi genere viene valorizzato adeguatamente e l’esperienza è sempre coinvolgente. Ovviamente si parla di una potenza (circa 30W) che è adeguata all’aperto per un piccolo gruppo di persone e al chiuso per una stanza, quindi per animare una festa sarebbe consigliabile puntare su altro come ad esempio lo stesso Bose Flex o JBL Extreme 2. Il Roam è stato sviluppato per offrire qualità a prescindere dall’ambiente e infatti la tecnologia Sonos Trueplay è in grado di adattare automaticamente il suono grazie ai microfoni integrati. In sintesi Roam valuta se ci sono spazi aperti intorno oppure mura o altri elementi e agisce di conseguenza. Però non bisogna aspettarsi una diffusione sonora a 360°, in fondo si esprime al meglio frontalmente.

Tecnologicamente completo

Il Roam è un altoparlante che si affida alla tecnologia Bluetooth 5.0, al Wi-Fi 5 e Airplay 2 per i collegamenti. In pratica si può fruire di musica in streaming tramite lo smartphone o altri dispositivi scegliendo il Bluetooth oppure in presenza di prodotti Apple giocare la carta dello standard Airplay 2. Il Wi-Fi serve invece per sfruttare la piattaforma cloud di Sonos che ospita praticamente tutti i servizi streaming musicali. In questa modalità si può potenzialmente godere anche di una qualità audio massima di 24 bit/48 kHz, mentre normalmente in Bluetooth a causa dei codec audio SBC e AAC bisogna accontentarsi della standard.

Un’altra qualità di questo dispositivo è di poter essere abbinato ad altri modelli Sonos oppure dispositivi AirPlay 2 per ottenere una potenza di emissione superiore oppure configurazioni multi-room. Infine l’autonomia è di circa 10 ore ma in realtà dipende molto da come si regola il volume e quindi con un setting medio di solito si arriva a 6 ore. La ricarica avviene tramite la porta USB-C; il cavo è in dotazione. Si può procedere anche con la ricarica wireless grazie al supporto della tecnologia Qi.

sonos roam celeste

Valutazioni finali

Il Sonos Roam è un ottimo compagno di viaggio e anche in casa è facile trovargli posto senza che dia troppo nell’occhio. Grazie ai diversi tipi di supporto wireless è molto versatile e la potenza è adeguata ai contesti più rilassati. Forse l’unico limite è in un design non troppo ricercato, ma quel che conta è la sua resistenza a polvere e liquidi. Il prezzo di listino è di 199 euro, ma grazie alla nuova versione priva di assistenti vocali (Roam SL) la soglia si abbassa a 179 euro; online si può trovare leggermente scontato.

Dario d'Elia
Dario d'Elia

Sono nato nel 1974, esattamente nel momento in cui l'era digitale stava iniziando a varcare i confini dei laboratori per entrare nelle case. Risale proprio a quel periodo uno dei primi microcomputer: il "famoso" IMSAI 8080, che Matthew Broderick usò nel 1983 per violare il supercomputer del Norad nel film "Wargames". Ecco, sono cresciuto in quel periodo di transizione e...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Torna su