Il motore di ricerca per i tuoi acquisti
Menu

Nilox M1: un monopattino con frecce, luci e doppio freno

Il nuovo Nilox M1 si distingue per un'ottima dotazione già compatibile con le norme che scatteranno per i modelli nuovi a partire dal 30 settembre.
Di Dario d'Elia 29 maggio 2022
Nilox M1

Il Nilox M1 è uno dei primi monopattini elettrici del mercato a disporre di frecce, luce anteriore, luce di stop e doppi freni. In pratica rispetta già le novità introdotte dal codice della strada per questo segmento: a partire dal 30 settembre, infatti, tutti i nuovi monopattini elettrici dovranno disporre di questa dotazione. Ovviamente per quanto riguarda le frecce non bisogna aspettarsi, almeno per ora, una soluzione invasiva. I led arancioni sono stati integrati infatti nell’unità posteriore, poco sopra la ruota, dove sono presenti quelli rossi dello stop. La luce anteriore invece è un’unità a led posizionata poco sotto l’asta verticale. Il freno anteriore è elettrico ed automatico, mentre quello posteriore è un classico a disco controllato tramite una leva posizionata a sinistra del manubrio.

Nilox M1

Estetica gradevole ma nessuna rivoluzione

Il Nilox M1 è un modello che si potrebbe definire di taglia media, considerate le dimensioni di 45 x 111 x106 cm e il peso complessivo di circa 13,8 kg. Rientra quindi in quella categoria di prodotti agili e metropolitani come l’apprezzato Xiaomi Mi 3. Peraltro, sotto il profilo del design l’M1 assomiglia moltissimo al Ducati Pro 1 Evo.

Nelle fasi di test l’altezza del monopattino si è dimostrata adeguata a un rider di altezza massima di 180 centimetri; sopra questa soglia sarebbe consigliabile scegliere un modello più grande come ad esempio il Ninebot F25E. Nessun problema per chi ha una taglia di piede importante poiché la pedana risulta abbastanza ampia per ospitare anche un 44/45. Per l’eventuale trasporto il meccanismo di chiusura è piuttosto agevole e sicuro. In questa configurazione le dimensioni diventano di 45 x 46 x 106 centimetri.

L’ergonomia dei comandi è abbastanza curata con tutto davvero a portata di mano: leva del freno, acceleratore, campanellino e interruttore delle frecce. L’unica eccezione è rappresentata dal tasto di accensione che è posizionato nella parte alta dell’asta ed è di fatto accessibile comodamente solo fermandosi. Inoltre, cliccando si possono scorrere le tre modalità velocistiche pre-impostate: 6 km/h, 20 km/h e 25 km/h. Un click più veloce consente di attivare o disattivare l’illuminazione.

Gradevole poi il display a colori che consente di rilevare velocità, autonomia a disposizione, frecce, luci e km complessivi. Infine è bene sottolineare la scelta di Nilox di offrire una card NFC per lo sblocco del monopattino. La procedura infatti prevede che chiunque possa accendere il monopattino, ma per poterlo poi usare bisogna passare la card vicino a un’area dell’asta identificata da un adesivo esplicativo.

Nilox M1

Per strada è agilissimo

Il Nilox M1 si conduce molto facilmente e in sicurezza. Considerata la sua giocosità sembra ideale per i giovani. Per gli adulti invece bisognerebbe considerare un dettaglio: se si pesa più di 80/85 kg trasmette un’eccessiva sensazione di leggerezza. In verità non manca di stabilità ma comunque monta pur sempre pneumatici da 8,5 pollici; lo stesso Xiaomi arriva almeno a 9 pollici. Ottima comunque la reazione sulle asperità dell’asfalto. Le gestisce molto bene; ovviamente su una buca o tombino non si possono fare miracoli. La frenata rientra nella media anche se è facile inchiodare con il posteriore. Da sottolineare che il freno elettrico automatico integrato nella ruota anteriore (dove c’è anche il motore) probabilmente entra cautamente in funzione solo ad alta velocità; o meglio si sente una certa stabilità che è dovuta proprio al suo intervento.

Nilox M1

Motore e autonomia soddisfacenti

L’M1 non solo è agile, ma ha anche un buono spunto in accelerazione da fermo. Il motore da 350 W è perfettamente adeguato per far fronte a ogni situazione. La massima velocità si raggiunge in breve spazio, anche se un modello come il Ducati fa decisamente meglio. Anche nella ripresa l’M1 non è male, ma nelle salite non bisogna farsi troppe illusioni; se si pesa più di 80 kg su un comune cavalcavia il monopattino rallenterà notevolmente. È fatto davvero per pesi più leggeri. L’autonomia nella migliore delle condizioni è di poco meno di 20 km, anche se teoricamente viene dichiarata di 25 km. Alla massima velocità è più facile posizionarsi poco sopra i 15 km. Purtroppo la grafica a display si fa influenzare dall’intensità di lavoro del motore, quindi a volte mostra in realtà meno autonomia di quanta se ne abbia realmente. Manca poi una app per smartphone che consenta di personalizzare parametri o monitorare altri elementi.

In conclusione

Il Nilox M1 è un monopattino elettrico agile e con una buona dotazione di sicurezza, ma è consigliabile ai giovani e agli adulti di peso medio. Brilla per agilità e ha un buono spunto da fermo ma non bisogna aspettarsi le prestazioni di modelli sportivi come il Ducati. Il prezzo di listino è di 399,95 euro, ma online si riescono a spuntare già prezzi più invitanti che ne valorizzano il buon rapporto qualità-prezzo. E infine un consiglio: le frecce e le luci sono davvero un plus da non snobbare.

Dario d'Elia
Dario d'Elia

Sono nato nel 1974, esattamente nel momento in cui l'era digitale stava iniziando a varcare i confini dei laboratori per entrare nelle case. Risale proprio a quel periodo uno dei primi microcomputer: il "famoso" IMSAI 8080, che Matthew Broderick usò nel 1983 per violare il supercomputer del Norad nel film "Wargames". Ecco, sono cresciuto in quel periodo di transizione e...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Torna su