Tech 16 novembre 2019

Apple MacBook Pro 16 ufficiale

Macbook Pro 16

Dopo mesi di indiscrezioni, Apple ha finalmente annunciato l’arrivo del nuovo MacBook Pro da 16 pollici che andrà a sostituire in maniera definitiva il vecchio MacBook Pro da 15 pollici. Il display più grande consente di avere una migliore fruizione dei contenuti, senza però aumentare le dimensioni del noto portatile dedicato ai professionisti. Questo perché, come successo con la prima generazione di iPhone X, l’azienda di Cupertino ha drasticamente ridotto le cornici.

Il display è un’unità Retina da 16 pollici con tecnologia IPS True Tone e risoluzione di 3072 x 1920 pixel. La luminosità raggiunge un valore di 500 nit e copre anche lo spazio colore gamut P3, anche se non viene indicata la percentuale. Apple dichiara però che ogni display viene accuratamente calibrato in fabbrica in modo da garantire la migliore precisione nella riproduzione del colore.

La configurazione base prevede un processore Intel Core i7 con sei core e frequenza da 2,6 a 4,5GHz, 16GB di RAM e una scheda grafica dedicata AMD Radeon Pro 5300M con 4GB di memoria GDDR6. L’SSD è di 512 GB mentre il prezzo di partenza è di circa 2800 euro.

Apple MacBook Pro 16

Il nuovo MacBook Pro 16 ha cornici ridotte e display più grande.

E’ previsto anche un secondo modello più prestante con processore Intel Core i9 a 8 core a 2,3/4,8 GHz, 16 GB di RAM e SSD da 1TB, mentre la scheda grafica rimane la medesima del modello base. Chi vuole può anche personalizzare il MAC con specifiche più spinte, scegliendo tra processori più potenti, fino a 64 GB di RAM, 8TB di SSD e scheda grafica con 8GB di memoria. La configurazione che garantisce le massime prestazioni arriva a costare ben 7239 euro.

Completamente rinnovato rispetto al precedente modelli il sistema di dissipazione che adesso può fare affidamento su una ventola più grande. Il flusso d’aria aumenta così del 28% rispetto al modello precedente, mentre l’heatsink ha una superficie più grande del 35%.

Lateralmente ci sono quattro porte Thunderbolt 3 USB-C mentre l’alimentatore è da 96 watt con un cavo lungo 2 metri. Presenti anche il Wi-Fi ac e il Bluetooth 5.0. Purtroppo, la webcam rimane la solita con risoluzione di 720p.

Piccole migliorie per la tastiera. La Magic Keyboard ha adesso un meccanismo a forbice con una corsa di un millimetro. Il tasto “Esc” è fisico, non manca la touchbar e il sensore per le impronte digitali, è posto sul lato sinistro.

L’audio fa affidamento su ben sei altoparlanti e woofer. La batteria garantisce un’autonomia fino a 11 ore. Una completa rivisitazione rispetto al MacBook Pro da 15 pollici, da sempre tra i portatili più apprezzati in ambito professionale.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

iPhone-11
Tech 28 maggio 2020

Apple domina: iPhone 11 è lo smartphone più venduto

Ribaltando ogni previsione, iPhone 11 riesce a raccogliere i favori dell’utenza e diventa lo smartphone più venduto nei primi mesi del 2020, superando anche gli ottimi risultati ottenuti dal precedente iPhone XR.

iphoneSE_v_GalaxyA71
Tech 21 maggio 2020

iPhone SE 2020 e Galaxy A71: quali sono le differenze? Prezzi e caratteristiche a confronto

(I prezzi indicati in questo articolo fanno riferimento alle offerte presenti in Trovaprezzi.it al 21 maggio 2020) Il mondo degli smartphone è popolato da tantissimi modelli differenti, anche nel prezzo. Tra quelli che

ipad
Tech 18 maggio 2020

Apple al lavoro su un nuovo iPad con display touch GIS da 10,8 pollici?

Apple sarebbe al lavoro su nuovi modelli di iPad, almeno secondo il noto analista Ming-Chi Kuo, da sempre vicino a rumors e anticipazioni legate al mondo dell’azienda di Cupertino. Kuo avrebbe ipotizzato