5 motivi per cui non puoi fare a meno della pentola a pressione

Chi la utilizza quotidianamente afferma che non potrebbe mai farne a meno mentre chi non ne ha mai avuto una, è altrettanto sicuro di poter vivere tranquillamente senza; non mancano poi quelle che la considerano addirittura un terribile attrezzo che emette suoni inquietanti e che è sempre pronto a scoppiare!

Stiamo parlando della pentola a pressione, un elettrodomestico che può rivelarsi davvero molto utile in cucina e che può diventare il vostro più fidato sous-chef, non solo per cuocere i legumi o il minestrone, ma anche per ricette molto più sfiziose. In quest’articolo scopriamo 5 validi motivi per tirare fuori la pentola a pressione dallo scaffale più alto della cucina e cominciare a utilizzarla anche per le ricette di tutti i giorni.

Risparmio di tempo

Tanto per cominciare, utilizzando la pentola a pressione si risparmia un sacco di tempo perché i tempi di cottura si riducono addirittura del 40% rispetto alla tradizionale cottura in pentola oppure al forno. Grazie al coperchio a tenuta ermetica, le particelle d’acqua che di solito evaporano, restano stratificate all’interno della pentola a pressione e quindi il vapore raggiungere l’ebollizione a 120°-130° invece che a 100°: questo accorcia notevolmente i tempi di cottura.

Risparmio in bolletta

Il risparmio di tempo si traduce ovviamente anche in un netto risparmio sulla bolletta del gas, oppure dell’elettricità in caso di piano cottura a induzione, perché il fornello resterà acceso per molto meno tempo e ad un’intensità più bassa. Anche se il prezzo iniziale della pentola a pressione sarà più alto rispetto a quello di una normale pentola con coperchio, ammortizzerete il costo in breve tempo risparmiando sui consumi. Per un buon prodotto potreste spendere tra i 70 e i 100 euro, come per la pentola a pressione Clipsominut Duo firmata Lagostina che ha capacità 5 litri e un design di tendenza.

lagostina-pentola-pressione-trovaprezzi

Ricette gustose

Se siete sempre state alla larga dalla pentola a pressione perché convinte che potesse essere utile solo a cuocere il minestrone di verdure, è arrivato il momento di ricredervi. Il calore si diffonde infatti in modo più omogeneo, preservando i liquidi di cottura, i profumi e gli aromi che gli alimenti sprigionano e dando una marcia in più a tutte le vostre ricette. La pentola a pressione dunque è perfetta per i bolliti, i piatti in umido, la cottura a vapore ma anche per preparare marmellate, brasare, arrostire o cuocere al cartoccio.

Principi nutritivi inalterati

La pentola a pressione consente di cucinare una grande varietà di cibi in modo del tutto salutare. Utilizzando poca acqua si ha anche una minima perdita di nutrienti e diversi studi hanno dimostrato che le perdite di vitamine e sali minerali dei cibi sono molto minori rispetto alla semplice bollitura oppure alla cottura in forno; con le temperature elevate all’interno della pentola a pressione, infatti, si hanno meno alterazioni dei composti, delle proteine e degli enzimi e gli alimenti conservano le loro preziose sostanze nutritive. Inoltre, la digeribilità di cereali e legumi appare molto migliorata utilizzando questo metodo di cottura.

Facilità di utilizzo

Sono in molte ad aver scartato la pentola a pressione perché convinte che fosse complicata da utilizzare: in realtà, questo elettrodomestico è perfetto anche per le cuoche meno esperte perché la preparazione non richiede grandi cure, non bisogna mescolare né controllare che gli ingredienti si attacchino. Sarà sufficiente mettere tutto in pentola e aspettare che i cibi siano cotti. L’unica accortezza è quella di non riempirla troppo per evitare che il contenuto della pentola vada a bloccare la valvola.

Altri articoli per: , , ,