Scegli i migliori notebook HP: guida all'acquisto | Trovaprezzi.it
Il motore di ricerca per i tuoi acquisti
Categorie
Affina la tua ricerca!

Per un risultato più preciso scrivi tra virgolette la frase relativa all’oggetto che cerchi. Es. “PlayStation 4”.

Puoi anche escludere offerte che non ti interessano, anteponendo il simbolo alla parola da omettere nella ricerca. Es. Sneakers –bianche mostrerà tutte le sneakers tranne quelle bianche.

Notebook HP: serie e modelli del produttore leader mondiale

Fondata a Palo Alto nel '39 dagli ingegneri Bill Hewlett e David Packard, HP è oggi una multinazionale ramificata e specializzata nell'ambito dell'informatica. E se guardiamo i dati di vendita annuali, noteremo che i notebook HP sono da diversi anni i più amati a livello globale. Forte di una gamma vastissima nella quale i modelli più tradizionali si affiancano a prodotti altamente innovativi, punta con forza sull'affidabilità dei propri device e sulla loro elevata configurabilità. Con la nostra guida andremo a fare chiarezza all'interno di questo catalogo pressoché sconfinato, mettendo in luce tutti gli aspetti da valutare in fase di acquisto. Parleremo di laptop base, modelli professionali e notebook gaming. Il tutto senza mai perdere di vista l'aspetto economico. Inoltre, includeremo una selezione dei migliori HP notebook in commercio.
Tutte le guide
Indice
Prima dell’acquisto Quanto costa un notebook HP? Una gamma in grado di soddisfare tutte le esigenze Vai alla categoria
Notebook
notebook HP

Prima dell’acquisto: hai le idee chiare?

Ecco un'anticipazione degli argomenti affrontati nella guida, un sommario punto per punto per individuare a colpo d'occhio le informazioni che ci servono sui notebook HP. Si parlerà di prestazioni, display, tastiera, suono, dimensioni e design. Ma non solo, di seguito l'elenco completo:

Tipologie di portatili a confronto
I tradizionali HP notebook sono anche i più diffusi. Basti pensare che la serie "250 G6" racchiude alcuni dei modelli più venduti in assoluto negli store online. Laptop convertibili e portatili 2 in 1, invece, rappresentano qualcosa di diverso. In questa sezione vedremo perché. 

Il comparto hardware
Navigare, controllare la posta e guardare film in streaming: ecco le attività più comuni per un portatile. Ma chi utilizza queste macchine per lavorare, non si accontenterà di questo. Per grafica, animazione e registrazione audio occorre molta più potenza.

Il display
Risoluzione, luminosità, tecnologia touch: ecco alcuni dei fattori che influenzano la qualità del display. Ma anche le dimensioni non sono da trascurare. Un notebook 13 pollici, infatti, si presta ad un uso diverso rispetto ad un grande portatile da 17 pollici

Un suono cristallino
HP ha stretto da diversi anni una solida collaborazione con Bang&Olufsen, marchio leader nel settore Hi-Fi. Molti di questi portatili, quindi, possono contare su un solido comparto audio grazie a speaker potenti ed equalizzazioni ad hoc. Questo sarà l'argomento della sezione.

Tastiera e touchpad
Qui parliamo degli strumenti principali per interagire con il portatile: tastiera e touchpad. Precisi ed affidabili, garantiscono una buona velocità anche nei notebook economici HP.

Dimensioni e peso
Le dimensioni si legano giocoforza alla misura del display. Ma ad influenzarle è anche la presenza di cornici più o meno ampie. Altro elemento da non sottovalutare è lo spessore, il cui valore fa sentire il proprio impatto sul peso del laptop.

Materiali costruttivi e design
La scocca in plastica dei portatili base diventa metallica nei notebook di livello superiore. In entrambi i casi, la solidità della macchina viene preservata ma, a livello estetico, le differenze non saranno poche.

Tutte le forme della connettività
USB standard, USB Type-C, HDMI, jack audio e vano per schede SD: ecco gli ingressi più sfruttati a bordo di un portatile. In questa sezione ne approfondiremo le caratteristiche, trattando anche di connettività wireless.

Il sistema di raffreddamento
La ventola in un notebook svolge un compito cruciale: raffreddare il sistema e farlo rendere al massimo. Ma a bordo dei portatili HP trovano posto anche tecnologie fanless che analizzeremo con dovizia di particolari.

La durata della batteria
Altro elemento chiave è l'autonomia che si lega alla capienza della batteria ed alle ottimizzazioni software progettate dalla casa madre. Ma anche alla risoluzione del display ed alla potenza del processore.

I notebook HP
Dopo aver presentato i caratteri generali dei prodotti HP, sposteremo il focus sui singoli modelli. O meglio sulle tante serie di notebook che il brand californiano mette in campo.

Il prezzo
Un catalogo così ampio prevede prodotti per tutte le tasche, dai modelli supereconomici ai top di gamma più futuristici. Per aiutarti nella scelta, abbiamo scovato i più interessanti e li abbiamo collocati in tre fasce di prezzo: economica, media e alta.

Quanto costa un notebook HP?

prezzo notebook HP
Con circa 250 euro è possibile portare a casa uno dei notebook economici di HP. Ma se il budget a disposizione non è un problema, nel catalogo dell'azienda di Palo Alto incontriamo anche modelli da oltre 2000 euro. Fra questi due estremi, vi è una gamma incredibilmente ampia di prodotti in grado di adattarsi alle esigenze di qualsiasi utente. Usi il portatile per navigare e controllare la posta? Sei un appassionato di film e li guardi in streaming? Lavori in mobilità e hai bisogno di una solida autonomia? Operi con la grafica 3D o sei un appassionato di gaming? Beh, di certo fra i notebook HP c'è quello che risponde alle tue esigenze. Molte volte, però, quando necessità prioritaria è quella di spendere poco, la parola d'ordine diventa "compromesso". E, optare per un modello dal buon rapporto qualità prezzo ci fa risparmiare qualcosa, specialmente scovando la giusta offerta. La proposta HP è praticamente sconfinata e comprende modelli standard, notebook 2 in 1 e convertibili. Vi sono portatili supercompatti e laptop più ingombranti, schermi molto definiti o pannelli più economici. Per aiutarti a scegliere, abbiamo selezionato i notebook migliori e li abbiamo suddivisi in tre fasce di prezzo: economica (entro 500 euro), media (fino a 900) e alta (oltre 900 euro).
(Dati aggiornati a febbraio 2019 e soggetti a variazione nel tempo)

Fascia economica (entro 500 euro)

La fascia più accessibile dei notebook HP è dominata quasi interamente dai portatili delle serie "250" o "255". Si tratta di modelli pensati per l'uso professionale ma validi in qualsiasi circostanza. Solidi, un po' spartani ma molto bilanciati, rappresentano un riuscito esempio di qualità a buon prezzo. Uno dei più economici in assoluto è il notebook HP 250 G6 3QM76EA, in vendita senza sistema operativo per permettere all'utente di sceglierlo personalmente. Le prestazioni non sono male anche se il processore Intel Celeron N4000 mostra qualche limite nel gestire tanti processi insieme. Si comporta meglio la variante 3QM24EA che monta un notevole processore Intel Core i3 di settima generazione ed esce di fabbrica con a bordo il sistema operativo Windows 10 Pro. Fra i migliori della fascia economica troviamo, poi, il notebook HP 255 G6 3VJ25EA. Evoluzione del precedente, punta tutto sulla veloce unità SSD da 256 GB e sugli 8 GB di RAM per affrontare anche le task più complesse. Concludiamo con un modello completamente differente: l'HP Stream 14-ax004nl. Piccolo e compatto, si mette in luce per il design giovane e colorato. Adatto agli studenti, parliamo di un notebook 14 pollici che punta tutto sull'archiviazione in cloud.
(Dati aggiornati a febbraio 2019 e soggetti a variazione nel tempo)

Fascia media (fino a 900 euro)

I notebook HP 250 G6 appartengono alla famiglia di portatili più venduti sul web. Ed il motivo è semplice: coniugano buone prestazioni con un prezzo contenuto. Leader della fascia economica, alcuni di questi device si spingono fino alla categoria superiore. È il caso del notebook HP 4QW77EA, davvero un ottimo affare se consideriamo la qualità dell'hardware a bordo: processore Intel core i5 di settima generazione, 8 GB di RAM e SSD da 256 GB. In più, monta un notevole display 15 pollici Full HD. Spendendo qualcosa di più, ci portiamo a casa il notebook HP Pavilion 14-ce0023nl, più leggero e compatto del precedente per via dello schermo 14 pollici. L'hardware è quasi identico ma qui il processore è di ottava generazione. Ancora meglio riesce a fare il Pavilion 15-cb028nl, portatile dalle dimensioni standard che vanta una CPU Intel Core i7 altamente performante. In più, è dotato di buona scheda grafica Nvidia GeForce con 2 GB dedicati. Fra i notebook migliori della fascia media troviamo anche un modello della famiglia "Envy": l'HP 13-ag0006nl. Parliamo di un notebook convertibile della serie x360 dallo splendido display touch e dall'enorme flessibilità d'uso.
(Dati aggiornati a febbraio 2019 e soggetti a variazione nel tempo)

Fascia alta (oltre 900 euro)

I notebook migliori di HP si collocano qui, nella fascia alta della gamma. E si distinguono dagli altri non solo per le prestazioni solide ma anche per il design. I materiali, infatti, sono di primissima qualità e le scelte stilistiche si fanno più ricercate. Lo Spectre x360 13-ae019nl è uno dei notebook HP più belli a livello estetico. Ma parliamo anche di un notebook convertibile che diventa tablet, ampliando di molto le proprie potenzialità. Completo in tutto, conta anche su un hardware di alto livello. Meno compatto e più tradizionale nel design è l'HP Probook 450 G5, notebook potentissimo destinato all'uso professionale. Processore i7 di ottava generazione, 16 GB di RAM e SSD da 512 GB: con un hardware del genere sarà davvero difficile metterlo in crisi. Forte delle stesse specifiche tecniche ma un corpo decisamente più snello e compatto, l'HP EliteBook 850 G5 rappresenta il top di gamma in ambito professionale dell'azienda californiana. Ma il prezzo d'acquisto vola fino a superare i 1500 euro. Concludiamo con uno dei notebook gaming più potenti di HP: l'Omen 15-dc0024nl. Aggressivo e performante, monta una GPU Nvidia GTX 1060 che porta l'esperienza di gioco su un altro livello.
(Dati aggiornati a febbraio 2019 e soggetti a variazione nel tempo)

Una gamma in grado di soddisfare tutte le esigenze

caratteristiche notebook HP
Portatili per l'uso quotidiano, per il gaming o per il lavoro: nella gamma dei notebook HP non manca davvero niente. E inquadrare le proprie esigenze è il primo passo per acquistare il prodotto giusto. I modelli a tutto tondo fanno parte delle serie Stream, "Essential" e Pavilion. Quest'ultima è una delle famiglie di HP notebook più note, per via dell'ottimo rapporto qualità-prezzo. Salendo di livello, oltre alle prestazioni, a migliorare è la qualità costruttiva. È questo il caso dei portatili "Envy" e Spectre, ultrabook eleganti e realizzati con cura, forti di un design contemporaneo e raffinato. Parliamo di notebook con SSD, l'unità di archiviazione a stato solido che porta l'efficienza su un altro livello. Anche in ambito professionale non mancano le opzioni. "EliteBook" e Probook sono due famiglie premium pensate per assicurare performance sicure in mobilità, mentre la serie "250" si mostra più economica. I portatili della serie "ZBook", invece, sono vere e proprie workstation compatte. Infine, gli appassionati di videogames troveranno nei notebook gaming della serie Omen e "Pavilion Gaming" quanto di meglio il mercato possa offrire.

(Fonte immagini: sito ufficiale HP)

Notebook tradizionale, convertibile o 2 in 1? Tutto parte da qui

Desideri un portatile tradizionale per svolgere al meglio le attività quotidiane? O hai bisogno di soluzioni più flessibili? In ogni caso, vi è un notebook HP per ogni esigenza. Sì, perché oltre alle molte famiglie di laptop proposte, è prevista un'ulteriore e trasversale suddivisione dei prodotti. Alcuni dei portatili HP, infatti, indipendentemente dalla serie, vengono proposti in tre configurazioni: standard, convertibile e 2 in 1. Alla prima categoria appartengono i notebook classici. Il notebook convertibile, invece, è una macchina provvista di speciale cerniera tra display e tastiera che permette allo schermo di ruotare fino a 360 gradi sul proprio asse. Denominati da HP x360, possono essere sfruttati come laptop tradizionali ma, se ruotati completamente, diventano tablet. Altra cosa sono i notebook 2 in 1, modelli provvisti di display e tastiera completamente separabili. In questo caso, una volta staccato lo schermo, ci troveremo fra le mani un vero e proprio tablet che potremo usare in modo pratico anche in mobilità. A questi particolari prodotti viene associato il nome "x2" e una delle loro peculiarità è quella di essere notebook leggeri e molto duttili.

Il ruolo chiave del comparto hardware

A livello software, i notebook HP montano quasi tutti Windows 10, mentre Windows 7 compare solo a bordo di alcuni modelli destinati all'uso professionale. In ogni caso, l'hardware di queste macchine si mostra sempre adeguato al sistema operativo. E anche fra i notebook economici non mancano portatili potenti e performanti che, magari, ci impongono qualche compromesso in quanto a design e materiali costruttivi. Vediamo meglio di seguito le specifiche tecniche previste:

Processore 
Quasi tutte le famiglie di processori Intel vengono sfruttate da HP per costruire l'architettura dei propri notebook. A influire molto sull'impiego dei processori è la serie di appartenenza del laptop ed il tipo di utilizzo. I processori Intel della serie core i (i3, i5 ed i7) sono i più completi e garantiscono un ottimo equilibrio fra prestazioni e risparmio energetico. Invece, quelli della serie core m(m3, m5, m7), pensati per notebook leggeri e privi di ventola, lavorano sulla propria frequenza per raffreddare il laptop. Nei notebook economici, infine, trovano posto le meno performanti CPU Pentium, Celeron e Atom. Meno diffusi ma comunque presenti su qualche modello sono anche i processori AMD, suddivisibili in tre categorie: serie E (economici), serie A (media qualità) e serie Ryzen (top di gamma).  

GPU
I processi grafici del notebook sono gestiti dalla GPU (Graphics Processing Unit), anche denominata scheda grafica. Nella maggior parte dei casi, la GPU è integrata nel processore. Ma quando occorre più potenza per il gaming, la grafica o l'animazione 3D è bene scegliere un laptop con scheda dedicata. I portatili HP montano prodotti AMD o NVIDIA, anche in questo caso di fascia economica, media oppure alta.

Memoria RAM
La Random Access Memory (RAM) lavora sui processi aperti nel sistema. Maggiore è la propria capacità, più grande sarà il numero di processi eseguibili contemporaneamente. I notebook base di HP sono provvisti di 4 GB di RAM che possono superare i 12 GB di RAM nei notebook professionali. Con 8 GB, però, si ha un buon compromesso fra prezzo e prestazioni.

Unità di archiviazione 
L'abbiamo lasciato per ultimo ma è, probabilmente, il componente hardware più importante. Parliamo dell'hard disk, il disco al cui interno sono salvati i dati, i programmi ed il sistema operativo stesso. Oltre ai classici modelli meccanici, i migliori notebook HP montano le unità SSD, in grado di archiviare i dati senza bisogno di alcun movimento fisico. Molto più veloci degli hard disk, sono il punto di partenza obbligato per acquistare un portatile performante e poco energivoro.

Display HP: qualità e flessibilità

I pannelli usati da HP sono quasi tutti LCD, anche se la nuova gamma "Spectre x360" 2019 sarà la prima a montare uno schermo OLED. Al di là di questo, dimensioni e risoluzione sono caratteristiche chiave di ogni display. Ma sui portatili tali fattori assumono ancora più rilevanza per via dell'utilizzo prolungato che siamo soliti farne. La gamma dei notebook HP si compone di modelli per tutte le tasche e le specifiche degli schermi variano col prezzo. Vediamo insieme come:

Dimensioni
I mini notebook della serie x2 prevedono pannelli da 10,1 pollici, i più piccoli dell'intera gamma. Dall'altro capo, in alcuni modelli "Envy", "Pavilion" e "Probook" il limite massimo della diagonale raggiunge i 17,3 pollici. Siamo di fronte a macchine antipodiche, le prime completamente votate alla trasportabilità, le seconde all'uso in postazione fissa o semifissa. Fra i due estremi, incontriamo prodotti intermedi che rappresentano un valido compromesso fra dimensioni e qualità del display 13,3 pollici è il formato più diffuso sugli utrabook mentre 15,6 resta la diagonale di riferimento per i portatili più tradizionali. In ogni caso, i notebook migliori di HP prevedono cornici del display sottilissime, pensate per ridurre le dimensioni generali senza sacrificare quelle dello schermo.

Risoluzione
La risoluzione determina la definizione dello schermo e la piacevolezza dell'immagine. I notebook economici HP montano ancora pannelli HD in 16:9 con risoluzione 1280x720 pixel. E va detto che, osservando il mercato attuale, tale valore appare un po' scarsino. Meglio preferire uno schermo Full HD con risoluzione 1980x1080 pixel. Per chi cerca l'immagine perfetta, alcuni dei laptop top di gamma prevedono suggestivi display 4K (4096x3840 pixel) che, però, danno il massimo con contenuti appositamente pensati.

Standard o touch?
Un'altra variabile da considerare in fase di acquisto riguarda la tipologia del display. Con "standard" intendiamo un tipo di pannello privo della tecnologia touch che, invece, trova posto sui convertibili o i notebook 2 in 1. Praticamente inutile sui tradizionali laptop da scrivania, il touch screen assume un ruolo cruciale su modelli che possono trasformarsi in tablet. Questi ultimi si caratterizzano per una luminosità esplosiva ma sono anche particolarmente riflettenti. I pannelli standard, invece, subiscono un trattamento antiriflesso che limita il riverbero della luce ma, di contro, offrono colori un po' più spenti.

Bang&Olufsen e HP: la priorità al suono

Non è raro nel mondo della tecnologia assistere a partnership illustri fra brand con lo scopo di migliorare la qualità dei prodotti. Per quanto riguarda i notebook HP, tale tipo di collaborazione si è messa in atto con Bang&Olufsen, storico marchio danese leader del settore Hi-Fi. Per questo, da qualche anno a questa parte, i notebook migliori della casa americana, fra cui anche i notebook gaming, sono provvisti di speaker (fino a 4) ottimizzati da B&O. A dire il vero, però, anche qualche modello di fascia media ne è provvisto, in special modo se consideriamo l'apprezzata serie "Pavilion". Assieme a casse potenti in grado di riprodurre un suono equilibrato e definito, a bordo di questi portatili è presente anche un programma per personalizzare il suono. Pensato da HP sempre in collaborazione con Bang&Olufsen, ci dà la possibilità di agire sui parametri acustici in vari modi. Oltre a regolare i volumi in uscita ed ingresso, offre un completo equalizzatore a 10 bande e comandi specifici per enfatizzare i bassi, gli alti e migliorare la chiarezza dei dialoghi. E non mancano, ovviamente, vari preset da utilizzare in base a ciò che stiamo ascoltando. Inoltre, il comparto audio si caratterizza per un volume sopra la media.

Tastiera e touchpad

I sistemi di controllo del puntatore e d'immissione del testo nei notebook HP sono tradizionalmente molto ben realizzati. Buona reattività della tastiera, corsa adeguata e posizionamento dei tasti rendono la digitazione veloce e sicura. Ma anche il movimento del puntatore appare fluido e preciso. Ovviamente, non mancano differenze fra i notebook economici ed i modelli migliori ma la qualità media resta alta. E anche quando il profilo del laptop si mostra particolarmente sottile (serie "Envy", "Spectre", "EliteBook"…), la tastiera mantiene un'ottima risposta, mostrandosi gradevole anche a livello acustico. Nei notebook gaming, poi, incontriamo tastiere ancora più precise, in grado di farci affrontare al meglio lunghe sessioni di gioco. E quando cala la luce, potremo beneficiare della retroilluminazione integrata. Tornando al touchpad (chiamato clickpad se privo di tasti), va detto che le gesture di Windows sono supportate pienamente da tutti i modelli, anche dai notebook 2 in 1 e dai convertibili. Con l'utilizzo di uno, due o tre dita potremo, infatti, gestire un'ampia serie di funzionalità, ruotare le immagini, ridimensionarle con il pinch to zoom, spostarle col drag and drop e navigare attraverso le finestre aperte.

Dimensioni e peso

Le dimensioni di un portatile ne influenzano, per forza di cose, il peso. Un notebook 15 pollici di fascia media avrà un peso compreso fra i 2 ed i 3 chili mentre un ultrabook 13 pollici raramente supererà il chilo e mezzo. Nel primo caso, parliamo di un portatile la cui larghezza si aggira attorno ai 38 cm mentre il secondo tipo di prodotto non andrà oltre i 33. Se, poi, prendiamo in considerazione i mini notebook da 10,1 pollici, dimensioni e peso si abbassano ancora. Discorso diametralmente opposto vale per i potenti laptop da 17 pollici con larghezza di circa 42 cm e peso che si assesta intorno ai 3 chili. Anche lo spessore condiziona il peso in modo significativo. I notebook leggeri, non a caso, sono sprovvisti di unità ottica sul fianco, fattore che contribuisce a tenere il profilo molto contenuto. È il caso di tutti gli ultrabook HP da 13 o 15 pollici, macchine la cui vocazione naturale è l'uso in mobilità, sia nelle attività di tutti giorni che in quelle lavorative. Infine, è bene considerare che un notebook convertibile pesa in media sempre qualcosa in più rispetto al relativo modello standard. E lo stesso vale per i laptop provvisti di touch screen. 

Materiali costruttivi e cura del design

Le differenze subito evidenti fra un laptop di fascia bassa ed un modello top di gamma sono tutte nei materiali costruttivi impiegati e nelle scelte di design. Ed infatti, i notebook HP più economici presentano una scocca in plastica che, per quanto ben assemblata e solida, non li fa apparire prodotti premium. Ben diverso è l'aspetto dei notebook migliori di casa HP. In particolare, i portatili che risultano più curati in assoluto appartengono alle famiglie "Envy" e "Spectre". Parliamo di macchine alle quali il marchio di Palo Alto affida tutto il peso dell'innovazione tecnologica e dell'estetica. Il primo elemento che si palesa è la qualità dei materiali, con l'alluminio anodizzato a prevalere. Le cornici del display sono ridotte all'osso, fattore che permette di contenere le dimensioni generali del portatile. Sobri ed eleganti, i notebook 13 pollici della serie "Envy", sono arricchiti dal motivo damascato della cover e dalla solida cerniera bicolore. Più audaci nelle forme si mostrano i modelli "Spectre", famiglia che racchiude alcuni dei notebook più leggeri in assoluto di HP. Inoltre, questi modelli prevedono una particolare finitura bianco ceramica e preziosi inserti in oro pallido.

Connettività wireless e fisica

Molti dei notebook HP con diagonale da 13 pollici in giù sono ormai privi di porta ethernet per il collegamento via cavo alla rete. E ciò è chiara testimonianza di un'evoluzione del comparto connettività avvenuta negli ultimi anni. In molti casi, infatti, i protocolli wireless sostituiscono le porte fisiche, come nel caso del Bluetooth e del Wi-Fi, che permette di connettere al portatile tutti gli altri dispositivi di rete. Ciò nonostante, notebook economici e modelli di punta HP sono ancora provvisti di alcuni ingressi ben visibili lungo i fianchi. USB è la parola d'ordine quando si affronta il tema connettività. Ma mentre i modelli di fascia bassa prevedono solo le tradizionali porte USB di tipo A, i notebook più evoluti affiancano loro le più moderne USB Type-C. Ed in certi casi, come nella serie EliteBook, si arricchiscono della tecnologia Thunderbolt che, oltre al passaggio di dati, trasmette anche immagini e suono ad un monitor esterno. In tale ottica, almeno a bordo dei notebook migliori, si assiste alla progressiva scomparsa delle porte HDMI. Ampiamente diffuse su tutta la gamma rimangono, invece, gli slot per le schede SD e gli ingressi audio da 3,5 mm. Mentre l'unità ottica per la lettura di CD e DVD sta pian piano scomparendo anche sui modelli da 15 pollici.

Ventola sì ventola no: sistemi di raffreddamento a confronto

La gamma dei notebook HP comprende laptop con ventola e senza. Ma qual è la differenza? Per cominciare, parliamo in entrambi i casi di sistemi per il raffreddamento che, però, lavorano in modo completamente diverso. L'utilizzo della ventola rappresenta la modalità più classica e presuppone un movimento meccanico interno al portatile che generi un flusso d'aria in grado di abbassare la temperatura dei componenti hardware. Nel secondo caso, invece, per compensare l'assenza della ventola vengono sfruttati particolari processori Intel della famiglia Core m. Molto meno energivori e forti di specifiche ottimizzazioni software, lavorano con temperature più basse e sono in grado di autolimitare la propria potenza per raffreddare il portatile. Data l'assenza della ventola, questi processori trovano ampio spazio nei notebook leggeri e compatti. E, più in generale, negli ultrabook con display non oltre i 13 pollici. Ottimi anche a bordo dei notebook 2 in 1 e dei convertibili, assicurano ottime prestazioni quando lo spessore del device è ridottissimo. Esemplare è il caso della serie EliteBook Folio di HP che racchiude i notebook migliori per uso professionale in mobilità.

Durata della batteria

In media, nei notebook economici HP da 15 pollici la durata della batteria si assesta intorno alle 4 ore. Ben maggiore è, invece, l'autonomia dei notebook leggeri da 12 o 13 pollici: i cosiddetti ultrabook. Ma quali sono i fattori che influenzano maggiormente le prestazioni della batteria? Senza dubbio, al primo posto, troviamo il tipo di utilizzo che faremo del laptop. Navigare, scrivere, leggere le email: ecco alcune attività il cui impatto sull'autonomia è abbastanza contenuto. Ma se iniziamo ad usare il notebook per giocare, vedere film e per lavorare con la grafica, la durata calerà drasticamente. Per quanto il processore possa essere ottimizzato, infatti, avendo operazioni più complesse da gestire, consumerà di più. Anche le caratteristiche del display svolgono un ruolo chiave in tale ottica. All'aumentare della definizione dello schermo, infatti, crescono anche le risorse di cui ha bisogno. Senza contare che un display touch consuma mediamente di più di un pannello tradizionale. Infine, non possiamo non considerare in questa sezione la capienza della batteria che si lega con decisione alle proprie dimensioni. Misurabile in Wattora (Wh), si assesta per lo più su valori vicini a 40 ma sale fino a 60 nei notebook migliori.

Funzionalità per tutti i giorni: i notebook per uso domestico

"Essential" e "Pavilion" sono i nomi di due fra le più diffuse famiglie di notebook HP. Parliamo di macrocontenitori al cui interno trovano posto sia prodotti base che modelli più evoluti. Destinati all'uso domestico, si mostrano abbastanza completi sotto ogni punto di vista, senza però eccellere nelle prestazioni. Ampia e variegata è la dotazione di processori (Intel e AMD), memorie RAM e unità di archiviazione. Ma a colpire è la propensione sempre più accentuata a preferire le SSD rispetto al canonico hard disk meccanico. Fra i modelli più interessanti troviamo i notebook 14 pollici "Pavilion": un ottimo compromesso fra performance e dimensioni. Ma la stessa famiglia si segnala per la presenza di interessanti notebook convertibili. Parlando di display, la risoluzione Full HD è la massima raggiungibile da questi prodotti. Ma i pannelli si mostrano di buona qualità, più che adeguati all'utilizzo quotidiano, in special modo sui grandi notebook 17 pollici. Venendo ai lati meno positivi, il compromesso più grande di questi device resta la qualità costruttiva. Pur essendo ben assemblati e solidi, sono realizzati quasi interamente in plastica e, rispetto ai laptop premium di HP le differenze sono tangibili.

Potenza e design: i modelli premium

Se in un portatile cerchiamo stile e potenza, dovremo orientare l'acquisto verso i notebook HP premium delle serie Envy e Spectre. Sottilissimi e costruiti in alluminio, appaiono anche fra i più leggeri in circolazione. Parliamo di ultrabook compresi nel range 12/17 pollici, privi di unità ottica per CD e DVD ma forti di un'unità per l'archiviazione dei dati di tipo SSD, in tagli compresi fra 128 e 512 GB. La memoria RAM, invece, non scende mai sotto i 6 GB e, in certi casi, va oltre i 12. Venendo ai processori, ai potenti Intel core i5 ed i7 si affiancano i top di gamma AMD della serie Ryzen. A livello hardware, insomma, siamo di fronte ai notebook migliori della casa americana. Altro punto di forza di questi modelli è il display, sia in versione standard che touch. Luminosità, brillantezza, contrasto accentuato: ecco alcune delle prerogative di pannelli che arrivano fino a risoluzione 4K. E la batteria non è da meno con l'autonomia che si mantiene sempre superiore alle 6 ore. Questi notebook leggeri e veloci si distinguono anche a livello estetico, forti di un'identità comune che si esprime sotto forma di eleganza e, in certi casi, di ardito design, come nel caso degli Spectre x360

Tecnologia per il lavoro: i laptop professionali

I notebook HP votati all'uso professionale rappresentano un mondo a sé stante, vasto e profondamente sfaccettato. Sono ben quattro le famiglie proposte da HP, in un crescendo di prestazioni e attenzione per il design. Si parte con i modelli 250 G6, macchine da lavoro complete e solide che, pur non brillando per l'estetica, si mostrano altamente efficienti. E non a caso, parliamo dei notebook migliori per qualità-prezzo e, proprio per questo, i più venduti. Salendo di livello, incontriamo la famiglia Probook, forte di notebook con ssd e display Full HD di ottima qualità. Notevole anche la dotazione hardware che li porta ad essere fra i più veloci in circolazione benché, in quanto a design, si mostrino un po' tozzi e spartani. A rialzare l'asticella dell'estetica e della qualità costruttiva ci pensa la serie EliteBook che, a prestazioni top unisce un look elegante e sobrio. Potenza da vendere, display ad alta risoluzione e ottimizzazioni software per incrementare l'autonomia sono i punti di forza di questi notebook leggeri, arricchiti anche da tecnologie innovative per la sicurezza. Ultimi ma non certo per importanza, incontriamo gli ZBook, i portatili più performanti di HP, che montano processori potentissimi e GPU dedicate per sostenere carichi lavorativi pesanti.

Intrattenimento puro: le macchine da gaming

Cosa cerca un appassionato di gaming in un portatile? Per prima cosa la qualità dell'immagine. Ma anche il comparto audio assume un ruolo chiave, così come l'efficienza del sistema di raffreddamento. E poi, autonomia e comodità della tastiera sono altri due elementi sui quali non si può proprio scendere a compromessi. A queste particolari esigenze dei gamer, l'azienda di Palo Alto risponde con due serie di notebook HP specifici. Parliamo dei modelli "Pavilion Gaming" e i nuovi computer serie Omen presentati al CES 2019 di Las Vegas, subito riconoscibili per il design aggressivo e le colorazioni accese, verde nel primo caso e rosso nel secondo. I laptop "Pavilion Gaming" sono considerati i notebook economici mentre gli "Omen" i top di gamma. In ogni caso, però, ci troveremo di fronte a macchine da gioco incredibilmente performanti, con a bordo processori potenti, tanta RAM e unità di archiviazione dalla grande capacità. Gli speciali display con elevato refresh rate sono in grado di rendere l'azione di gioco ancora più coinvolgente. Il tutto coadiuvati da casse potenti per un suono avvolgente. Altro punto di forza dei notebook gaming HP è l'impianto di raffreddamento che impedisce a scocca e tastiera di scaldarsi troppo. E a proposito di tastiera, reattività e retroilluminazione sono le parole d'ordine.